Vai al contenuto

È davvero nel migliore interesse della Polonia pianificare l’annessione dell’Ucraina occidentale?

Di Andrew Korybko

Lo scenario dell’annessione dell’Ucraina occidentale di cui aveva messo in guardia il capo dello spionaggio russo Naryshkin, comporterebbe in realtà il più grande trasferimento di ricchezza polacca dalla perdita del “Kresy” dopo la seconda guerra mondiale. La stabilità socioeconomica della Polonia soffrirà certamente e forse sarà irrimediabilmente colpita da una ridistribuzione così radicale della ricchezza ai milioni di rifugiati all’interno del suo territorio e a coloro che vivono nell’Ucraina occidentale, i quali saranno i destinatari di questi investimenti astronomici.

Il mini-impero innaturale di Lenin è sull’orlo di quello che potrebbe presto essere il suo completo e definitivo collasso se il rapporto del capo delle spie russe Naryshkin sul complotto della Polonia per spartirla fosse corretto. Secondo le fonti dell’intelligence del suo paese, la Polonia sta cospirando con gli Stati Uniti per inviare le sue truppe sotto la copertura di forze di pace nelle regioni dell’Ucraina occidentale che erano sotto il controllo di Varsavia durante la Seconda Repubblica Polacca tra le due guerre. Prenderanno quindi il controllo delle strutture strategiche dalla Guardia Nazionale Ucraina, dopodiché la Polonia coltiverà politici ucraini filo-polacchi per contrastare i neonazisti storicamente originari della regione della Galizia. L’ultimo passo sarà quindi incorporare politicamente questo territorio nella stessa Polonia.

In realtà ho previsto esattamente questo scenario due giorni dopo l’inizio dell’operazione militare speciale in corso della Russia in Ucraina, dopo aver scritto che “la NATO potrebbe voler tracciare la propria linea rossa sui resti dello Stato ucraino sempre più in rovina facendo rivivere la Repubblica Popolare Ucraina Occidentale, sia come stato indipendente autodichiarato che si unisce immediatamente all’alleanza militare per rientrare sotto il suo ombrello nucleare o facendola (ri)”unificare’ con la Polonia e raggiungendo invece lo stesso scopo attraverso altri mezzi. Quella sequenza di eventi sembra sul punto di accadere secondo Naryshkin, il quale ha affermato che sarebbe stata intrapresa senza un mandato della NATO e comprenderebbe una cosiddetta coalizione dei volenterosi.

I potenziali partner potrebbero essere l’Ungheria e la Romania, che avevano entrambe parti del loro territorio storico amputate dal loro Stato da Stalin dopo la seconda guerra mondiale. Indipendentemente dalla loro partecipazione speculativa a questo complotto di spartizione riportato, qualsiasi mossa tangibile in questa direzione da parte della Polonia indicherebbe che l’Occidente guidato dagli Stati Uniti crede che lo stato ucraino abbia già fallito a causa dei recenti eventi. I confini creati artificialmente di questo stato non possono più essere tenuti insieme dopo che le forze russe hanno attraversato l’Ucraina orientale e meridionale, dove sono rimaste per oltre 60 giorni nonostante la guerra per procura della NATO contro la Russia attraverso l’Ucraina che il Segretario alla Difesa Austin ha quasi ammesso ufficialmente solo l’altro giorno.

Mentre ci sono certamente alcuni ultranazionalisti in Polonia che vorrebbero vedere l’Ucraina occidentale (ri)”unita” con il loro paese, questo scenario comporta in realtà notevoli costi economici e reputazionali per il partito al governo “Legge e giustizia” (PiS, abbreviato in polacco). Come ho spiegato all’inizio del mese, il PiS è in realtà un falso movimento conservatore-nazionalista che in realtà è solo un altro fronte liberal-globalista per l’élite europea. In particolare, “l’esempio conservatore-multipolare di Orban espone Kaczynski come una frode liberal-globalista”, soprattutto dopo che “l’ucrainizzazione della Polonia ha messo l’ultimo chiodo sul falso progetto nazionalista del PiS”.

I polacchi sono diventati cittadini di seconda classe nel proprio paese, mentre i rifugiati ucraini vengono portati in giro come cittadini di prima classe. Sono così privilegiati che ricevono una vasta gamma di benefici statali, tra cui alloggio, trasporti, cibo e persino priorità per operazioni mediche di emergenza rispetto ai polacchi locali che hanno aspettato un po’ di tempo per ricevere tali trattamenti salvavita. In un certo senso, la Polonia è diventata improvvisamente una società simile all’apartheid in cui i nuovi arrivati ​​sono stati trattati da funzionari anche meglio delle stesse persone che li hanno votati al potere. Come ho spiegato poco prima dell’inizio del conflitto ucraino, “il previsto assorbimento da parte della Polonia di milioni di rifugiati ucraini ha ulteriori motivazioni”.

Fondamentalmente, Kaczynski ha calcolato che avrebbe potuto sfruttare questa massiccia comunità di espatriati privilegiati per esercitare un’influenza sul resto dell’Ucraina come parte dei piani della Polonia per espandere la sua sfera di influenza attraverso gli stati della Iniziativa dei tre mari (3SI) con un pretesto apertamente russofobo che ricorda un nuovo ceppo del fascismo. Il problema, tuttavia, è che la sua base non è incline a diventare una categoria di cittadini di seconda classe nel proprio paese. Hanno votato per il PiS in parte grazie alla sua precedente strenua difesa dei confini polacchi contro le migliaia di persone che hanno tentato di invadere il loro paese, e non pe far aprire le porte a milioni di rifugiati ucraini che da allora sono diventati “ospiti privilegiati”.

Oltre alle controproducenti conseguenze politiche interne del complotto della Polonia per annettere l’Ucraina occidentale, ci sono anche ovvie conseguenze economiche. A seconda di quanto territorio viene occupato, oltre 10 milioni di persone potrebbero essere aggiunte alla popolazione della Polonia oltre agli oltre 3 milioni di rifugiati che sta già ospitando. Senza nemmeno contare i costi per garantire il benessere generale di quelle persone, l’Ucraina è generalmente considerata molto più povera e meno sviluppata sotto tutti gli aspetti della Polonia, inclusa la sua regione occidentale che è considerata molto migliore delle altre sue parti. I costi per incorporare questo territorio e la sua gente in Polonia potrebbero essere miliardi e miliardi di dollari.

Fino a questo momento, la Polonia è stata l’economia dell’Europa centrale e orientale (CEE) con le migliori prestazioni, sebbene ora stia registrando la sua inflazione più alta da oltre due decenni. Inoltre, il suo rifiuto a conformarsi alla mossa di judo geoeconomica del presidente Putin che chiede il pagamento del gas in rubli è direttamente responsabile dello scenario economico peggiore dell’Europa che con ogni probabilità porterà a un ulteriore aumento dei prezzi, più disoccupazione e di conseguenza più Instabilità politica. Tutti i costi connessi alla potenziale annessione dell’Ucraina occidentale alla Polonia saranno pagati dai contribuenti polacchi e andranno a scapito dello sviluppo delle persone e del territorio all’interno dei suoi confini universalmente riconosciuti.

Tenendo presente questa osservazione, lo scenario dell’annessione dell’Ucraina occidentale comporterebbe in realtà il più grande trasferimento di ricchezza polacca dalla perdita del “Kresy” dopo la seconda guerra mondiale. La stabilità socioeconomica della Polonia soffrirà certamente e forse sarà irrimediabilmente colpita da una ridistribuzione così radicale della ricchezza ai milioni di rifugiati all’interno del suo territorio e a coloro che vivono nell’Ucraina occidentale, i quali saranno i destinatari di questi investimenti astronomici. Stando così le cose prevedibili e considerando tutto il resto che è stato condiviso in questa analisi, è contrario agli interessi nazionali oggettivi della Polonia annettere quella fetta del mini-impero innaturale di Lenin, anche se potrebbe comunque accadere a prescindere.

Traduzione di Alessandro Napoli

Fonte: oneworld.press

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: