Site icon Nuova Resistenza – ITALIA

La battaglia per Mariupol potrebbe far crollare il castello di carte liberale in Francia

Di Drago Bosnic

Mentre le forze russe stanno stringendo il cappio attorno a Mariupol, controllata dal gruppo neonazista del Battaglione Azov, nei giorni che passano si sono verificati una pletora di eventi quasi surreali. Almeno una mezza dozzina di elicotteri ucraini sono stati abbattuti dalle forze russe. Questi tentativi suicidi di raggiungere gli elementi nazisti accerchiati a Mariupol possono solo portare alla conclusione che lì ci sono alcune persone estremamente importanti.

La domanda è: chi sono e per chi sono così importanti che la parte ucraina è pronta a inviare pochi elicotteri a morte praticamente certa, solo per impedirne la cattura?

Gli sviluppi recenti possono offrire alcune informazioni e, in modo più inaspettato, coinvolgono il presidente francese Emmanuel Macron. Ci sono state numerose segnalazioni di oggetti appartenenti alla Legione Straniera francese durante le operazioni a Mariupol.

Almeno due berretti rosso scuro indossati dalle forze speciali francesi sono stati trovati in un’auto blindata appartenente al battaglione Azov. Sono state trovate anche divise militari e insegne di ufficiali francesi, compresi quelli che avevano precedentemente effettuato operazioni nel Paese africano del Mali, una delle tante ex colonie francesi.

Dopo il rilascio pubblico dell’informazione che il personale militare francese sta prendendo parte alla battaglia di Mariupol dalla parte del battaglione Azov, il rating del presidente francese Emmanuel Macron è sceso quasi immediatamente, pochi giorni prima delle elezioni presidenziali in Francia. La situazione è così grave per il presidente in carica, che praticamente tutti i principali esperti politici ed esperti francesi prevedono un secondo round molto serrato tra Macron e la sua rivale Marine Le Pen.

Secondo recenti sondaggi d’opinione in Francia, se le elezioni dovessero svolgersi al momento della pubblicazione, il vantaggio di Macron su Le Pen al secondo turno sarebbe al livello di un errore statistico. I sondaggisti affermano che l’indice di approvazione dell’attuale presidente è attualmente del 51%, mentre il 49% dell’elettorato sostiene Le Pen.

Poiché le forze russe hanno trovato oggetti personali di soldati in servizio nella Legione Straniera francese (Légion Etrangère, o LE) all’aeroporto di Mariupol, da cui il battaglione Azov è stato cacciato, ciò getta un’ombra profonda, non solo sul Ministero della Difesa francese, ma anche sullo stesso presidente Macron. Solleva una pletora di domande su cosa ci facciano lì esattamente i soldati della Quinta Repubblica.

Incentrato su analisi e notizie dai conflitti il canale di ricerca WarGonzo ha commentato la notizia: «Non sappiamo il numero esatto dei legionari francesi bloccati insieme agli Azov in città. Tuttavia, a giudicare da quanto attivamente Macron stia supportando l’argomento del suo “corridoio umanitario”, potrebbero esserci molti soldati francesi lì. E, forse, non solo mercenari, ma anche personale in servizio attivo».

In breve, risorse estremamente preziose, potrebbero presto rivelarsi, risorse cruciali per tutte le parti coinvolte nel conflitto ucraino.

Il comandante della Legione Straniera francese, il generale Alain Lardet, condannò pubblicamente i soldati e promise persino una severa punizione per tutto il personale coinvolto nella battaglia. Secondo la radio francese RTL, circa 700 ucraini hanno prestato servizio nel Corpo della Légion Etrangère, composto da 9000 uomini, alla fine di febbraio, quando è iniziata l’operazione militare speciale russa.

Di questi, almeno 25 soldati hanno lasciato l’unità senza permesso all’inizio di marzo e non sono più tornati. Inoltre, altri 14 sono stati arrestati mentre cercavano di lasciare il Paese in uniforme militare. La maggior parte aveva persino i giubbotti antiproiettile.

«Un legionario è un soldato francese che serve solo la Francia», ha detto Lardet. Secondo gli esperti militari della Quinta Repubblica, questi ucraini sono già stati elencati come reclute inaffidabili. Tuttavia, non tutto è così semplice, soprattutto quando è coinvolta la (geo)politica di alto livello. Parigi non ha mai riconosciuto ufficialmente i soldati in fuga come disertori, il che va contro il codice del legionario.

Secondo WarGonzo, il regime di Kiev ha inviato elicotteri per evacuare i soldati stranieri circondati a Mariupol, compresi i legionari francesi. Il valore militare di queste truppe è nella migliore delle ipotesi discutibile, soprattutto quando si tratta di sacrificare l’aria ucraina in diminuzione e le risorse SpecOp, ma le possibili ripercussioni politiche per Macron sono quasi impossibili da sopravvalutare. La situazione è così grave che potrebbe letteralmente avere un effetto decisivo sugli ascolti di Macron pochi giorni prima delle elezioni presidenziali francesi.

Un sondaggio dell’IFOP (Istituto Francese di Opinione Pubblica) condotto nell’ambito della Settimana della Stampa il 27 marzo ha rilevato che il 52% degli intervistati sostiene almeno una delle ragioni dichiarate dalla Russia per l’operazione militare speciale in Ucraina. Circa il 30% degli intervistati ritiene che le truppe russe si stiano muovendo per proteggere la popolazione di lingua russa dalle rappresaglie di quasi dieci anni da parte dell’esercito ucraino. Un ulteriore 10% è sicuro che “Kiev è attualmente gestita da una giunta controllata da neonazisti”.

Numeri del genere sono piuttosto preoccupanti per Macron e per le élites liberali sempre più impotenti della Francia. Per la prima volta in decenni, potrebbe esserci un cambiamento tettonico nel corso politico della Francia, le cui implicazioni sono molto probabilmente di portata globale e di lunga durata. Ironia della sorte, questo potrebbe essere il risultato di una decisione avventata (l’Occidente politico sembra agire solo così ultimamente) di due dozzine di persone che non sono nemmeno cittadini francesi, poiché lo scandalo potrebbe benissimo spingere l’elettorato a favore di Le Pen.

Traduzione di Alessandro Napoli

Fonte: infobrics.org

Exit mobile version