Vai al contenuto

Uno Stato nucleare irresponsabile

Di Sehrish Khan

Il recente discorso alla stampa del maggiore generale Babar Iftikhar, [portavoce] della DG ISPR, ha rivelato che un missile disarmato è stato lanciato dall’India. Questo missile balistico è atterrato o è stato sganciato nell’area di Mian Cannu della nostra provincia del Punjab. In India non sono state segnalate vittime a seguito di questo incidente. Tuttavia, le proprietà civili sono state danneggiate. Il missile è stato lanciato dalle forze speciali dell’esercito indiano vicino a Haryana. Le agenzie di difesa dell’amata patria hanno tracciato completamente la traiettoria di volo di questo lancio missilistico. Un portavoce dell’esercito pakistano ha affermato che forse la cosa più importante e preoccupante è che questo missile avrebbe potuto mettere in pericolo la sicurezza di molti voli internazionali e nazionali, poiché poteva ostacolare molti voli.

All’inizio l’India è rimasta in silenzio, ma anche il governo Modi e l’RSS hanno dovuto rispondere quando il rumore di questo grave lancio missilistico ha iniziato a farsi più forte. Il ministero della Difesa indiano ha mostrato un atteggiamento di routine ed ha espresso rammarico per l’incidente, definendo il lancio del missile un incidente. Oltre ad annunciare un’indagine ad alto livello, l’esercito indiano ha anche affermato che il Pakistan si era lasciato andare per l’errore.

Questa affermazione del Ministero della Difesa indiano è di per sé una seria presa in giro poiché il muso del missile è stato girato verso il Pakistan e l’India lo ha lanciato, rivendicandolo in seguito come un incidente. La reazione del ministero della Difesa indiano è stata molto frivola e ridicola ed è stata giustamente respinta dal nostro portavoce del ministero degli Esteri. Il dramma della speranza per la pace e la risposta di coloro che predicano il linguaggio della guerra, solleva nuove domande, piuttosto che risposte, al lancio di missili.

La domanda più importante è se l’India sia uno Stato nucleare così irresponsabile da lanciare accidentalmente missili contro il suo vicino durante la loro manutenzione ordinaria. Questo errore avrebbe potuto scatenare una guerra tra le due potenze nucleari confinanti. Se la spiegazione dell’India non è falsa, allora è sicuramente una campana a morto per i tecnici indiani poiché questo incidente apre un abisso di efficienza e professionalità nell’esercito indiano. Nonostante l’investimento di miliardi di dollari nel budget della difesa, questo presunto errore procedurale dell’esercito indiano è un momento umiliante per il comandante e i generali dell’esercito indiano.

Un’altra cosa da notare è che i cosiddetti appaltatori della pace mondiale, da Biden a Macron, i capi di tutti i Paesi che hanno coinvolto il Pakistan nel GAFI, non hanno reagito alla provocazione indiana. I media internazionali prevenuti, pur mantenendo la tradizione del sostegno ingiustificato e incrollabile all’India, si sono anche astenuti dal parlare dell’incompetenza o malizia indiana. Chiunque può capire molto bene, da sé, quale sarebbe stata la reazione dei media occidentali se una tale coincidenza fosse avvenuta dalla parte del Pakistan.

Lasciamo decidere al lettore se si si tratti di aggressione nucleare o ignoranza nucleare, ma una cosa è certa, questo incidente non è affatto un incidente una tantum, ma parte di uno schema. L’India è stata sorpresa in precedenza a giocare a giochi altrettanto pericolosi, ma la comunità globale non è stata in grado di intraprendere alcuna azione efficace contro di essa.

Chi non sa che l’uranio è un ingrediente chiave nelle armi nucleari che la gente comune non può comprare o vendere? Ma se si guarda all’India, questo materiale sensibile viene venduto in pubblico come patate o carote. Finora, ci sono stati terribili episodi in cui l’uranio è stato rubato al governo dell’India e poi venduto sul mercato nero. I rapporti del giugno 2021 mostrano che è stato arrestato un uomo nello stato indiano del Jharkhand mentre vendeva uranio. La vendita di questo elemento, utilizzabile nella bomba atomica, è stata denunciata anche nella capitale economica indiana Mumbai, in cui sono stati recuperati 7 kg di uranio da due persone. La misura di quanto sia esteso il mercato nero dell’uranio in India può essere misurata dal fatto che tra il 1994 e il 2021 si sono verificati 18 casi di furto o perdita di materiale nucleare.

Secondo il South Asia Strategic Stability Institute, in India sono stati rubati o persi un totale di 200 chilogrammi di materiale nucleare. Nel 1994, le forze di sicurezza indiane e le forze dell’ordine indiane hanno sequestrato 2,5 kg di uranio in vari raid. Allo stesso modo, 111 kg sono stati registrati nel 1998, 59,1 kg nel 2000, 200 kg nel 2001, 225 kg nel 2003, 4 kg nel 2008, 9 kg nel 2016 e 13,75 kg nel 2021. Tutti questi incidenti ed esportazioni sono prove evidenti dell’essere l’India uno Stato nucleare insicuro.

Tutti questi incidenti e le loro ragioni pongono molte sfide pericolose per l’India in particolare e per la comunità mondiale in generale. Quali passi ha intrapreso l’India per prevenire il furto di uranio dal 1974? Quale azione è stata intrapresa contro coloro che sono coinvolti nel furto dell’uranio e a quali forze o organizzazioni malvagie la rete di questi individui è legata? Il programma nucleare indiano è compartito per errore il missile? È stata incompetenza o si tratta di un argomento per un’ulteriore escalation della frenesia bellica di Modi? Come è stato lanciato il missile durante la manutenzione? Perché i Paesi occidentali e l’Agenzia Internazionale per l’Energia Atomica stanno chiudendo un occhio? L’uranio e il materiale nucleare rubati all’India non possono essere distruttivi per la pace mondiale?

Traduzione di Costantino Ceoldo

Fonte: geopolitica.ru

Categorie

Senza categoria

Tag

, , , ,

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: