Vai al contenuto

Il padrone ispeziona il servo

Da Katehon

Cosa simboleggia la visita della delegazione americana a Kiev?

Domenica 24 aprile, il capo del Pentagono Lloyd Austin e il segretario di Stato americano Anthony Blinken hanno visitato la capitale ucraina. Secondo il New York Times, la visita della delegazione statunitense a Kiev era stata inizialmente programmata in condizioni di estrema segretezza, ma sabato il presidente ucraino Volodymyr Zelensky ha annunciato durante una conferenza stampa che Blinken e Austin sarebbero arrivati ​​a Kiev il giorno successivo. La rivelazione del viaggio di funzionari statunitensi in Ucraina ha chiaramente colto di sorpresa Washington, sollevando dubbi sulla sicurezza della visita. Tuttavia, tali circostanze impreviste erano previste e la delegazione americana è comunque arrivata a Kiev. Ovviamente, questa visita non è solo una manifestazione del sostegno degli Stati Uniti all’Ucraina. Gli alti funzionari americani non andranno solo nel paese, sul territorio in cui si svolgono attivamente le ostilità, mettendo così in pericolo la loro sicurezza. Naturalmente, questo viaggio simboleggia qualcosa di più. Ma cosa?

A Kiev, il Segretario di Stato e Segretario alla Difesa degli Stati Uniti ha incontrato il presidente ucraino Volodymyr Zelensky, nonché il ministro degli Esteri Dmitry Kuleba, il segretario alla Difesa Alexei Reznikov e altri alti funzionari ucraini. Durante l’incontro, Blinken ha annunciato l’imminente ritorno dei diplomatici americani in Ucraina, nonché la nomina del leader americano Joe Biden come prossimo ambasciatore degli Stati Uniti nel Paese, Bridget Brink, che attualmente è l’ambasciatore degli Stati Uniti in Slovacchia. Vale la pena notare che la scelta di questo particolare candidato a capo della missione diplomatica statunitense in Ucraina non è casuale: la signora Brink ha molti anni di esperienza nello spazio post-sovietico, in precedenza è stata vice capomissione presso le ambasciate statunitensi in Uzbekistan e Georgia, e dal 2015 Brink è responsabile del Dipartimento di Stato per i problemi dei conflitti prolungati in Europa. Oltretutto, lei parla correntemente il russo. Ecco perché la scelta di Bridget Brink come prossimo ambasciatore americano in Ucraina è abbastanza logica e ragionevole.

Oltre a rafforzare la cooperazione diplomatica con Kiev, durante la loro visita, i ministri statunitensi hanno annunciato la fornitura di regolare assistenza finanziaria e militare al Paese. In particolare, il segretario di Stato Blinken ha affermato che gli Stati Uniti intendono stanziare oltre 713 milioni di dollari in assistenza militare diretta e indiretta all’Ucraina. A sua volta, Austin ha informato il governo ucraino che il Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti amplierà l’addestramento militare delle truppe ucraine nella regione su alcuni sistemi d’arma e ha informato Kiev sull’ordine del giorno della riunione del gruppo consultivo sulla difesa dell’Ucraina prevista per 26 aprile in Germania.

In generale, non c’è nulla di fondamentalmente nuovo in queste affermazioni. Sembrerebbe, perché la delegazione americana dovrebbe andare a Kiev per annunciare la nomina di un nuovo ambasciatore e un altro aiuto finanziario? Tuttavia, dichiarazioni molto più interessanti sono state rilasciate la mattina successiva, quando Blinken e Austin si sono incontrati con i giornalisti in Polonia per discutere del viaggio. Sono state queste dichiarazioni a rivelare i retroscena della visita americana in Ucraina.

Forse una delle dichiarazioni in conferenza stampa, fatte da Lloyd Austin, ha dimostrato più di altre le vere ragioni del viaggio. Non c’è da stupirsi che sia diventato oggetto di grande attenzione da parte di molti media mondiali. Quindi, oltre alla narrazione dei successi dell’Ucraina, della sua indipendenza, che “esisterà molto più a lungo di Vladimir Putin sulla scena internazionale”, il portavoce del Pentagono ha rilasciato una dichiarazione molto interessante secondo cui l’obiettivo principale dell’amministrazione Biden nella guerra in Ucraina è quello di indebolire il più possibile la Russia.

«Vogliamo che la Russia sia indebolita a tal punto da non poter fare ciò che ha fatto durante l’invasione dell’Ucraina», ha sottolineato il Segretario alla Difesa degli Stati Uniti. «Francamente, ha già perso molto potenziale militare e le sue truppe, e vogliamo che non abbiano l’opportunità di riprodurre questo potenziale molto rapidamente», ha aggiunto Austin.

Da questa affermazione, possiamo concludere che gli Stati Uniti hanno finalmente riconosciuto che il conflitto in Ucraina non è, prima di tutto, uno scontro tra Russia e Ucraina, ma uno scontro tra gli Stati Uniti e l’intero mondo occidentale con la Russia. Come ha notato un giornalista del New York Times in un recente articolo, la dichiarazione di Lloyd Austin testimonia la disponibilità di Washington per anni di confronto con Mosca, e gli Stati Uniti hanno così affermato la “trasformazione del conflitto”, che ora è caratterizzata da “un confronto più diretto tra Washington e Mosca”.

Anche il viaggio della delegazione americana in Ucraina, così come tutto il coinvolgimento indiretto che gli Stati Uniti portano nel conflitto, dimostrano questa disponibilità. Non c’è da stupirsi che il ministro degli Esteri russo Sergeij Lavrov abbia recentemente affermato che gli Stati Uniti e la NATO stanno effettivamente entrando in una “guerra per procura” con la Russia, fornendo armi ed equipaggiamento militare all’Ucraina.

«Se la NATO, infatti, va in guerra con la Russia attraverso un procuratore e arma questo procuratore, allora in guerra come in guerra», ha osservato il capo del Ministero degli Esteri russo.

La guerra per procura, come definita dal politologo americano Karl Deutsch nel 1964, è un conflitto internazionale tra due paesi che stanno cercando di raggiungere i propri obiettivi attraverso operazioni militari che si svolgono sul territorio e utilizzando le risorse di un paese terzo, con il pretesto di risoluzione del conflitto interno in tale paese terzo.

Vale la pena notare che il Cremlino non ha ancora risposto alle dichiarazioni di Austin. Ciò non sorprende: ciò che gli Stati Uniti hanno riconosciuto solo ora era già chiaro molto tempo fa. Ed è improbabile che la dichiarazione del capo del Pentagono simboleggi un cambiamento nella strategia della Casa Bianca nei confronti della Russia: è ovvio che Washington mira da tempo a minare l’influenza della Russia sulla scena internazionale, oltre ad indebolire la sua politica economica e di potenza militare.

Quanto alla reazione di Mosca al viaggio stesso, anche il ministero degli Esteri russo non ha valutato la visita di Blinken e Austin a Kiev. Il ministero degli Esteri ha ritenuto prematuro parlare dell’impatto di questa visita sui negoziati russo-ucraini.

«Esamineremo i risultati della visita e trarremo conclusioni », ha detto ai giornalisti il ​​viceministro degli Esteri Andreij Rudenko.

Pertanto, la visita della delegazione americana in Ucraina dimostra che gli Stati Uniti si stanno dirigendo verso un conflitto a lungo termine in Ucraina, un conflitto in cui la Russia e l’Occidente decidono quale sarà il futuro ordine mondiale. Questa può essere definita una “guerra per procura” o, come disse una volta il presidente degli Stati Uniti Dwight Eisenhower, “una guerra condotta con le mani di altri”. Può anche essere definita una nuova “guerra fredda”, in cui c’è una lotta per le sfere di influenza. Tuttavia, qui vale la pena fare un’osservazione: le relazioni degli Stati Uniti con la Cina possono anche essere definite una “guerra fredda”, e Pechino, guardando ciò che sta accadendo in Ucraina, si è nascosta e ha assunto un atteggiamento attendista nei confronti di Taiwan. Pertanto, un altro grave conflitto tra poteri influenti è molto, molto probabile. Ma è improbabile che gli States possano combattere su due fronti.

Traduzione di Alessandro Napoli

Fonte: katehon.com

Categorie

Senza categoria

Tag

, , , ,

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: