Site icon Nuova Resistenza – ITALIA

Ucraina: dal cristianesimo al satanismo. [Parte I]

Marina Tsvigun (Maria Devi Christos) e Yuri Krivonogov (Yuoann Swami), fondatori della setta “Grande Fratellanza Bianca di Yusmalos” (bandita nella federazione Russa, N.d.T.) attiva in Ucraina dagli anni ’90.

Ksenia Golub

Sono Ksenia Golub, una giornalista russa, vivo a Belgrado da tre anni ormai. Ma i miei legami con la Serbia sono più antichi: sono venuta per la prima volta nei Balcani nel 2009 per girare un documentario. In questo articolo voglio condividere le mie riflessioni sull’attuale situazione in Ucraina. E in questo materiale agisco sia come testimone oculare, dal momento che sono stata molte volte nel Donbass per molto tempo, sia come esperto: sono una specialista certificata in religioni.

I processi di trasformazione della società ucraina, che di conseguenza hanno portato all’operazione militare speciale per denazificare questo paese un tempo fraterno per la Russia, sono iniziati molto prima che vi si verificasse il colpo di stato. La rivoluzione nelle menti è avvenuta molto prima.

Posso giudicarlo dai miei viaggi nei primi anni 2000 nel Donbass, per visitare i miei parenti. I miei parenti vivevano a Horlivka, Donetsk, Severodonetsk e Dokuchaevsk, proprio sulla linea del fuoco, dove si trovano dal 2014.

Quindi, anche durante quei viaggi, ho incontrato attacchi di rabbia anti-russa tra i rappresentanti dell’Ucraina centrale e soprattutto occidentale. I “moscoviti” – come vengono chiamati i russi dispregiativamente, furono accusati di tutti i problemi del paese. Queste persone hanno sempre immaginato l’interferenza del Cremlino anche nelle cose più piccole. Si è raggiunto il ridicolo – quando Putin è stato accusato del problema della scarsa pulizia del territorio e dei cortili. O quando i prezzi dei prodotti fabbricati in Ucraina sono cresciuti.

Ho affrontato ripetutamente accuse e sono stata apertamente oggetto di insulti, quando i “veri ucraini” (gli abitanti del Donbass non sono mai stati considerati tali in questo paese) hanno scoperto che venivo dalla Russia o sentito il mio accento russo.

Quindi, sulla base della mia esperienza personale, posso dichiarare esplicitamente che il problema dell’odio per tutto ciò che è russo in questo Stato ha radici profonde. Ma in questo articolo voglio prestare attenzione a un altro aspetto del problema.

L’emergere delle sette in Ucraina

Sappiamo tutti molto bene che la religione ha un ruolo enorme nello sviluppo della società – ne vediamo prove nella storia. Grazie all’Ortodossia, la Russia si è trasformata da principato in un grande impero, mentre sul suo territorio sono state preservate le varie religioni dei suoi popoli, dall’Islam al lamaismo. Ma è stata questa fede cristiana che ha saputo radunare le persone attorno a sé, perché ha al suo interno il principio della cattolicità, che è molto adatto alla mentalità degli slavi.

Ecco perché il principale ideologo antirusso degli Stati Uniti, Zbigniew Brzezinski, ha definito l’Ortodossia il principale nemico dell’America.

L’Ucraina è sempre stata una potenza ortodossa. Certo, nella sua parte occidentale, la percentuale di greco-cattolici era abbastanza grande, ma in totale non c’erano più di 4 milioni di aderenti alla corrente occidentale del cristianesimo nel Paese. Fondamentalmente, i suoi abitanti appartenevano alla Chiesa ortodossa ucraina del Patriarcato di Mosca.

Conosciamo tutti la frase: “Se vuoi ottenere il potere, crea la tua religione”. La lotta contro l’Ortodossia in Ucraina è iniziata ancor prima del momento in cui ha lasciato l’URSS nel 1991. Anche allora, alla fine degli anni ’80, i rappresentanti di varie sette pseudocristiane, strettamente associate ai servizi di intelligence occidentali, iniziarono a penetrare nella repubblica.

La parola “setta” significa scindere o separare da qualcosa. In questo caso si tratta di escludere i credenti dalla religione principale.

Negli anni 2000, la situazione con le attività di varie organizzazioni religiose e occulte in Ucraina ha dato luogo a problemi incredibili. Ne scrivevano e ne parlavano dai media, ma le loro attività restavano permesse.

Così, nel 2007, il vescovo di Boryspil, vicario della metropolia di Kiev, Anthony ha affermato che in Ucraina operano sette pericolose, la cui ideologia è in grado di causare danni significativi alla salute mentale di una persona. Un articolo a riguardo è stato pubblicato sul settimanale Zerkalo Nedeli.

In particolare, rispondendo alla domanda su quali sette in Ucraina possono essere definite le più influenti e diffuse, Anthony ha detto: «Nel contesto della nostra conversazione, la parola “influente” è identica alla parola “pericoloso”». “Ambasciata di Dio”, “Testimoni di Geova”, “Chiesa di Scientology”, “Società per la Coscienza di Krishna”, “Loto Bianco”, “Centro Madre di Dio”. Queste, secondo il vescovo, sono le organizzazioni più pericolose, in base al livello di danni all’individuo.

Nel 2009, anche il portale ucraino Segodnya.life ha pubblicato materiale su questo argomento. Ne citerò una parte.

«Studiosi di religione e psicologi lanciano l’allarme: le organizzazioni religiose, che le “chiese ufficiali” chiamano sette, si stanno sviluppando a un ritmo tremendo e durante una crisi è previsto un afflusso speciale di adepti nelle loro fila. Recentemente in Ucraina, diverse persone hanno cercato di creare una cellula della cosiddetta setta islamista, che è vietata in molti paesi, ma l’abbiamo denunciato», afferma la portavoce della SBU Marina Ostapenko. Secondo lei, la famigerata Fratellanza Bianca, attiva a metà degli anni ’90, detiene ancora non indifferenti dimensioni e potenziale distruttività, dice l’articolo.

Lasciate che vi ricordi cos’è questa associazione. È stata fondata nel 1990-1991 a Kiev da Yuri Krivonogov e Marina Tsvigun. Successivamente, il primo prese il nome rituale di Yuoann Swami (San Giovanni, cioè il Battista), mentre Tsvigun – il nome di Maria Devi Christos – dichiarò di essere la Vergine Maria, l’incarnazione vivente di Cristo, sia sua madre che sua sposa.

Nel 1993, questa setta scandalosa ha occupato la cattedrale ortodossa di Santa Sofia a Kiev. Gli adepti della Fratellanza Bianca si aspettavano la fine del mondo e avrebbero svolto l’ultimo servizio di preghiera nel tempio. Solo l’intervento della polizia e dei reparti antisommossa ha permesso di sgomberare la cattedrale. Gli organizzatori della setta furono arrestati, ma furono presto rilasciati.

Lo stile di vita dei settari era severo: era vietato mangiare cibo animale, fare telefonate e guardare la TV. Una persona che si univa alla Fratellanza Bianca doveva interrompere i rapporti con la sua famiglia, i suoi amici e i suoi colleghi. I membri della confraternita vivevano in 20-30 persone in un appartamento, dormivano non più di 4 ore al giorno. Yuri Krivonogov e Marina Tsvigun sostenevano il sacrificio di sé. Si diceva che gli adepti dovessero sopportare dolore, tormento e morte. Gli stessi fondatori assicurarono che sarebbero morti anche loro, ma per ultimi. In tre giorni sarebbero risorti e sulla Terra sarebbe iniziata una vita completamente diversa.

In Russia, questa setta è stata riconosciuta come estremista e le sue attività sul territorio dello Stato sono state vietate, ma in Ucraina ha continuato ad esistere fino ad oggi.

I Testimoni di Geova erano molto attivi: camminavano costantemente per le strade, distribuivano le loro riviste della Watchtower e giravano da un appartamento all’altro. E a volte si arrivava all’assurdo, quando qualsiasi estraneo che suonasse il campanello poteva subire l’aggressione del padrone di casa, che già vedeva un settario in ogni persona.

Nella stessa Donetsk, le “case di preghiera” di queste organizzazioni si potevano facilmente incontrare durante le passeggiate per la città. Nelle conversazioni con i sacerdoti locali, la profondità del problema è emersa ancora più chiaramente. Hanno descritto situazioni di completa zombificazione degli ex cristiani ortodossi, che hanno persino lasciato le loro famiglie, dimenticandosi dei figli e dei genitori, e hanno intestato i loro appartamenti e altre proprietà a favore delle sette.

Non sorprende che nel corso degli studi presso la Facoltà teologica, noi, futuri specialisti in studi religiosi, abbiamo prestato particolare attenzione a ciò che sta accadendo nel paese vicino.

Continua…

Traduzione di Alessandro Napoli

Fonte: geopolitika.ru

Exit mobile version