Site icon Nuova Resistenza – ITALIA

Coronavirus Shutdown: la fine della globalizzazione e dell’obsolescenza programmata – Entra nel Multipolarismo

Metropolis (Fritz Lang, 1927)

Di Joaquin Flores

La pandemia di coronavirus ha dimostrato che i processi gemelli di globalizzazione e obsolescenza programmata sono carenti e moribondi. La globalizzazione si basava su una serie di presupposti, tra cui la perpetuità del consumismo e l’estinzione dei confini nazionali come richiesto dalle società transnazionali.

Quello che vediamo invece non è un processo di globalizzazione, ma piuttosto un processo di crescente multipolarità e un ripensamento del consumismo stesso.

Normalmente un crollo totale del mercato e una crisi di disoccupazione inaugurerebbe un periodo di attività sindacale militante, scioperi e campagne di lavoro comunitario. Abbiamo già visto qualcosa di tutto questo. Ma lo «stato di emergenza medica» in cui ci troviamo, ha effettivamente funzionato come un «lockout». Le élite hanno effettivamente ribaltato il copione. Invece di chiedere ora ai lavoratori il ripristino dei salari, degli orari e dei diritti sul posto di lavoro, chiedono a gran voce qualsiasi possibilità di lavorare, a qualsiasi condizione siano loro imposte. Le élite possono “permettersi” di farlo perché hanno ricevuto migliaia di miliardi di dollari per farlo. Vedete come funziona?

Per tutta la vita siamo stati male informati su cosa significhi un’economia in crescita, che aspetto abbia, come la identifichiamo. Per tutta la vita ci hanno mentito su cosa significhi letteralmente miglioramento tecnico.

Un’economia in crescita significa infatti che tutti i beni e i servizi diventano meno costosi. Che lavora contro l’inflazione. Piuttosto, tutti i prezzi dovrebbero sgonfiarsi: meno soldi dovrebbero servire per comprare lo stesso (o lo stesso denaro dovrebbe servire per comprare di più). Innovazione tecnica significa che le merci dovrebbero durare più a lungo, non essere pianificate per l’obsolescenza con durate di vita più brevi.

La disoccupazione è opportuna se è parallela alla deflazione dei prezzi. Se entrambi raggiungessero il punto zero, i problemi che crediamo di avere sarebbero risolti.

In un articolo rivelatore del 2 Aprile apparso sul sito Web della BBC, “il coronavirus invertirà la globalizzazione?” si propone che la pandemia esponga le debolezze e le vulnerabilità di una catena di approvvigionamento e di un sistema manifatturiero globali e che ciò, in combinazione con la guerra commerciale tra Stati Uniti e Cina, vedrebbe una tendenza generale al “ripopolamento” delle attività. Questi punti sono corretti.

Ma l’articolo non coglie il punto del problema di fondo che l’economia deve affrontare in generale: il tasso di profitto in declino reso necessario dall’automazione, con le politiche sempre più irrazionali, in tutte le sfere, perseguite per salvare l’insalvabile.

La ruota karmica della produzione e del consumo

I lockdown – che sembrano superflui ai numerosi stimatissimi esperti di virologia ed epidemiologia – sembrano mirati a fermare il ciclo produzione-consumo. Quando guardiamo alla creazione sfrenata di nuovo “denaro”, per salvare le banche, ci viene detto che ciò non causerà inflazione/svalutazione fintanto che la velocità del denaro sarà mantenuta al minimo. In altre parole – fintanto che non c’è una reazione a catena delle transazioni e il denaro “sta fermo” – questo non causerà inflazione. È una pretesa capziosa, ma che giustifica la politica di quarantena/lockdown che oggi distrugge migliaia di piccole imprese ogni giorno. Solo negli Stati Uniti, le richieste di disoccupazione supereranno i 30 milioni entro la metà di Aprile.

Allo stesso modo, questo denaro sembra reale, si trova digitalmente come nuova liquidità sugli schermi dei computer delle banche transatlantiche, ma non può essere speso o riempirà il sistema di iperinflazione. Più precisamente, il pezzo della BBC continua erroneamente ad assumere la necessità del ciclo produzione-consumo, trasformando il grano in oro per sempre.

Le élite non avevano torto a chiudere il ciclo di per sé. Il problema è che non possono offrire l’hardware corretto al suo posto, perché pone fine al modo stesso in cui producono il denaro. È questo, che a sua volta è una fonte importante per il mantenimento del loro equilibrio dopaminergico e dell’offerta narcisista.

Questo non è un problema economico affrontato dall'”1%” (lo 0,03%). È una crisi esistenziale di fronte al significato delle loro vite, dove la soddisfazione può essere trovata solo in livelli sempre maggiori di ricchezza e controllo, reali o immaginari, inseguendo quel drago, alla ricerca di quello sballo sempre più sfuggente.

Quindi, naturalmente, le loro soluzioni sono la riduzione della popolazione e altri piani neomalthusiani quasi genocidi. La distruzione dell’umanità, la forza potenziale produttiva numero uno, riporta le lancette del tempo a un periodo in cui i livelli di profitto erano più alti. La campagna Instagram sul coronavirus, che favorita algoritmicamente, fa vedere i centri urbani spopolati dichiarandoli “belli” e “pacifici”, è un esempio di questo principio misantropico in gioco.

Il fatto che le élite abbiano scelto di chiudere l’economia occidentale è indicativo del punto storico che abbiamo raggiunto. E mentre ci viene detto che la produzione e il consumo torneranno un po’ “dopo la quarantena”, sentiamo anche dagli zar non eletti appena emersi – Bill Gates e altri – che le cose non torneranno mai più alla normalità.

Ciò di cui abbiamo bisogno per porre fine è l’intera teoria e pratica della globalizzazione stessa, compresa l’Agenda 21 delle Nazioni Unite e il ruolo pericoloso dei filantropi come Gates con il suo grado di potere grossolanamente sbilanciato sulla formazione delle politiche nella sfera occidentale.

Al posto della globalizzazione in declino, stiamo assistendo alla realtà del crescente multipolarismo e dell’internazionalismo. Con questo, la fine del ciclo produzione-consumo, basato sulla produzione off-shore e sull’assemblaggio internazionale, e alla base di tutto: l’obsolescenza programmata verso la redditività a lungo termine.

Il problema della teoria della globalizzazione

Senza dubbio, la teoria della globalizzazione ha soddisfatto aspetti del potere descrittivo. Ma con il passare del tempo, il suo potere predittivo si è indebolito. Cominciarono a emergere teorie alternative, la principale tra queste, la teoria del multipolarismo.

La promozione della teoria della globalizzazione solleva anche problemi etici. Come un criminologo che “descrive” un’ondata di criminalità mentre viene investito nella costruzione di nuove carceri, la teoria della globalizzazione era tanto una teoria quanto una politica imposta al mondo dalle stesse istituzioni dietro la sua divulgazione nel mondo accademico e nella formazione politica. Pertanto non dovremmo essere sorpresi dall’emergere di soluzioni come quelle di Gates. Si tratta di “vaccini” brevettati da parte di società a scopo di lucro a spese del rafforzamento delle naturali immunità umane o dell’utilizzo di farmaci che altri paesi stanno utilizzando con efficacia.

La verità? La globalizzazione è in realtà solo un rebrand del Washington Consensus – gruppi di riflessione neoliberali e il presunto dominio eterno di istituzioni come la Banca Mondiale e il Fondo Monetario Internazionale, che a loro volta sono conglomerati sottilmente mascherati delle più grandi istituzioni bancarie transatlantiche.

Così, mentre alla globalizzazione veniva spesso conferito un aspetto umanista che prometteva sviluppo globale, modernizzazione, la fine degli “stati-nazione” che presumibilmente sono la fonte della guerra; in realtà la globalizzazione si basava sulla continua e crescente concentrazione del capitale verso le zone ottocentesche – New York, Londra, Berlino e Parigi.

L'”internazionalismo” un tempo era radicato nell’esistenza di nazioni che a loro volta erano possibili solo con l’esistenza della cultura e dei popoli, ma è stato dirottato dal progetto transatlantico. In poco tempo, gli “internazionalisti” della nuova sinistra divennero campioni dello stesso processo di imperialismo a cui i loro antenati si erano opposti con veemenza. «Chiamatela “globalizzazione”, mostrate come sta distruggendo il “nazionalismo tossico” e creando “soluzioni di microfinanza per donne e ragazze (tirate fuori Malala)“», quindi, sono stati comprati completamente.

Questa non era la nuova era della “globalizzazione”, ma piuttosto secondo i soliti sospetti che risalgono al XIX secolo, un rebranding in meglio dello stesso imperialismo del XIX secolo descritto nell’influente opera di J.A. Hobson del 1902, “Imperialism”. La sua propagandata “inevitabilità” non si basava sull’impossibilità di modelli alternativi, ma sull’autorità che scaturisce dalla diplomazia delle cannoniere. Oggi però, il potere del mare sta lasciando il posto al potere della terra.

Per molti versi si è allineato con l’era della decolonializzazione e del postcolonialismo. Le nuove nazioni potrebbero sventolare le proprie bandiere e fare le proprie leggi, purché le istituzioni bancarie occidentali tradizionalmente imperialiste controllino l’offerta di moneta.

Ma ciò che sta emergendo non è la “globalizzazione” del Washington Consensus, ma un modello multipolare basato sulla sovranità e sulla differenza di civiltà, costruendo prodotti per durare, per la loro utilità e non per il loro potenziale di vendita ripetibile al dettaglio. Ciò contrasta con le pretese che l’omogeneizzazione globale in tutte le sfere (morale, culturale, economica, politica, ecc.) fosse inevitabile, come conseguenza della specializzazione mercantile.

Pertanto, l’internazionalismo sillabato come tale, ci ricorda che le nazioni – le civiltà, la sovranità e le loro differenze – ci rendono più forti come specie umana. Come contro i virus, alcuni hanno un’immunità naturale più forte di altri. Se le persone fossero identiche, un virus potrebbe spazzare via tutta l’umanità.

Allo stesso modo, un’economia globale eccessivamente integrata porta alla fusione globale e alla depressione quando un nodo crolla. Più che pilastri indipendenti che potrebbero aiutarsi a vicenda, l’interdipendenza è la sua più grande debolezza.

Il multipolarismo è la realtà

Questa nuova realtà – il multipolarismo – coinvolge processi che anche aspetti della teoria della globalizzazione suggeriscono e prevedono, quindi ci sono alcune ragioni oneste per cui gli esperti potrebbero erroneamente diagnosticare il multipolarismo come globalizzazione. È stato trascurato il fatto che la concentrazione dei nodi di capitale in varie e globalmente diverse regioni per continente, non erano esclusivamente regioni transatlantiche come nel modello di globalizzazione standard delle città Alpha ++ o Alpha +. Questa concentrazione di capitale lungo le linee continentali si stava verificando insieme allo sviluppo economico regionale e al miglioramento del tenore di vita che tendeva a promuovere l’efficienza del trasporto locale rispetto ai viaggi oceanici nel processo di produzione. Poiché i nodi regionali per continente avevano diversificato sempre più la propria produzione nazionale.

Ma tra i molti problemi della teoria della globalizzazione c’era il fatto che gli Stati Uniti sarebbero sempre stati il ​​principale consumatore dei beni mondiali e, con essi, il settore finanziario transatlantico. Era anche subordinato all’idea che le concezioni mercantilistiche di specializzazione (per nazione o per regione) avrebbero sempre avuto la meglio sui modelli autarchici e sull’I.S.I. (Import Substitution Industrialization). Di nuovo, se le basi dei consumatori della classe media stanno aumentando in tutti i continenti abitati del mondo come spiega e prevede il multipolarismo, allora un regime di produzione globale razionalizzato verso una base di consumatori transatlantica come prevede la teoria della globalizzazione non è altrettanto appropriato.

Poiché il sistema attuale si fonda su un modello produzione-consumo e finanziario, le soluzioni alle crisi si presentano come la riduzione della popolazione e ciò che appare addirittura, almeno nel caso dell’Europa, come sostituzione della popolazione. Per quanto cliché possa sembrare, questa sembrava essere anche la politica del Terzo Reich quando il capitalismo ha affrontato le sue ultime grandi crisi culminate nella seconda guerra mondiale.

Rompere la ruota

L’arresto rivela che la ruota karmica della produzione-consumo è in realtà già rotta. Abbiamo già superato l’apice di ciò che il vecchio paradigma aveva da offrire, ed è entrato da tempo in un periodo di decadenza, distruzione economica e morale.

Come il Cristo che porta avanti una nuova alleanza o il Buddha che emerge per spezzare la ruota del karma, il nuovo mondo da costruire sulle rovine della modernità è un mondo che libera le forze produttive, realizzando il loro pieno potenziale, e con esso la liberazione dell’uomo dalla macchina del ciclo produzione-consumo.

L’obsolescenza programmata e il consumismo (marketing) sono i mali gemelli che hanno contribuito alla simultanea riduzione in schiavitù del “vivere per lavorare” e hanno costruito la globalizzazione basata sull’assemblea globale e la monocultura globale.

Ciò che è importante per le persone e per la loro qualità di vita è il tempo per vivere la vita, non essere bloccati nella routine. Ascoltiamo politici ed economisti parlare di “tutti hanno un lavoro”, come se ciò che le persone vogliono è stare lontano dalle loro famiglie, amici, passioni o hobby. Inoltre, le persone non possono inventare, innovare o affrontare le questioni più grandi della vita e della morte, se hanno l’acqua fino al collo.

Ora che viviamo sotto un sistema di controllo palese, uno “stato di emergenza medica” con un’economia congelata, possiamo vedere che un altro mondo è possibile. La verità è che la maggior parte delle cose che vengono prodotte sono fatte intenzionalmente per rompersi in un momento specifico, in modo che un riacquisto sia prevedibile e i profitti siano garantiti. Ciò costringe le catene di approvvigionamento globali e giustifica i crash indotti artificialmente volti alla ridistribuzione verso l’alto e agli espropri di massa.

Invece di permettere a Bill Gates di girare il mondo per promuovere uno stato di polizia con un programma di riduzione della popolazione subito dopo che una pandemia ha colpito, uno per il quale molti credono che possieda il brevetto, possiamo invece affrontare le questioni del multipolarismo, della sovranità delle civiltà e porre fine all’obsolescenza pianificata e alla catena di approvvigionamento globale, nonché alla delocalizzazione di cui necessita, ciò che la BBC giustamente osserva, è comunque in discussione.

Fonte: strategic-culture.org

Traduzione: Alessandro Napoli

Exit mobile version