Site icon Nuova Resistenza – ITALIA

Intelligence e guerra in Ucraina

Da Katehon

Presentiamo all’attenzione dei lettori uno studio collettivo di autori britannici della Brunel University London – esperti nel campo della sicurezza e dell’intelligence. È stato preparato da Nevin Shaaban Abdallah, Philip HJ Davis, Christian Gustafson, Dan Lomas e Steven Wagner.

Quasi ogni discesa in guerra è accompagnata da speculazioni, affermazioni e controaccuse di fallimento dell’intelligence. In effetti, è chiaro che le agenzie di intelligence sono spesso criticate quando qualcosa chiaramente va storto. I politici apprezzano particolarmente le proprietà distorsive della realtà dell’espressione “intelligence failure”. Questo sposta l’attenzione dalle decisioni politiche sbagliate ai tecnocrati solitamente anonimi del mondo dell’intelligence, una comunità che viene spesso messa in discussione e demonizzata nelle discussioni pubbliche quanto glorificata.

Da quando l’amministrazione Bush ha nascosto le informazioni sulle armi di distruzione di massa irachene, la comunità dell’intelligence ha ridicolizzato l’uso pubblico dei posti di intelligence. Non si inciampa mai due volte sulla stessa pietra. Il ruolo dell’intelligence prima e dopo l’inizio dell’operazione in Ucraina rappresenta un capitolo completamente nuovo nell’uso politico e diplomatico dell’intelligence negli affari internazionali. Ciò accade per due ragioni diverse ma correlate. In primo luogo, l’anno che precede l’operazione speciale russa rappresenta un successo clamoroso e istruttivo in un campo dell’intelligence meglio conosciuto per i suoi errori: l’intelligence di allerta strategica. In secondo luogo, decenni di crescente trasparenza dell’intelligence pubblica, insieme a cambiamenti senza precedenti nelle capacità e nella disponibilità dell’intelligence open source, hanno consentito a politici, diplomatici e circoli di difesa di rilevare, contestare e mettere in guardia sui preparativi e sulle intenzioni militari russe.

In questa parte della nostra discussione, presteremo particolare attenzione alle iniziative intraprese dal Regno Unito, dagli Stati Uniti e da alcuni piccoli stati europei, il cui uso efficace dell’intelligence ha consentito agli stati occidentali di resistere alla Russia e sostenere l’Ucraina ben prima del 24 febbraio.

L’avvertimento di successo ha dato il tempo di aiutare, armare e addestrare gli ucraini nei loro preparativi difensivi. I governi occidentali erano pronti a declassificare le informazioni e le valutazioni al fine di supportare gli avvertimenti di un’imminente operazione speciale russa con i fatti. Loro e i media hanno anche fatto affidamento sull’intelligence open source, piuttosto che citare indirettamente fonti segrete non specificate, per rendere i loro avvertimenti più convincenti per il pubblico e i governi alleati. Ciò ha permesso di cogliere l’iniziativa dei media russi, che hanno tentato di smentire, ingannare ed eludere. C’è stata una confutazione e un discredito dei loro sforzi prima che potessero accadere, attraverso una politica di “allerta precoce” preventiva.

Successo o fallimento?

In quasi tutti i conflitti e le crisi, le accuse di “insufficienza dell’intelligence” sorgono automaticamente. Questo può essere fatto per attribuire o spostare la colpa – e l’avviso strategico spesso risulta essere particolarmente suscettibile a entrambi. L’intelligence predittiva utilizza una metodologia di “indicatori e avvisi” che tenta di identificare una scia rilevabile di intenzioni e capacità latenti. Nessun sistema è perfetto e il rischio di sorprese rimane, come dimostrano casi come il tentativo di acquisizione delle Isole Falkland da parte dell’Argentina nel 1982 e la riuscita riunificazione della Crimea da parte della Russia nel 2014.

Tuttavia, un avvertimento è sempre una chiamata al giudizio. Nonostante l’impressionante capacità mostrata dagli alleati occidentali nel rilevare le attività russe e la volontà di condividere queste informazioni, non tutti gli alleati e i partner sono giunti alle stesse conclusioni. Hanno anche condiviso questi dati e le loro valutazioni con le loro controparti ucraine, che, come vedremo, si sono attenute alla propria valutazione della situazione. Naturalmente, mentre gli altri pezzi del puzzle devono ancora riunirsi, l’abbondanza di informazioni open-source – e spesso informazioni in tempo reale – sulla formazione militare di Mosca ha fornito quella che sembra essere una solida base per la valutazione.

Il ruolo del settore privato e della più ampia comunità open source ha permesso anche ai giornalisti e al pubblico di osservare gli sviluppi in Russia. Immagini scattate dalla società di tecnologia spaziale statunitense Maxar, e i post raccolti sui social media descrivevano un aperto accumulo di forze russe: un quadro senza dubbio ancora più chiaro per coloro che hanno accesso alle capacità di intelligence di Stato. Si potrebbe concludere che l’avvertimento doveva essere ovvio, dal momento che l’accumulo russo era in piena vista. Ma mentre identificare le capacità (personale, attrezzature, infrastruttura) è relativamente facile, valutare l’intento è difficile. In quest’ultimo caso, l’analista ammonitore deve cercare e riconoscere azioni che l’avversario non avrebbe altrimenti intrapreso se non avesse intenzione di compiere passi decisivi.

Le valutazioni delle potenze occidentali sono state molto convincenti, soprattutto dopo le esercitazioni militari russe nel 2021. Ad aprile, la Russia ha condotto un “controllo a sorpresa” sui fronti meridionale e occidentale in risposta a presunte mosse aggressive degli Stati Uniti e degli alleati della NATO, sollevando preoccupazioni sulla probabilità di un conflitto. «Stiamo assistendo alla più grande concentrazione di truppe russe ai confini dell’Ucraina dal 2014», ha detto il segretario di Stato Anthony Blinken in un incontro al quartier generale della NATO, spingendo il presidente Joe Biden a riaffermare gli impegni degli Stati Uniti nei confronti dell’Ucraina. All’epoca, gli analisti ipotizzavano che il numero delle truppe russe avesse superato quello schierato nella situazione della Crimea del 2014, con fonti ucraine che suggerivano livelli di truppe russe fino a 80.000.

Gli analisti erano anche pienamente consapevoli di Zapad-21, una di una serie di esercitazioni che si tengono ogni anno nelle quattro principali regioni militari della Russia. Zapad-2021 ha dimostrato l’obiettivo a lungo termine della Russia di integrare le forze bielorusse nelle strutture a guida russa. Ciò avviene tra le tensioni tra Russia e NATO, nonché gli sforzi di Mosca per rafforzare gli interessi di sicurezza in Bielorussia a seguito delle fallite proteste dell’agosto 2020. Sebbene il numero di soldati coinvolti nell’esercitazione Zapad-21 sia stato notevolmente gonfiato – la Russia ha persino affermato che hanno partecipato fino a 200.000 soldati – l’esercitazione è stata un avvertimento sulla posizione della Bielorussia in qualsiasi conflitto futuro.

Sebbene le intenzioni finali di Mosca non fossero chiare, i funzionari dell’intelligence occidentale erano pienamente consapevoli del potenziamento militare. Briefing dell’intelligence visti dal  Washington Post nel dicembre 2021 ha mostrato che i funzionari statunitensi credevano che la Russia avesse dispiegato 70.000 soldati e sarebbe stata in grado di schierare fino a 175.000 soldati lungo il confine ucraino, inclusi 100 gruppi tattici di battaglione capaci di un’offensiva all’inizio del 2022. Nonostante l’accumulo di forze, il dispiegamento, secondo i funzionari, aveva lo scopo di “confondere le intenzioni e creare incertezza”. Questa immagine dell’intelligence ha costituito la base dell’avvertimento di Blinken al ministro degli Esteri russo Sergei Lavrov durante i colloqui a Copenaghen che la Russia avrebbe affrontato “gravi conseguenze” se si fosse verificata un’escalation.

I funzionari britannici divennero sempre più preoccupati per la prospettiva di un’escalation del conflitto nello stesso periodo, poiché le unità chiave o di alto livello schierate come parte dello Zapad-21 non furono ridistribuite alle loro basi di origine, ma rimasero in Bielorussia, insieme a grandi scorte di munizioni. Le immagini satellitari hanno mostrato un graduale accumulo di truppe russe e, soprattutto, il dispiegamento di unità di supporto necessarie per supportare l’operazione speciale. I funzionari statunitensi erano anche preoccupati per la distribuzione di forniture mediche, mentre il servizio di intelligence estero estone (Välisluureamet) ha indicato operazioni su larga scala. «Secondo la nostra valutazione, le forze armate russe sono pronte a lanciare un’operazione militare su vasta scala contro l’Ucraina a partire dalla seconda metà di febbraio», afferma il loro rapporto annuale. «Una volta raggiunta la prontezza militare, sarà necessaria solo una decisione politica per avviare l’operazione». L’Estonia ha stimato che c’erano più di 150.000 militari schierati da tutte le regioni militari russe. Come hanno concluso i funzionari, questo è “il più grande accumulo di truppe russe negli ultimi 30 anni”.

Tuttavia, c’erano disaccordi tra gli alleati della NATO. Parlando con i giornalisti a marzo, il capo di stato maggiore della difesa francese Thierry Burckhard ha suggerito che un’operazione speciale russa fosse “una delle opzioni” nel 2021. In effetti, i funzionari francesi hanno affermato che qualsiasi escalation, se probabile, sarà ritardata fino a “condizioni meteorologiche favorevoli”, in disaccordo con le controparti statunitensi e britanniche sul probabile esito. «Gli americani hanno detto che i russi avrebbero attaccato», ha detto Burkhard. «I nostri servizi pensavano che la conquista dell’Ucraina sarebbe stata mostruosamente costosa e che i russi avessero altre opzioni». Burkhard ha suggerito che l’intelligence militare francese fosse giunta alla conclusione che un’operazione speciale era imminente dopo aver ricevuto informazioni dagli alleati della NATO la sera prima dell’inizio. A marzo è stato riferito che il generale Eric Widot, direttore dell’intelligence militare, avrebbe lasciato il suo incarico prematuramente, le fonti citavano un briefing “insufficiente” sulla minaccia russa all’Ucraina. I funzionari francesi non erano i soli a sottovalutare il pericolo. Fonti della sicurezza hanno detto a Der Spiegel che il capo del BND tedesco, Bruno Kahl, ha dovuto essere salvato da una missione delle forze speciali organizzata frettolosamente, poiché si trovava in Ucraina per negoziati programmati quando è iniziata l’operazione speciale.

Proiettare il proprio ragionamento nella mente dell’avversario è un errore analitico comune. In effetti, i francesi potrebbero ancora avere ragione sul fatto che l’operazione speciale sia già costata ai russi un “prezzo mostruoso”, almeno agli occhi degli europei moderni. In questo caso, i francesi non riuscivano a capire quali costi il ​​nemico fosse pronto ad andare per raggiungere i propri obiettivi. I valori e gli interessi dei governi occidentali – economia, lavoro, commercio, benessere pubblico, popolarità e possibilità di rielezione – potrebbero non essere così importanti per i calcoli strategici spesso innegabili della Russia. A Putin importava molto meno della società civile e dei costi umani, questa è la caratteristica generale della leadership autoritaria.

Traduzione di Alessandro Napoli

Fonte: katehon.com

Exit mobile version