Vai al contenuto

Sulla situazione geopolitica nei Caraibi

Di Leonid Savin

La trasformazione dei processi chiave della politica mondiale e l’intensificazione dell’azione della Russia in America Latina ci obbliga a guardare più da vicino la regione nelle immediate vicinanze degli Stati Uniti, i Caraibi, crocevia degli interessi di molte grandi potenze.

La maggior parte dei soggetti in questa regione sono piccoli paesi, sebbene ci siano anche giganti come Messico e Venezuela. Alcuni sono clienti degli Stati Uniti, un certo numero di paesi persegue una politica indipendente e sono in rapporti amichevoli con la Russia. Ma la maggior parte preferisce l’equilibrio.

Data la sua vicinanza agli Stati Uniti, Washington ha sempre trattato questa regione con un’attenzione particolare. Nel 1983, mentre la Guerra Fredda era ancora in corso, gli Stati Uniti lanciarono la Caribbean Basin Initiative (CBI), che divenne la pietra angolare della cooperazione economica USA-Caraibi.

L’idea era di fornire assistenza economica alla regione per rendere gli stati della regione satelliti affidabili. Era una sorta di soft power volto a contrastare qualsiasi influenza dell’Unione Sovietica e dei suoi alleati, in primis Cuba. Ufficialmente, come ora, ciò era giustificato dalla necessità di promuovere e rafforzare le democrazie caraibiche.

Il CBI consiste in due programmi commerciali per i paesi e territori dei Caraibi e dell’America Centrale: il Caribbean Economic Recovery Act (CBERA) e il US-Caribbean Trade Partnership Act (CBTPA).

Oggi, CBI fornisce incentivi a 17 paesi nell’ambito del CBERA, otto dei quali sono anche beneficiari del CBTPA. La CBERA non ha termini di prescrizione e la CBTPA è stata riautorizzata dal Congresso degli Stati Uniti fino al 2030. Gli Stati Uniti forniscono ai paesi caraibici un accesso favorevole al loro mercato e spingono anche verso la liberalizzazione delle riforme.

Nel 2016 è stato approvato il United States-Caribbean Strategic Engagement Act per aumentare il coinvolgimento con i governi, il settore privato e la società civile nella regione. Gli Stati Uniti presumono di non essersi spinti abbastanza fuori dai Caraibi e individueranno vari punti focali per l’interazione, vale a dire, rafforzando la loro influenza.

Gli Stati Uniti sono il più grande partner commerciale dei Caraibi e, a loro volta, i Caraibi sono il sesto più grande partner commerciale degli Stati Uniti, con 35,3 miliardi di dollari che transitano tra di loro ogni anno. Nel 2017, la regione è stata il terzo mercato di esportazione di prodotti manifatturieri statunitensi in America Latina dopo Messico e Brasile.

Tuttavia, al di fuori dell’Accordo di libero scambio tra Repubblica Dominicana e America Centrale (CAFTA-DR), i paesi caraibici non hanno accordi bilaterali di libero scambio con gli Stati Uniti, avendo accesso ai mercati statunitensi solo nell’ambito della CBI.

Presenza militare statunitense

Gli Stati Uniti continuano ad essere il principale partner dei Caraibi nella cooperazione in materia di sicurezza. La regione ospita sette basi militari statunitensi chiave che fanno parte del Comando meridionale degli Stati Uniti (SOUTHCOM) e la sicurezza è stata un elemento centrale della strategia statunitense nei Caraibi [1].  Le basi operative statunitensi in America Latina sono note come Forward Operation Locations (FOL) o Cooperative Security Locations (CSL).

Paradossalmente, una delle basi si trova a Cuba – nella provincia di Guantanamo e, di fatto, rappresenta l’occupazione illegale della Repubblica dal 1959. C’è una base di Palmerola/Soto Cano in Honduras, dove sono presenti circa 500 militari statunitensi + 600 appaltatori civili (compresi cittadini dell’Honduras).

In El Salvador, la Marina degli Stati Uniti e gli aerei per il controllo della droga utilizzano l’aeroporto internazionale di Comalapa. La guarnigione di stanza lì fa parte del Joint Interwar Wall Group con sede a Key West, in Florida. Le isole di Curaçao e Aruba, che sono territori d’oltremare dei Paesi Bassi, hanno fornito i loro territori alla presenza militare americana.

L’esercito americano è assistito dalla guardia costiera olandese. La base militare statunitense ad Antigua esiste dalla seconda guerra mondiale. La US Air Force sta ora affittando il sito dal governo di Antigua. Alle Bahamas, sull’isola di Andros, c’è un centro per testare nuovi tipi di armi. È associato alla Marina degli Stati Uniti, ma altri membri della NATO – Canada, Danimarca, Germania, Grecia, Italia, Norvegia, Gran Bretagna – si trovano regolarmente sul suo territorio. Infine, le forze armate statunitensi utilizzano regolarmente il porto principale di Panama, Basco Nuñez de Balboa, per il rifornimento e lo scarico/carico [2].

Dal 2003, l’esercito americano conduce costantemente esercitazioni militari PANAMAX al largo delle coste di Panama con il pretesto di garantire la sicurezza delle operazioni del canale. È interessante notare che non sono mai emerse minacce al canale [3].

La strategia 2017-2027 di USSOUTHCOM afferma che le potenziali sfide future includono reti di minacce transregionali e transnazionali che includono organizzazioni criminali tradizionali, nonché la capacità in espansione di organizzazioni estremiste come ISIS e Hezbollah che operano nella regione, sfruttando le deboli istituzioni caraibiche e l’America Latina. USSOUTHCOM osserva inoltre che la regione è “estremamente vulnerabile ai disastri naturali e alle epidemie di malattie infettive” a causa di problemi di governance e disuguaglianza.

Infine, il rapporto riconosce la crescente presenza di Cina, Iran e Russia nella regione e che le intenzioni di questi paesi “sfidano ogni nazione che apprezza la non aggressione, lo stato di diritto e il rispetto dei diritti umani” [4]. Iproblemi sono stati usati come pretesto per rafforzare le relazioni tra gli Stati Uniti e i governi di diversi paesi della regione.

In questo quadro, la Caribbean Basin Security Initiative (CBSI) è una partnership di sicurezza collaborativa che supporta la collaborazione su iniziative contro la tratta, la prevenzione della criminalità e la sicurezza dei cittadini.

Il programma ha speso più di 556 milioni di dollari tra il 2010 e il 2018. Il programma si concentra sulla cooperazione marittima e aerea, sul rafforzamento delle capacità di contrasto, sulla sicurezza delle frontiere e dei porti, sulla riforma giudiziaria e sulla prevenzione della criminalità tra i giovani a rischio. Coinvolge il Bureau of International Narcotics and Law Enforcement Affairs, il Dipartimento della Difesa e l’Agenzia statunitense per lo sviluppo internazionale.

Il ruolo della Cina, gli interessi della Russia e di altri paesi

È importante sottolineare che tra il 2002 e il 2019, il commercio della regione con la Cina è aumentato di otto volte, da $ 1 miliardo a $ 8 miliardi. Nonostante l’esistenza del Forum di cooperazione economica e commerciale Cina-Caraibi, le relazioni commerciali si svolgono principalmente sulla base di accordi bilaterali, che consentono alla Cina di esportare principalmente beni industriali di alto valore.

Il commercio attraverso i mercati cinesi, tuttavia, rimane in gran parte unilaterale; CARICOM non ha un accordo di accesso preferenziale con la Cina, che continua ad avere un enorme surplus commerciale nella regione. Con la sua crescente presenza nei Caraibi, negli ultimi anni la Cina ha attratto sempre di più i partner commerciali di lunga data di Taiwan, anche se Taiwan continua a offrire accordi bilaterali di libero scambio nel tentativo di influenza.

Quattro dei 15 paesi che riconoscono Taiwan sono nei Caraibi. Tuttavia, questi paesi hanno ancora più scambi commerciali con la Cina continentale poiché Taiwan attrae i suoi alleati nella regione principalmente attraverso investimenti e aiuti esteri.

Anche il commercio tra il Messico e i paesi CARICOM è relativamente minore. Per il Messico, il commercio con i paesi caraibici rappresenta meno dello 0,1% del suo portafoglio commerciale internazionale. Collettivamente, anche altri paesi dell’America Latina hanno scambi minimi con i paesi CARICOM, con i paesi CARICOM che esportano $ 2,2 miliardi in America Latina e importano $ 3 miliardi dalla regione nel 2019.

Anche il volume degli scambi tra i paesi CARICOM e il Canada è ridotto. Queste relazioni economiche sono regolate dall’Accordo commerciale caraibico-canadese (CARIBCAN), che garantisce ai paesi caraibici un accesso esente da dazi al Canada unilateralmente nell’ambito di un’iniziativa simile alla CBI. Tuttavia, nonostante i numerosi negoziati, gli Stati caraibici devono ancora concludere un accordo formale di libero scambio con il Canada, nonché con l’Unione Europea.

Nel 2008, il Forum dei Caraibi ha firmato l’accordo di partenariato economico CARIFORUM-UE, concedendo a ciascuna regione un accesso preferenziale all’altra. L’Unione Europea è il secondo partner commerciale del CARIFORUM dopo gli Stati Uniti, importando principalmente combustibili caraibici e prodotti minerari.

Nel 2010 la Russia e la CARICOM hanno firmato un memorandum d’intesa e creato un meccanismo per il dialogo politico e la cooperazione. E questa base giuridica per l’interazione si sta espandendo. [5]  Nel 2013, la Russia ha cancellato un debito di $ 277.000 con la Guyana e nel 2015 è stato firmato un accordo per ristrutturare il debito di Grenada.

Durante l’esame della questione della Crimea alle Nazioni Unite nel 2014, in cui è stata effettuata una valutazione del ritorno della Crimea in seno alla Russia, la maggior parte dei paesi caraibici si è schierata neutrale. Questi stati erano Antigua e Barbuda, Giamaica, Guyana, Suriname, Dominica, Saint Kitts e Nevis, Saint Lucia e Saint Vincent e Grenadine. Pochi paesi hanno votato contro la Russia, tra cui quelli tradizionalmente filoamericani come Barbados, Bahamas, Haiti e Trinidad e Tobago. [6]

Dal 2018, tutti i paesi caraibici sono diventati esenti dal visto per i cittadini russi.

Il 27 luglio 2019, il ministro degli Esteri russo Sergei Lavrov, durante la sua visita in Suriname, ha rilevato l’interesse dei paesi della Comunità caraibica a costruire la cooperazione e il dialogo politico con Mosca: «Abbiamo un interesse reciproco a costruire la cooperazione, anche dialogo politico, tra i membri della Comunità caraibica e la Russia» [7].

Secondo la dichiarazione dell’ambasciatore russo in Guyana, Nikolai Smirnov, che rappresenta contemporaneamente il nostro Paese a Barbados, Grenada, Trinidad e Tobago, Saint Vincent e Grenadine, «i paesi della regione caraibica sostengono il concetto di multipolarità con il ruolo di coordinamento delle Nazioni Unite, lo stato di diritto internazionale e il principio di non interferenza negli affari interni di altri Stati. E le loro voci hanno un certo peso sulle piattaforme internazionali, tanto più che spesso assumono una posizione consolidata sui temi più importanti dell’agenda internazionale – che si tratti dell’attuazione delle disposizioni dell’accordo di Parigi sul clima, della revoca del commercio e dell’economia embargo contro Cuba, ovvero la necessità di risolvere la crisi in Venezuela senza pressioni e ingerenze esterne» [8].

Nella regione, la Russia ha una presenza militare condizionale solo in Venezuela e Nicaragua, dove ci sono consiglieri e istruttori. In Nicaragua, la Russia sta anche aiutando a combattere la criminalità organizzata, in particolare i tentativi di utilizzare questo paese come transito di droga.

La vicinanza della regione agli Stati Uniti la rende una via privilegiata per attività illecite, in particolare per le organizzazioni criminali colombiane e messicane che collaborano con gruppi locali per il traffico di droga in tutti i Caraibi. Ma recentemente, spedizioni di droga sono state inviate anche direttamente in Europa attraverso i porti della Colombia e del Brasile.

Anche lo sviluppo energetico può essere di qualche interesse. Solo tre paesi caraibici – Guyana, Suriname e Trinidad e Tobago – sono esportatori netti di energia, mentre gli altri dipendono fortemente dai prodotti petroliferi importati [9].  Trinidad e Tobago è uno dei principali fornitori di energia della regione, ma sta affrontando un calo delle entrate petrolifere a causa del calo dei prezzi globali.

Guyana e Suriname sono anche pronte a diventare i principali attori nell’esplorazione di idrocarburi nella regione, secondo i dati recenti delle compagnie petrolifere internazionali. Le riserve della Guyana, che hanno iniziato la produzione nel 2019, sono stimate in 10 miliardi di barili, il che la rende sede di uno dei primi 50 bacini petroliferi del mondo.

La Guyana fa parte del Commonwealth britannico ed è l’unico paese di lingua inglese del continente. Inoltre, la Gran Bretagna ha i suoi territori nella regione – Anguilla, Isole Vergini Britanniche, Isole Cayman, Montserrat – tutto questo fa parte delle Piccole Antille, un tempo scoperte da Cristoforo Colombo e conquistate dalla Spagna.

Trinidad e Tobago è stata a lungo il più grande produttore di gas naturale liquefatto (GNL) nei Caraibi ed è il sesto produttore mondiale di GNL, il che la rende l’unica nazione insulare della regione che non è un importatore netto di energia.

Si ritiene inoltre che i Caraibi abbiano un grande potenziale per una transizione energetica verde, data la loro abbondanza di energia solare, eolica, geotermica vulcanica e (in circostanze limitate) di generazione di energia dalle maree e opportunità di energia idroelettrica.

Sembra che una posizione più attiva della Russia nella regione, così come la partecipazione a vari progetti economici e infrastrutturali, potrebbero contribuire a elevare lo status e il ruolo di Mosca e favorire l’ulteriore espansione della sua presenza politica e persino militare-politica.

Note:

[1] coha.org

[2] state.gov

[3] navaltoday.com

[4] web.archive.org

[5] interaffairs.ru

[6] vestnik.bukep.ru

[7] caribbean-russia.com

[8] iz.ru

[9] data.worldbank.org

Traduzione di Alessandro Napoli

Fonte: geopolitica.ru

Categorie

Senza categoria

Tag

, , , , ,

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: