Site icon Nuova Resistenza – ITALIA

“Colpo di Stato” di sinistra in Colombia?

Da Katehon

Gustavo Petro potrebbe diventare il primo presidente di sinistra.

Alla fine di maggio, i colombiani eleggeranno un nuovo Capo di Stato. La campagna elettorale si svolge in un ambiente instabile: il Paese è in crisi, la disuguaglianza sociale continua a crescere, la corruzione dilaga e non ci sono opportunità per le nuove generazioni. La situazione, particolarmente aggravata a causa della pandemia, ha provocato un massiccio “risveglio” e la comprensione che l’attuale governo non sta affrontando i suoi compiti. Pertanto, la popolarità dell’attuale presidente della Colombia, Ivan Duque, che presto sarà costretto a lasciare il suo incarico, è molto bassa. Il nuovo governo deve affrontare un compito difficile: ripristinare la fiducia perduta, fatto questo che ha colpito quasi tutte le istituzioni statali.

Il 29 maggio si svolgerà il primo turno di votazioni. Se nessun candidato riceve più del 50% dei voti, il secondo turno delle elezioni presidenziali si svolgerà il 19 giugno. L’attuale Capo di Stato non potrà più competere per il potere, non solo perché la sua popolarità è ormai a un livello estremamente basso, ma anche perché la costituzione colombiana non gli consente di candidarsi per un secondo mandato. Allora chi ripristinerà la fiducia perduta della popolazione?

Chi sostituirà Duque?

Sebbene ben otto candidati si stiano battendo per la carica di Capo di Stato, secondo i sondaggi dell’opinione pubblica, solo quattro hanno una reale possibilità di accedere al secondo turno delle elezioni presidenziali in Colombia: Gustavo Petro, Federico Gutierrez, Rodolfo Hernandez e Sergio Fajardo. Lo ha mostrato l’ultimo sondaggio pubblicato da YanHaas il 10 maggio. Il 40% degli intervistati è pronto a votare per Petro, il 21% per Gutierrez. Il 13% degli intervistati intende spuntare la casella “contro tutti”, mentre il 12% e il 7% degli intervistati voterebbero rispettivamente per Hernandez e Fajardo. Cioè, infatti, al momento solo due candidati possono concorrere per la presidenza. I restanti candidati – Ingrid Betancourt, John Milton Rodriguez, Enrique Gomez e Luis Perez – non hanno ricevuto praticamente alcun sostegno dai colombiani in tutti i sondaggi.

Chi sono i potenziali leader della Colombia e cosa propongono nei loro programmi elettorali? Va subito notato che questa è la prima elezione presidenziale in cui viene data preferenza ai candidati non per il loro atteggiamento nei confronti della guerra (in Colombia, dal 1964, c’è stata una guerra civile tra governo colombiano, gruppi paramilitari, cartelli criminali e guerriglie di sinistra per l’influenza nel Paese), ma per l’atteggiamento nei confronti dei temi della politica sociale ed economica dello Stato, nonché dei problemi del razzismo e dei diritti delle donne. Ora la guerra è rimasta ai margini e la popolazione del Paese ha iniziato a preoccuparsi per problemi che per molti anni erano stati assenti dalle campagne presidenziali e rimasti nell’ombra. Ora le persone che tornano alla vita normale non hanno paura di essere uccise, ma di non essere in grado di pagare le bollette o di ricevere un’istruzione.

Ecco perché i programmi elettorali dei candidati sono pieni di disposizioni sulla disuguaglianza sociale, la corruzione, il miglioramento della qualità dell’istruzione, l’ecologia e così via. Ad esempio, Sergio Fajardo presta particolare attenzione alla protezione ambientale nel proprio programma: il candidato promette di porre fine alla deforestazione, attuare un importante programma di educazione ambientale, promuovere la bioeconomia come base per lo sviluppo della Colombia e sviluppare un piano di adattamento ai cambiamenti climatici. Il suo programma dà anche un posto speciale allo sviluppo del turismo, delle infrastrutture, dell’uguaglianza dei diritti delle donne, delle minoranze razziali e sessuali, nonché della scienza, della tecnologia e dell’innovazione. Ma sulla politica estera si parla molto poco: Fajardo si propone solo di professionalizzare le istituzioni diplomatiche, oltre che di “costruire relazioni internazionali basate sull’uguaglianza di genere”.

Il candidato di destra più popolare, Federico Gutierrez, ha promesso nella sua campagna di assumere una posizione dura sulle questioni di sicurezza. Inoltre, l’ex sindaco di Medellin ha definito la libertà economica, il lavoro e gli affari come i principali mezzi di sussistenza della società. In effetti, questo candidato rappresenta la parte della società favorevole al mantenimento dello status quo. Gutierrez ha anche promesso di combattere la corruzione e le idee socialiste, che, tra l’altro, aderiscono al candidato più popolare: Gustavo Petro.

Petro è diventato il leader di tutti i sondaggi pre-elettorali condotti in Colombia. Anche a scuola si interessò alle opere di Marx, Engels e Lenin, per cui in seguito iniziò a pubblicare un giornale scolastico di sinistra. Da studente, il futuro politico si è unito al gruppo partigiano radicale di sinistra “Movimento 19 Aprile” (M-19). Anche allora, il diciassettenne Petro ha intrapreso attività militari e politiche. Dopo l’assalto al Palazzo di Giustizia di Bogotà da parte dei membri dell’M-19, Petro ha influenzato i negoziati di pace con il governo e ha contribuito a porre fine alle attività del gruppo nel 1990. La sua carriera politica è iniziata negli anni 2000 quando è stato eletto al Congresso di Bogotà.

Le prossime elezioni sono la terza elezione presidenziale nella biografia di Petro. Si è candidato per la prima volta nel 2010, ma ha ottenuto solo il 9% dei voti. Petro in seguito divenne sindaco della capitale colombiana. Il secondo tentativo di diventare presidente è stato fatto nel 2018, ma non ha avuto successo: Petro ha perso contro l’attuale leader della Colombia, Ivan Duque, ottenendo il 42% dei voti al secondo turno. Sembra che il terzo tentativo avrà successo. Cosa promette Petro ai suoi elettori?

Il candidato della coalizione delle forze di sinistra “Patto storico” Gustavo Petro si è concentrato sul desiderio di trasformare la nazione in una “forza mondiale della vita” attraverso un “nuovo contratto sociale per una vita buona”. Nel suo programma, come nei programmi di molti altri candidati, l’accento è posto sull’ecologia: Petro propone di scommettere sulle risorse naturali e sulla protezione dell’ambiente. Propone inoltre di sostituire i combustibili fossili con fonti di energia rinnovabile. L’economia, secondo il candidato di sinistra, dovrebbe essere “basata sulla produzione, non sull’estrazione mineraria”. Il passaggio a un sistema pensionistico prevalentemente pubblico e la creazione di un sistema sanitario pubblico unificato invece di un sistema ibrido EPS (Entidades Promotoras de Salud), che includa assicurazioni sanitarie pubbliche e private, sono anche punti importanti del suo programma elettorale. Inoltre, Petro intende aumentare la tassa sui grandi terreni, che non vengono sfruttati per stimolare la produzione agricola. Infine, disuguaglianza sociale, discriminazione di genere e razziale, LGBTQ+, welfare giovanile, ecc. – sono anche questioni che sono all’ordine del giorno nel programma elettorale di Petro. L’enfasi è sui cambiamenti interni, mentre la politica estera non è praticamente menzionata.

Tutto sommato, la scelta di Petro è un passo verso l’ignoto per i colombiani, poiché un paese molto conservatore non è mai stato governato dalla sinistra. Da un lato, la gente ha paura di questo, ma dall’altro Petro incarna il cambiamento in un paese che ha fame di cambiamento. Questo non può essere offerto dal suo avversario Gutierrez, che è effettivamente il successore di Duque.

Gli oppositori chiamano Gustavo Petro un populista e autoritario, mentre i più radicali di destra lo caratterizzano come un comunista. Inoltre, contro di lui viene condotta una potente propaganda, promossa da conservatori e tradizionalisti, che affermano che Petro “porterà l’omosessualità e il comunismo”, oltre a “portare Satana” del tutto. Pertanto, Petro non solo personifica i cambiamenti nel paese, ma dà anche origine a una serie di cospirazioni intorno a lui, in relazione alle quali la situazione già instabile prima delle elezioni diventa più tesa.

Clima elettorale

Il candidato presidenziale più popolare della Colombia vive circondato da rigide misure di sicurezza 24 ore su 24, 7 giorni su 7. Quando Gustavo Petro si dirige in un’altra città come parte della sua campagna, è circondato da più di una dozzina di guardie del corpo e il suo corteo di diversi veicoli blindati è scortato da ambulanze. La tensione agli eventi pubblici a cui Petro prende parte è altissima, e non si tratta della paura di un incidente, ma di vero e proprio assassinio. Su cosa si basa questa paura?

In primo luogo, il motivo di paura è la triste esperienza dell’assassinio di leader politici. Il 9 aprile 1948 fu assassinato un candidato che, come Petro, si opponeva all’establishment. Nello stesso anno, il leader liberale Jorge Elécer Gaitan, temuto dalle élites, fu assassinato nella strada principale di Bogotà, perché, come Petro, offuscava la testa dei colombiani con promesse di cambiamento. E questi sono solo alcuni degli assassinii di leader politici in Colombia. Pertanto, gli omicidi di candidati alla presidenza e politici sono stati registrati alla fine degli anni ’80 e all’inizio degli anni ’90. In particolare, si trattava di politici che si opponevano apertamente al cartello di Pablo Escobar. Tuttavia, se i rappresentanti di determinate idee possono essere distrutti, le loro stesse idee non possono. Avranno sempre seguaci che continueranno a difendere la loro posizione nell’arena politica della Colombia.

Lo svolgimento delle elezioni in Colombia è stato storicamente accompagnato da un aumento della violenza. E, nonostante i progressi nella società, rimane una parte importante della vita in Colombia. Nel 2022 (fino al 24 aprile compreso) sono stati registrati nel Paese più di 60 attacchi terroristici, 36 massacri (133 vittime) e almeno 50 omicidi di personaggi pubblici.

Tutta questa violenza è perpetrata principalmente da narcotrafficanti, gruppi dissidenti e paramilitari. Gli attacchi terroristici fanno parte di un chiaro piano sviluppato da gruppi estremisti di sinistra: l’Esercito di liberazione nazionale (ELN) e le Forze armate rivoluzionarie della Colombia (FARC). Il loro obiettivo è creare una situazione di crisi. I gruppi paramilitari sono probabilmente pronti a continuare la guerra, poiché dopo la conclusione di un accordo di pace nel 2016 tra le autorità e i ribelli delle FARC, la violenza nei processi elettorali è aumentata – i militanti resistono al rafforzamento dei movimenti democratici contrari a guerra e mafia. Nel frattempo, le bande della droga si rifiutano di perdere i loro privilegi.

La situazione in Colombia è aggravata anche dalla presenza di problemi politici interni, come ad esempio la corruzione. Pertanto, tutti i candidati alla presidenza nelle loro campagne elettorali gridano allo sradicamento della corruzione nel Paese. Tuttavia, i colombiani non credono a queste promesse: la loro fiducia nelle istituzioni elettorali è stata minata da tempo, poiché la pratica di acquistare voti alle elezioni è già considerata la norma in Colombia. Secondo un sondaggio condotto dal quotidiano spagnolo El País, metà degli elettori si è trovata di fronte a offerte di acquisto di voti nell’ultimo anno. Pertanto, un intervistato su cinque ha affermato di essergli stato offerto denaro o altri vantaggi in cambio di un voto e il 28% degli intervistati ha ammesso di non aver ricevuto offerte personalmente, ma di conoscere direttamente tali casi. Questa situazione, così come l’incertezza e l’alienazione politica della popolazione, contribuiscono alla crescente tensione prima delle elezioni.

Tuttavia, la coscienza dei cittadini colombiani sta cambiando e lo stato prevede un rafforzamento delle forze di sicurezza, e quindi la destabilizzazione all’interno del Paese, provocata da gruppi dissidenti e militanti, difficilmente influenzerà l’esito delle elezioni. Tuttavia, gli oppositori del candidato principale hanno teorie sempre più inverosimili secondo cui qualcuno influenzi le elezioni, ovvero le forze esterne. Che cosa?

La ricerca della traccia russa 

Secondo alcuni media colombiani orientati verso l’Occidente, la Russia, come sempre, sarebbe stata la causa di tutto. Articoli sull’ingerenza russa nelle elezioni in Colombia hanno cominciato ad apparire sui media locali a fine marzo. Uno degli ultimi articoli di questo tipo, pubblicato il 7 maggio sul quotidiano colombiano in lingua inglese The City Paper – Bogotáriporta che Mosca stava conducendo una campagna di disinformazione durante le elezioni parlamentari di marzo in Colombia e la sta conducendo nel periodo pre-elettorale delle elezioni presidenziali. Un rapporto congiunto con tali dati è stato pubblicato dall’intelligence colombiana, dalla NATO e dall’alleanza di intelligence Five Eyes, che comprende Australia, Canada, Nuova Zelanda, Regno Unito e Stati Uniti. Secondo il rapporto, la Russia starebbe cercando di influenzare i risultati delle elezioni presidenziali in Colombia per minare la fiducia dell’opinione pubblica nella democrazia e insediare il candidato preferito alla presidenza. Inoltre, si segnala che la Russia ha già interferito nelle elezioni presidenziali in Colombia nel 2018 a favore della candidatura di Gustavo Petro.

Mosca ha immediatamente confutato le informazioni della stampa colombiana, definendolo un “cocktail fantastico ridicolo”.

«Tutto questo sembra un tipico esempio di fake news, quando si cerca di spiegare un motivo atteso da tempo con cose incoerenti. Tali invenzioni e “fughe di notizie alla stampa” testimoniano il desiderio di alcuni media di unirsi alla tendenza occidentale alla moda, caratterizzata da un alto grado di russofobia e cieca furia nei confronti di tutto ciò che riguarda la Russia», ha affermato l’ambasciata russa in Colombia in una nota.

È ovvio che le accuse di ingerenza russa nelle elezioni non sono casuali. C’è un chiaro interesse per gli Stati Uniti in queste elezioni. Il fatto è che l’esito della votazione, che si svolgerà il prossimo 29 maggio, avrà gravi conseguenze per gli Stati Uniti, dal momento che l’attuale presidente, Ivan Duque, ha dimostrato per tutto il suo mandato lealtà alla condotta di Washington. Se vince Gustavo Petro, aperto alla cooperazione con Cina e Russia, e non Federico Gutierrez, successore di Duque, gli States perderanno la loro influenza in Colombia, a cui il presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha promesso di diventare il principale alleato al di fuori della NATO.

Washington è insoddisfatto delle posizioni dirigenziali di Petro non solo perché ha opinioni antiamericane e non si oppone a Russia e Cina, ma anche perché non condanna l’operazione speciale russa in Ucraina e, secondo gli Stati Uniti, rappresenta un pericolo per la diffusione della democrazia in America Latina.

Ecco perché la Casa Bianca è seriamente allarmata dalle imminenti elezioni in Colombia, e le accuse di ingerenza russa in esse fanno probabilmente parte della campagna d’informazione anti-russa statunitense rivolta all’opinione pubblica colombiana. Gli Stati Uniti stanno cercando con tutte le loro forze di influenzare l’esito delle elezioni, poiché la vittoria di Petro scuoterà notevolmente la posizione di Washington nella regione. Inoltre, un simile esito delle elezioni potrebbe influenzare le elezioni presidenziali di ottobre in Brasile, dove il candidato di sinistra Luiz Inacio Lula da Silva ha una reale possibilità di vincere. Pertanto, Brasile e Colombia possono entrare a far parte dell’elenco dei “paesi di sinistra” in America Latina, che include Bolivia, Venezuela, Honduras, Cuba, Messico, Nicaragua, Perù e Cile. Non è redditizio per gli Stati Uniti avere altri due paesi in America Latina che non sono d’accordo con la politica di Washington.

Pertanto, le elezioni in Colombia si stanno svolgendo in un’atmosfera davvero tesa, con la situazione che si sta scaldando sia all’interno che all’esterno del Paese. L’attuale governo non vuole promuovere elezioni libere ed eque e sta chiaramente promuovendo Gutierrez. Tuttavia, la vittoria di Gutiérrez avrebbe significato il mantenimento della politica di Ivan Duque, la cui popolarità era diminuita drasticamente in quattro anni. Pertanto, il candidato più probabile per la vittoria è Gustavo Petro. Tuttavia, anche dopo la sua elezione, la crisi nel Paese potrebbe peggiorare: inizierà una lotta per l’influenza, l’opposizione diventerà più attiva e una guerra civile potrebbe divampare con rinnovato vigore. Nel frattempo, forze esterne come gli Stati Uniti stanno chiaramente cercando di influenzare la situazione nel paese, e il cui intervento raramente porta a qualcosa di buono. Pertanto, è ovvio che l’era della calma e della stabilità in Colombia non arriverà presto. 

Traduzione di Alessandro Napoli

Fonte: katehon.com

Exit mobile version