Vai al contenuto

Teheran è determinato a contrastare l’atlantismo

Vladimir Putin e Ali Khamenei

Da Katehon

Nella notte tra il 12 e il 13 marzo è stato effettuato un attacco missilistico contro il complesso diplomatico statunitense di Erbil. L’aeroporto internazionale, che ospita anche la base dell’aviazione americana, è stato costretto a interrompere i lavori. Il canale televisivo curdo Rudaw ha riferito che almeno 14 razzi sono stati lanciati nell’area in cui si trova il Consolato Generale degli Stati Uniti.

Secondo i dati ufficiali, non ci sarebbero state vittime o danni. Un portavoce degli Stati Uniti ha affermato che non vi sono stati danni a nessuna struttura del governo statunitense e che non vi era alcuna indicazione che l’obiettivo fosse il nuovo edificio del consolato, che attualmente non è occupato. Anche se chiaramente dalle esplosioni dei razzi è stato fatto qualche danno.

Numerosi media arabi hanno scritto che l’attacco è stato effettuato dal territorio dell’Iran. Inoltre, è stato riferito che sono stati effettuati attacchi alle strutture del Mossad (intelligence israeliana) a Erbil. Il 13 marzo, il Corpo delle Guardie Rivoluzionarie Islamiche (IRGC) ha rivendicato questa azione. Si diceva che “la notte scorsa il centro strategico delle cospirazioni sioniste è stato oggetto di un potente attacco missilistico da parte dell’IRGC. L’attacco è stato una risposta ai recenti crimini di Israele. Avvertiamo ancora una volta il regime criminale sionista che la ripetizione di azioni ostili sarà accompagnata da una risposta dura, decisa e distruttiva”.

In precedenza, l’8 marzo, l’IRIB Broadcasting Corporation ha riferito che due ufficiali dell’IRGC sono stati uccisi durante un attacco israeliano nella regione di Damasco. E le azioni di ritorsione dell’Iran possono essere viste come normali ritorsioni. L’Iran ha già effettuato attacchi alle strutture statunitensi in Iraq come rappresaglia per l’assassinio del generale Soleimani a Baghdad. Tuttavia, ora la situazione è più grave se si considera il contesto globale e il processo dei negoziati diplomatici di Teheran con l’Occidente sull’arricchimento dell’uranio. Il 10 marzo, il ministro degli Esteri iraniano ha affermato che gli Stati Uniti hanno proposto una serie di nuove condizioni inaccettabili sull’accordo nucleare; quindi, molto probabilmente non ci sarà un nuovo accordo. Il leader spirituale iraniano, l’Ayatollah Khamenei, ha affermato che l’Iran non ridurrà la sua presenza e influenza nella regione, non limiterà le armi e non ridurrà il suo potenziale scientifico in campo nucleare.

L’11 marzo il diplomatico dell’UE Josep Borrell ha annunciato la sospensione dei negoziati. Presumibilmente, il motivo dell’interruzione è stata la richiesta dell’Iran di revocare le sanzioni a tutte le sue forze armate, e gli Stati Uniti si sono rifiutati di farlo. Se questo è vero, allora le azioni di Teheran dimostrano una politica sovrana che rifiuta le mezze misure e flirta con l’Occidente. Inoltre, ci sono state segnalazioni dall’IRGC di sostegno alle azioni della Russia in Ucraina. Il giorno prima, i rappresentanti delle strutture armate della Siria hanno espresso la loro solidarietà alle azioni di Mosca e hanno dichiarato la loro disponibilità ad aiutare nella denazificazione dell’Ucraina.

La reazione degli Stati Uniti è stata piuttosto strana, o meglio, fiacca. La Casa Bianca non ha reagito affatto a questo evento, il che è piuttosto strano, dal momento che tali atti sono sempre stati coperti dall’amministrazione presidenziale degli Stati Uniti.

Anche il Dipartimento di Stato è rimasto in silenzio. L’ultimo briefing si è svolto l’11 marzo e sull’Iran è stato riferito solo che il rappresentante speciale degli Stati Uniti Rob Malley è tornato a Washington per consultazioni, poiché i negoziati sono complessi e diffiicili. È stato anche notato che le decisioni sarebbero state prese a Mosca e Teheran. Pertanto, gli Stati Uniti hanno chiarito che la Russia può partecipare attivamente allo sviluppo di posizioni sull’accordo nucleare. E dato il contesto attuale e l’inasprimento del regime di sanzioni bilaterali tra Russia e USA/UE, Mosca e Teheran hanno qualcosa da discutere e sviluppare a livello strategico.

Per coincidenza, la stessa notte, le truppe russe hanno lanciato un attacco missilistico da crociera sul campo di addestramento di Yavoriv nella regione di Lvov. In contrasto con la situazione a Erbil, ci sono state distruzioni significative, uccisi e feriti da parte delle forze armate ucraine e degli istruttori della NATO. Questo campo di addestramento è noto per il fatto che non solo l’esercito ucraino, ma anche i militanti delle formazioni neonaziste “Aidar” e “Donbass” sono stati addestrati lì sotto la guida della NATO. Ovviamente, la Russia ha dimostrato la sua determinazione a completare l’operazione militare in Ucraina e ha inviato un segnale ai paesi della NATO di non soccombere alle illusioni sulla fornitura di armi e ai tentativi di resistere in qualche modo al processo di smilitarizzazione: la “mano di Mosca” è in grado di raggiungere obiettivi a migliaia di chilometri di distanza.

Traduzione a cura di Lorenzo Maria Pacini

Fonte: Idee&Azione

Categorie

Senza categoria

Tag

, , , , , ,

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: