Vai al contenuto

La strategia economica di Cuba nella lotta alle sanzioni

Di Leonid Savin

L’esperienza dell’Isola della Libertà può essere utile per la Federazione Russa.

Immediatamente dopo la rivoluzione del 1959, Cuba ha subito pressioni senza precedenti da parte degli Stati Uniti. Durante i primi anni furono effettuati e pianificati tentativi di aggressione militare, ma dopo il dispiegamento di missili sovietici nel 1962 e la presenza dei nostri specialisti militari lì, il fervore militante a Washington si raffreddò un po’. La Casa Bianca quindi passò alle operazioni segrete e al blocco economico.

Fino al 1991, con il sostegno diretto dell’URSS, Cuba non ha avuto problemi di regolamentazione economica, ma dopo il crollo dell’Unione Sovietica è diventato molto più difficile sopportare il peso del confronto economico e politico con gli Stati Uniti. Tuttavia, nonostante il blocco e le sanzioni, Cuba non ha ceduto ai ricatti e alle minacce degli Stati Uniti. Nelle nuove condizioni è stato necessario riformare il sistema economico del Paese, trovare metodi di lavoro più efficienti e cercare modalità di interazione con gli altri Paesi.

Nel 2010 Raul Castro ha annunciato riforme economiche, secondo le quali l’impresa privata era consentita e le industrie statali sono state soggette a trasformazioni. Poiché le sanzioni contro Cuba sono state alquanto allentate sotto Barack Obama, questo ha ispirato ottimismo.

Ma dopo l’arrivo di Donald Trump alla Casa Bianca, la politica della forte pressione è tornata, ed è stata continuata sotto l’amministrazione di Joe Biden. Per aggirare le sanzioni, la dirigenza cubana ha dovuto ricorrere a una serie di misure forzate. Nel 2014 è stata aperta a Cuba la Mariel Free Economic Zone.

Nel luglio 2020, il governo della Repubblica di Cuba ha adottato una strategia socioeconomica per rafforzare l’economia e mitigare le conseguenze della crisi causata dall’epidemia di coronavirus. Parallelamente, sono proseguiti i lavori sul Piano nazionale per lo sviluppo socio-economico fino al 2030. [1]

Secondo il presidente del Paese Diaz-Canel, è stata adottata una strategia che porta risultati, dove si prende come punto di partenza la situazione nel mondo e nel Paese, si analizzano i dibattiti pubblici nei social network e negli ambienti accademici.

È significativo che la leadership cubana abbia utilizzato un approccio integrato per comprendere le minacce alla società e allo stato.

«A livello globale, stiamo assistendo a una profonda crisi a seguito dell’impatto del Covid-19, del crollo definitivo dei paradigmi neoliberali dell’imperialismo e delle azioni abusive dell’egemonia imperiale, rivelate nel libro di John Bolton», ha detto il leader cubano.

Il presidente ha osservato che il libro di Bolton solleva la questione di come il governo degli Stati Uniti stia esercitando pressioni su altri paesi. Parla del suo sostegno ai tentativi di colpo di stato, al loro intervento, alla violenza, all’intervento militare e al dispiegamento di basi in tutto il mondo.

Il capo dello Stato cubano ha osservato che l’amministrazione americana è preoccupata per il prestigio ei risultati del nostro Paese. “Questo spiega perché sta aumentando la sua aggressività nelle circostanze attuali, come dimostrano l’aumento delle persecuzioni finanziarie, il congelamento dei conti cubani nei paesi terzi, varie azioni volte a screditare i leader cubani, la riduzione delle rimesse, l’applicazione di restrizioni sulle aziende che fanno affari con Cuba e che cercano costantemente di creare le condizioni per un’esplosione sociale”.

In una strategia per contrastare l’ingerenza americana, il presidente cubano ha rilevato la necessità di anticipare la manipolazione dei media volta a screditare il governo, nonché di non provocare potenziali disaccordi su questioni delicate come il matrimonio egualitario, il razzismo, la violenza contro le donne, diritti degli animali, ecc.;

Il leader cubano ha anche notato che, poiché gli Stati Uniti hanno molti fondi, oltre a laboratori ideologici, stanno adottando nuovi modelli mediatici. Pertanto, a Cuba è stata presa la decisione di sviluppare un’adeguata strategia di comunicazione in grado di affrontare tali sfide. Parallelamente, è stata sottolineata la necessità di aggiornare le modalità di comunicazione, ovvero la sua deburocratizzazione e digitalizzazione.

Dopo l’annuncio del nuovo programma, l’attenzione prioritaria è stata data sia alla produzione che alla sovranità alimentare, il che ha portato a cambiamenti nel sistema del Ministero dell’Agricoltura.

Inoltre, sono iniziati i lavori per migliorare il lavoro del settore non statale, l’unificazione monetaria e valutaria.

Da gennaio 2021 Cuba ha annullato la circolazione parallela di due tipi di pesos e ha lasciato un solo tipo di valuta nazionale. E dal luglio 2021 è stato necessario abbandonare l’uso dei contanti in circolazione, a causa dell’inasprimento delle sanzioni da parte degli Stati Uniti.

Di recente, il vicepremier Ricardo Cabrisas Ruiz, nel rapporto annuale del Ministero del Commercio Estero e degli Investimenti, ha affermato che è necessario tenere conto anche della diversificazione e della ricerca di nuove nicchie di mercato in alleanza con forme di governo non statali e essere in grado di ripristinare quelle industrie tradizionali che sono redditizie. [2]

Al riguardo, Rodrigo Malmierca Diaz, capo del ministero, ha osservato che il nuovo portafoglio di opportunità, allineato alle principali direzioni strategiche del Piano nazionale per lo sviluppo economico e sociale fino al 2030, conta 678 progetti, di cui 130 prioritari.

Secondo il ministro dell’Economia e della Pianificazione Alejandro Gil, la nuova strategia cubana per affrontare la crisi economica si basava su una pianificazione centralizzata. «Questa caratteristica è un punto di forza del nostro sistema, che non significa una distribuzione centralizzata delle risorse. Stiamo prendendo provvedimenti per decentralizzare la distribuzione amministrativa delle risorse», ha osservato.

In secondo luogo, come in Russia, anche a Cuba viene praticata la sostituzione delle importazioni al fine di proteggere la propria produzione. Poi viene la regolamentazione del mercato, principalmente con metodi indiretti. Il quarto principio di questa strategia è legato all’unificazione di diverse entità economiche sia nel settore statale che in quello non statale. Il quinto punto riguarda il ruolo stimolante della domanda interna. Ciò consente di creare posti di lavoro e garantire l’utilizzo della domanda interna, a seconda della crescita produttiva del Paese.

Il sesto principio riguarda una maggiore autonomia nella gestione del settore imprenditoriale, elemento ampiamente richiesto dalla popolazione e dagli stessi imprenditori. Il settimo elemento comprende l’attuazione degli aspetti chiave approvati e pianificati nel rinnovamento della governance e della proprietà.

L’ottavo punto riguarda la promozione della competitività garantendo l’uso efficiente delle risorse materiali e finanziarie, nonché il risparmio come mezzo per aumentare l’efficienza. E l’ultimo principio della strategia è legato al rispetto della politica ambientale e dello sviluppo sostenibile.

Per quanto riguarda quest’ultimo, Cuba sta introducendo attivamente fonti di energia rinnovabile. Si presume che la conclusione di contratti da parte di persone fisiche e giuridiche per la produzione di energia solare fotovoltaica nel prossimo futuro avrà un effetto economico.

Il Ministero dell’Agricoltura ha dichiarato sul suo sito web che il risparmio monetario derivante dalle energie rinnovabili mostra una riduzione del consumo di elettricità del 2% all’anno. [3]

L’Unione Nazionale dell’Energia sta implementando nuovi sistemi che generano elettricità utilizzando i pannelli solari. Raggiungere il 37% di sostituzione del consumo di elettricità da fonti di energia rinnovabile entro il 2030 è una priorità in tutti i settori del Paese.

In generale, possiamo dire che il passaggio all’energia verde a Cuba è un processo piuttosto promettente a causa del gran numero di giornate di sole, nonché della capacità di utilizzare l’energia di flusso e riflusso.

Anche l’attrazione di società straniere nell’economia cubana è una delle priorità della nuova strategia.

È noto che sette aziende estere provenienti da sette paesi interagiranno con 51 aziende nazionali durante la XXIII edizione della Fiera Internazionale dell’Alimentazione e dell’Agricoltura Fiagrop 2022, che si terrà dal 4 all’8 aprile presso il sito espositivo di Rancho Boyeros. [4]

La fiera, organizzata dalla Società Agricola sotto gli auspici del Ministero dell’Agricoltura, del Ministero dell’Industria Alimentare, della Compagnia dello Zucchero Azcuba e della Camera di Commercio della Repubblica di Cuba, promuove lo sviluppo delle relazioni commerciali attraverso mostre di beni e servizi, seminari, conferenze, presentazioni di prodotti, un forum aziendale, aste e un’esposizione di 1.000 tipi di bovini.

Ovviamente, questo evento sarà di grande importanza per l’economia cubana dopo due anni di sospensione a causa delle restrizioni di quarantena nel Paese.

Tuttavia, nella cooperazione internazionale ci sono alcuni rischi di cadere sotto le sanzioni statunitensi. Ad esempio, il 21 marzo 2022, un giudice federale di Miami si è pronunciato contro le navi da crociera Carnival, Norwegian, Royal Caribbean e MSC, che secondo la quale stavano conducendo operazioni turistiche a Cuba vietate dalla legge statunitense tra il 2015 e il 2019. [5] Nella sua decisione, il giudice Beth Bloom ha affermato che, sebbene a queste società fosse stata concessa la licenza dal governo federale per portare cittadini a Cuba, non era loro consentito utilizzarla per il turismo.

Inoltre, è stato chiesto un risarcimento ai discendenti di un uomo d’affari americano per l’utilizzo del terminal dell’Avana, che “è stato confiscato dopo la Rivoluzione cubana per viaggi effettuati al di fuori delle categorie consentite dalla legge”.

Il turismo è uno dei settori più colpiti dal blocco unilaterale degli Stati Uniti. Poiché genera entrate significative per il tesoro della Repubblica di Cuba, Washington è costantemente alla ricerca di nuovi motivi per limitare le visite degli stranieri che vengono come turisti.

Donald Trump ha adottato 243 misure coercitive contro Cuba che sono ancora in vigore. Tra maggio e giugno 2019 Trump ha attivato il Titolo III dell’Helms-Burton Act (emanato nel 1996 da Bill Clinton), che rafforza la natura extraterritoriale del blocco economico, commerciale e finanziario, e ha annunciato le restrizioni che hanno portato Cuba a cancellare le crociere all’isola.

Ciò consente agli americani di citare in giudizio praticamente qualsiasi azienda che Washington crede stia facendo affari o tragga profitto da proprietà confiscate dal governo cubano.

In risposta, il 24 dicembre 1996 Cuba ha approvato la legge n. 80, riaffermando la dignità e la sovranità di Cuba, che ha dichiarato illegale e nulla la legge Helms-Burton.

Le autorità cubane hanno dichiarato che nessuna legge straniera può impedire l’uso nell’interesse del proprio popolo di beni che una volta erano stati nazionalizzati sulla base di decisioni che rispettano pienamente le norme del diritto internazionale.

Tuttavia, secondo i dati ufficiali, solo tra aprile 2019 e marzo 2020, a causa di queste persecuzioni sono stati causati a Cuba più di 880 milioni di dollari di danni. Ciò costringe il governo cubano a utilizzare attivamente varie forme di solidarietà con altri paesi per indebolire l’impatto delle sanzioni statunitensi.

Indubbiamente, iniziative strategiche congiunte in quest’area con altri stati che si sono trovati anch’essi sotto le sanzioni e le pressioni di Washington, andranno a beneficio di tutti i partecipanti e rappresenteranno un altro passo pratico verso la fine dell’egemonia statunitense e l’instaurazione di un ordine mondiale multipolare e più equo.

Note:

[1] minrex.gob.cu

[2] granma.cu

[3] granma.cu

[4] granma.cu

[5] prensa-latina.cu

Traduzione di Alessandro Napoli

Fonte: russtrat.ru

Categorie

Senza categoria

Tag

, , , , , , ,

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: