Site icon Nuova Resistenza – ITALIA

Analisi militare dell’operazione in Ucraina dal punto di vista degli Stati Uniti

Di Leonid Savin

Il 23 marzo, i media occidentali hanno diffuso un’altra informazione sulle “perdite dell’esercito russo” in Ucraina, indicando che circa 40.000 soldati sono stati uccisi, feriti, catturati o dispersi. Allo stesso tempo, il Wall Street Journal, che per primo ha dato questa notizia [1], fa riferimento ad un anonimo funzionario della NATO di alto rango e il resto dei media cita il Wall Street Journal.

Questo clamore occidentale e questo pio desiderio non sono più sorprendenti ed è abbastanza comprensibile. Molto più interessanti sono i tentativi degli esperti militari e politico-militari occidentali di considerare le tattiche e la strategia di combattimento utilizzate in Ucraina da entrambe le parti.

Il 5 marzo, il Washington Post ha indicato un cambiamento nella tattica delle operazioni militari [2]. È stato notato che gli ucraini hanno cercato di infliggere quante più perdite possibili all’esercito russo, mentre è probabile che la Russia aumenti la sua potenza di fuoco. La pubblicazione citava diversi esperti militari. Rob Lee ritiene che il vantaggio della Russia sia nel condurre una guerra convenzionale con l’uso di carri armati e unità di fanteria meccanizzata.

Pertanto, gli ucraini devono concentrarsi sugli attacchi contro queste apparecchiature durante le ore di oscurità con l’aiuto di dispositivi di visione notturna. E il membro del Congresso Jason Crow, che ha prestato servizio in Afghanistan e Iraq, ha affermato che il decentramento dell’esercito ucraino è la migliore risorsa al momento, il che, stranamente, contraddice gli indicatori necessari per l’adesione del paese alla NATO.

Altre stime non sono meno interessanti. Michael Kofman e Ryan Evans notano che la Russia sta conducendo una “guerra di logoramento” [3]. Questo è uno degli approcci classici, che consiste nell’indebolire il nemico con continui attacchi ed esaurimento, costringendolo a spendere tutte le proprie risorse. Ovviamente, in tale strategia, la vittoria sarà dalla parte del partecipante al conflitto che ha più risorse e riserve. E questa è chiaramente la Russia. Pertanto, nei paesi della NATO continuano intense discussioni sulla necessità di rifornire le forze armate ucraine per continuare a infliggere danni alle truppe russe, nonostante la perdita di uomini.

Il noto esperto militare Michael Mazarr sta cercando di capire le cause del conflitto e come rispondere ad esse. Scrive che in nessun caso dovrebbero essere prese decisioni affrettate e che

“la migliore risposta alle tragedie guidate dall’imperativo è una solida deliberazione, sia pubblica che interna al governo, che esegue esattamente il tipo di analisi consequenzialista basata sui risultati che cercano i fornitori di imperativi – anche se inconsciamente — da evitare. Le domande chiave che dovremmo porci su qualsiasi azione proposta in Ucraina includono: questa politica farà una differenza misurabile nella guerra? Rischia di superare qualche soglia di escalation oggettivamente definita, come lo svolgimento di vere e proprie operazioni di combattimento? Cosa potrebbe pensare la Russia dell’atto? Come potrebbe rispondere? Esistono alternative che otterrebbero lo stesso effetto, con un rischio inferiore? Quali sono i possibili effetti di secondo ordine? L’atto è in accordo con gli interessi nazionali americani in gioco? L’effetto del giudizio imperativo è quello di spazzare via tali domande scomode. Se ne fosse stato chiesto abbastanza – dalle persone giuste, al momento giusto, con la serietà necessaria – gli Stati Uniti avrebbero potuto evitare catastrofi come la Baia dei Porci o l’invasione dell’Iraq. La pace globale è in gioco nella guerra più ampia che potrebbe diffondersi dall’Ucraina. In questa crisi, gli Stati Uniti devono affrontare un obbligo innegabile: porre le domande giuste prima, piuttosto che dopo, intraprendere un’azione su larga scala; verificarne il senso del dovere e l’impegno moralistico e, questa volta, per essere sicuri di trovare la strada per un’azione saggia, piuttosto che una strada per il disastro.” [4]

Questa è una valutazione più equilibrata. Indica anche la necessità di un ritardo nel processo decisionale nei circoli politico-militari degli Stati Uniti e della NATO.

Un altro avvertimento arriva dal maggiore Joseph Bedingfield, il quale afferma che la mancanza di un pensiero storico nelle forze armate statunitensi non consente loro di capire cosa sta succedendo in Ucraina. Scrive che gli attuali incontri e briefing della NATO parlano solo dello stato attuale della crisi e delle dottrine operative.

“Poche, se non nessuna, di queste conversazioni includono una prospettiva storica su variabili come l’espansione verso est della NATO, il passato di Putin e il modo in cui modella la sua visione del mondo, o le complesse relazioni della Russia con l’Ucraina. Ciò lascia perplessi, dato l’uso da parte di Putin della storia revisionista per giustificare la sua invasione. Forse gli ufficiali dell’esercito credono che la storia non li prepari a sufficienza per risolvere i problemi moderni. Tuttavia, se l’esercito vuole preparare gli ufficiali a comprendere e vincere in ambienti complessi come l’Ucraina, deve prima invertire una cultura astorica e ripristinare la mentalità storica degli ufficiali.” [5]

Ma quando si attua questo approccio, c’è il rischio di comprendere la storia da una posizione che giustificherà gli interessi di un determinato gruppo politico. Non ci sono garanzie di obiettività nello studio della Russia da parte dell’esercito americano.

Caitlin Lee dell’Air Force Association Mitchell Institute e della RAND Corporation è più preoccupata per lo stato delle forze armate statunitensi in relazione alle circostanze attuali in Ucraina e intorno a Taiwan.
La Lee scrive che “i leader della Difesa devono affrontare un dilemma costante: in assenza di un importante aumento del budget della difesa, non possono fornire forze per tutto e mancano anche della direzione strategica e operativa di cui hanno bisogno per dare priorità in modo coerente. Quindi, ricorrono alla copertura delle loro scommesse in vari modi. Uno dei più insidiosi è adottare una strategia di “diffusione del burro di arachidi” delle forze statunitensi in tutto il mondo.” [6]

A suo avviso, “il Dipartimento della Difesa deve trovare un equilibrio tra pianificazione deliberata e agile all’interno del processo di assegnazione delle forze del sistema globale di gestione delle forze […] i responsabili delle politiche di difesa devono rimanere umili riguardo alla definizione di obiettivi strategici in un mondo pericoloso e in evoluzione.”

L’autore non promette di allineare magicamente la posizione globale con gli obiettivi strategici dichiarati, poiché sono ancora necessari una leadership dall’alto e chiari obiettivi strategici. Ciò indica che le priorità e i compiti non sono coordinati nella leadership degli Stati Uniti ora, le opinioni dei militari e dei politici differiscono e le decisioni non vengono prese in modo ragionevole, il che minaccia problemi per gli stessi Stati Uniti.

Una valutazione simile è contenuta in un rapporto dell’ex dipendente del Dipartimento di Stato americano Anthony Cordesman. Allo stesso tempo, afferma che l’operazione in Ucraina potrebbe essere uno spoiler per il miglioramento delle capacità della Cina e la crescita di altre minacce regionali [7].

Altri ricercatori della RAND William Marcellino e Michael McNerney sottolineano l’importanza dei social network in questo conflitto, che agiscono come catalizzatori, incitando e stimolando la volontà di combattere [8].

Poiché gli autori si accorgono solo di ciò che sta facendo la parte ucraina (vedi il meme sul “fantasma di Kiev” o varie maledizioni contro l’esercito russo), perdono completamente di vista l’efficacia con cui la Russia sta lavorando nello spazio dei media (compreso il divieto di alcuni social americani reti).

Essi scrivono che “tutto questo ha implicazioni per gli Stati Uniti e il Dipartimento della Difesa. La ricerca RAND e gli eventi in Ucraina mostrano quanto sia fondamentale la volontà di combattere per ottenere risultati nei combattimenti. Inoltre, in un mondo connesso di social media, immagini e messaggi possono rapidamente raccontare una storia che sostiene potentemente o degrada la volontà di combattere stessa. La volontà di combattere è difficile da valutare (è molto più facile contare i carri armati) e, con rare eccezioni, le prime valutazioni delle prospettive della Russia in Ucraina hanno in gran parte ignorato la volontà di combattere e si sono concentrate sul materiale. Ma gli Stati Uniti e i loro alleati potrebbero aver bisogno di capirlo e tenerne conto.”

Molto probabilmente, il lavoro dell’ecosistema mediatico russo è ancora oggetto di un attento studio negli Stati Uniti e nella NATO, ma finora i risultati non sono condivisi. Le ragioni possono essere diverse: incoerenze con la presentazione dei media occidentali, dove c’è molta disinformazione; riluttanza a riconoscere l’ondata di patriottismo all’interno della Russia e ad aprire il sostegno di un certo numero di paesi (Serbia, Siria, Bielorussia, ecc.) e la divulgazione di fatti falsi da parte delle autorità ucraine.

In un contesto più ampio, Michael Johnson, ricercatore senior della difesa, propone sette punti che gli Stati Uniti e i loro alleati della NATO dovrebbero tenere in considerazione [9].

  • Gli Stati Uniti non dovrebbero più essere coinvolti in guerre per sempre. Il presupposto qui è che gli Stati Uniti e la NATO dovrebbero evitare un conflitto militare diretto con la Russia in Ucraina a causa del rischio di un’escalation nucleare. Eppure la falsa scelta tra estremi di intervento sfrenato ed eccessiva moderazione spesso ignora la deterrenza difensiva come alternativa razionale per prevenire la guerra e promuovere la prosperità.
  • Una grande guerra in Europa o in Asia non scoppierà a causa dell’interdipendenza economica. Il sostegno alle sanzioni può indebolire più a lungo i cittadini occidentali che soffrono a causa degli effetti di queste sanzioni sulla finanza condivisa, sull’energia e sulle catene di approvvigionamento.
  • Basare le forze di terra della NATO in Polonia e nei Paesi baltici è una minaccia provocatoria per la Russia. Non c’è volontà politica o capacità militare nella NATO di invadere la Russia e Putin lo sa.
  • La Russia non attaccherà mai la NATO a causa dell’articolo V.
  • La NATO può scoraggiare la Russia con la forza aerea; non è necessario stazionare le forze di terra nell’Europa orientale.
  • Gli Stati Uniti dovrebbero cooperare con la Russia nella strategia “Reverse Kissinger” contro la Cina. Sembra improbabile che una vera cooperazione russa per contenere la Cina avvenga fino a quando la vera democrazia russa non consentirà una riduzione delle tensioni con l’Occidente, o quando la Cina rappresenta una minaccia diretta per la Russia. Nessuno dei due scenari sembra realistico nel prossimo o addirittura lontano futuro.
  • Gli Stati Uniti dovrebbero lasciare la sicurezza europea agli europei per concentrare la strategia di difesa e la spesa sulla Cina. Poiché la Cina diventa una superpotenza che cerca di dominare l’Asia ed esercitare un’influenza globale, è vero che gli americani non possono più preoccuparsi della sicurezza europea più degli europei.

L’opinione di Johnson riflette un’ampia tendenza all’interno degli Stati Uniti sul tema della minaccia dalla Cina e della riluttanza a fare la guerra su due fronti.

Ci sono anche valutazioni più specifiche che sono interessanti dal punto di vista delle informazioni e delle operazioni psicologiche.

Kane Tomlin (un ex soldato dell’esercito americano e ora direttore dei programmi speciali presso il Dipartimento delle forze dell’ordine della Florida) ritiene che “secondo il Victim Identity Model (VIM), […] gli Stati Uniti e la Western Intelligence Community (IC) hanno svolto un ruolo fondamentale nell’inevitabile sconfitta della Russia nella sua guerra con l’Ucraina.”

L’ipotesi principale del VIM è “che un prerequisito per forme organizzate di violenza collettiva sia un elemento di leadership organizzativa motivato che convinca i suoi seguaci del loro status di vittima all’interno del gruppo. Questa vittimizzazione indiretta all’interno del gruppo legittima le cause di ritorsione dichiarate del gruppo, assume la responsabilità individuale nei confronti del gruppo e consente ai membri del gruppo psicologicamente normali di commettere violenza contro i loro aggressori percepiti” [10].

Tomlin afferma che “il contributo della comunità dell’intelligence alla sconfitta della Russia è notevole perché questa potrebbe essere la prima volta che un ruolo del genere è stato così determinante per lo sforzo bellico senza che gli Stati Uniti sparassero un colpo… Le persone devono accettare una mentalità da macrovittima alias “vittimizzazione per procura” al fine di abbassare le nostre normali inibizioni contro la violenza fuori dal gruppo. Eventi come Pearl Harbor e l’11 settembre sono stati eventi di macrovittimizzazione altamente efficaci principalmente perché si trattava di veri e propri attacchi a “Stati Uniti innocenti” dal nostro punto di vista […] Tuttavia, questi eventi non devono necessariamente essere reali per funzionare sul gruppo bersaglio, in questo caso i russi, perché il meccanismo dell’infortunio non conta quanto l’effetto dell’infortunio stesso.”

Questo effetto psicologico è supportato dalla diffusione di falsi e da un’intensificata campagna di propaganda all’interno dell’Unione Europea e degli Stati Uniti, diretta da un lato contro la Russia e dall’altro che mostra l’Ucraina come una vittima. Naturalmente, i fatti dell’aggressione dell’Ucraina nel Donbass sono stati tenuti nascosti dal 2014. La selettività nella scelta delle informazioni e gli attacchi alla coscienza della gente comune è un meccanismo obbligatorio nel processo di vittimizzazione.

Tuttavia, Tomlin tace su un’altra sfumatura psicologica: la crescente frustrazione tra i militari e i politici ucraini. La NATO non è venuta in aiuto dell’Ucraina e la popolazione delle città liberate è estremamente amichevole con l’esercito russo, incolpando le forze armate ucraine e i battaglioni nazionali neonazisti per quello che è successo.

Questioni di psicologia e antropologia sono sollevate da Mary Harrington, ma da una posizione leggermente diversa. La Harrington si chiede perché mercenari e volontari dai paesi occidentali vengano in Ucraina. La risposta è che in Occidente non possono realizzare la loro mascolinità [11]. L’attuale società liberaldemocratica da molto tempo reprime tali istinti, che ora sono sfuggiti grazie alla massiccia propaganda.

In effetti, perché tutti questi “eroi” appena nati non hanno voluto andare in Donbass o in Siria come volontari per realizzare le loro qualità maschili, aiutare a combattere il terrorismo e salvare i civili? Probabilmente, questa è una conseguenza dell’influenza di questa stessa macchina mediatica occidentale, che mostra solo l’immagine che è vantaggiosa per gli ordinatori.

Riassumendo la conclusione, si può notare che nei principali media, anche dove vengono pubblicati i commenti di esperti militari, l’ambientazione per l’imminente sconfitta della Russia e lo spirito combattivo degli ucraini sono generalmente gonfiati, mentre sui siti web specializzati e nei centri analitici, invece, gli analisti militari sono più accurati nelle loro valutazioni. Sebbene vi sia un elemento di clamore e di evidente simpatia nella scelta delle parti nel conflitto militare, l’approccio generale suggerisce la necessità di rivedere la strategia statunitense in generale e le limitate capacità della NATO in particolare.

Note:

[1] wsj.com
[2] washingtonpost.com
[3] warontherocks.com
[4] warontherocks.com
[5] smallwarsjournal.com
[6] warontherocks.com
[7] csis.org
[8] rand.org
[9] rand.org
[10] smallwarsjournal.com
[11] unherd.com

Traduzione di Costantino Ceoldo

Fonte: geopolitica.ru

Exit mobile version