Site icon Nuova Resistenza – ITALIA

Mosca ha le prove delle armi biologiche ucraine

Di Luciano Lago

Mosca ha ricevuto documenti dai dipendenti dei laboratori biologici ucraini che confermavano che i componenti delle armi biologiche venivano sviluppati in Ucraina, in prossimità del territorio russo. Lo ha affermato ai giornalisti il ​​rappresentante ufficiale del ministero della Difesa russo, il maggiore generale Igor Konashenkov. “Nel corso di un’operazione militare speciale, sono stati scoperti i fatti di una pulizia di emergenza da parte del regime di Kiev delle tracce di un programma biologico militare in corso in Ucraina, finanziato dal Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti”, ha affermato.

Secondo i militari, dopo l’inizio dell’operazione speciale, “il Pentagono aveva seri timori” che il mondo venisse a conoscenza della conduzione di esperimenti biologici segreti sul territorio dell’Ucraina. Per nascondere la violazione da parte di Washington e Kiev del primo articolo della Convenzione delle Nazioni Unite sulla proibizione delle armi batteriologiche (biologiche) e tossiche, il ministero della Salute ucraino ha inviato un’istruzione a tutti i biolaboratori per eliminare urgentemente gli stock di agenti patogeni pericolosi, ha aggiunto il dipartimento. Il ministero della Difesa russo rivela lo sviluppo di armi biologiche nei laboratori ucraini, con il sostegno finanziario degli Stati Uniti.

Il portavoce del ministero della Difesa russo Igor Konashenkov ha annunciato domenica che durante l’operazione militare del Paese in Ucraina dal 24 febbraio, Mosca è stata in grado di rivelare che Kiev ha sviluppato componenti di armi biologiche in laboratori vicino al confine russo.

Tuttavia, ha continuato, quando è iniziata l’operazione russa, il governo ucraino, guidato da Volodímir Zelenski, ha ordinato la distruzione di agenti patogeni nei laboratori, che erano finanziati dagli Stati Uniti, in modo che fosse nascosta la suddetta cooperazione Washington-Kiev che viola la Convenzione sulle armi biologiche, ha denunciato. “Abbiamo ricevuto documentazione dai dipendenti dei biolaboratori ucraini sulla distruzione di emergenza il 24 febbraio di agenti patogeni particolarmente pericolosi di peste, antrace, tularemia, colera e altre malattie mortali“, ha affermato il portavoce russo.

Il ministero della Difesa russo ha pubblicato diversi documenti per dimostrare la veridicità dei suoi allarmi. Secondo Konashenkov, gli esperti nazionali li stanno già analizzando.

Fonte: ideeazione.com

Categorie

Senza categoria

Tag

, , , , ,

Exit mobile version