Vai al contenuto

Come il governo degli Stati Uniti nasconde di essere una dittatura

Di Eric Zuesse

Come è successo?

Lo stesso gruppo di circa un migliaio di persone che controlla il governo degli Stati Uniti ha anche il controllo sui principali mezzi di informazione e anche sulle principali istituzioni accademiche, gruppi di riflessione e fondazioni “caritatevoli”, in modo che il pubblico venga ingannato, da quelle “notizie” – media ed “esperti” – che pubblicizzano, a credere che il pubblico governi il paese (che è una “democrazia”), e che questa piccola aristocrazia super ricca (un’oligarchia corrotta di proprietari delle mega-corporazioni che controllano, i miliardari americani) non lo faccia. È tutto fatto con l’inganno e i super ricchi lo finanziano, non solo direttamente ma tramite le loro società.

Il 17 marzo 2011, prima che il Guardian britannico fosse rilevato dai miliardari statunitensi, quel giornale titolava “Rivelato: operazione di spionaggio statunitense che manipola i social media: il software militare ‘sock puppet’ crea false identità online per diffondere propaganda filoamericana”, e hanno riferito che “L’esercito americano sta sviluppando un software che consentirà di manipolare segretamente i siti di social media utilizzando personaggi online falsi per influenzare le conversazioni su Internet e diffondere propaganda filo-americana. Il contratto Centcom stabilisce che ogni persona online falsa deve avere un background convincente, una storia e dettagli di supporto e che fino a 50 controllori con sede negli Stati Uniti dovrebbero essere in grado di gestire false identità dalle loro workstation “senza timore di essere scoperti da avversari sofisticati”.

Non c’era nulla di nuovo in questo, tranne le tecnologie, che a loro volta provenivano da società come Google.

Il 22 gennaio 2015 il grande giornalista investigativo indipendente Nafeez Ahmed ha documentato Come la CIA ha creato Google” e anche Perché Google ha creato la NSA”. Il governo degli Stati Uniti è a letto con i suoi miliardari, che sono i burattinai al di sopra della scena politica, controllando i loro burattini, che includono non solo i politici le cui carriere hanno finanziato (alla Camera, al Senato e alla Casa Bianca degli Stati Uniti), ma anche ai loro “mezzi di informazione”.

Ritornando alla decisione del presidente degli Stati Uniti Harry S. Truman del 25 luglio 1945 secondo cui il governo degli Stati Uniti d’ora in poi si sarebbe dedicato, soprattutto, a diventare la potenza imperiale suprema che controlla l’intero pianeta (oggi questa è chiamata “egemonia”), decise quindi di fondare nel 1947 sia il Dipartimento della “Difesa” (che in precedenza era stato il “Dipartimento della Guerra” fondamentalmente diverso sin dal 1789), sia la CIA, al fine di raggiungere questo nuovo obiettivo globale-imperiale. Nessuna nazione nella storia, eccetto la Germania nazista, aveva mai aspirato a conquistare, in definitiva, l’intero pianeta. Non sono riusciti a raggiungerlo. Ma i neoconservatori americani – e questo include l’intero Deep State americano – aspiravano a questo e sono ancora determinati per raggiungerlo (principalmente per mezzo di sovversioni straniere, sanzioni, colpi di stato ed eserciti per procura, ma anche per mezzo di invasioni dirette degli Stati Uniti, ogni volta che questi mezzi falliscono).

Il 1 ° luglio 2022, Caitlin Johnstone ha titolato “L’Ucraina è la guerra più aggressivamente trollata di tutti i tempi” e ha riferito che:

«La guerra in Ucraina è la questione più aggressivamente trollata a cui abbia mai assistito. Non appena è iniziata, Twitter era pieno di account nuovi di zecca che brulicavano di chiunque dicesse cose sbagliate sull’Ucraina, e ora ci sono intere fazioni di troll estremamente coordinate che lavorano per spaventare le persone dal criticare le narrazioni dell’impero su questa guerra. È chiaramente molto inorganico, quindi è bene ricordare ciò che sappiamo sulle operazioni di trolling delle forze armate occidentali».

Il 17 maggio 2021, Newsweek – normalmente esso stesso un membro obbediente dei principali media americani – si è preso una rara pausa dal titolo “Exclusive: Inside the Military’s Secret Undercover Army” e riportandolo:

«La più grande forza sotto copertura che il mondo abbia mai conosciuto è quella creata dal Pentagono negli ultimi dieci anni. Circa 60.000 persone ora appartengono a questo esercito segreto, molte lavorano sotto identità mascherate e di basso profilo, tutte parte di un ampio programma chiamato “signature reduction”. La forza, più di dieci volte più grande degli elementi clandestini della CIA, svolge incarichi nazionali ed esteri, sia in divisa militare che sotto copertura civile, nella vita reale e online, nascondendosi a volte in aziende private e società di consulenza, alcune delle quali società di nome familiare».

Il cambiamento senza precedenti ha posto un numero sempre maggiore di soldati, civili e appaltatori che lavorano sotto false identità, in parte come risultato naturale della crescita di forze speciali segrete ma anche come risposta intenzionale alle sfide di viaggiare e operare in modo sempre più trasparente nel mondo. L’esplosione della guerra informatica del Pentagono, inoltre, ha portato a migliaia di spie che svolgono il loro lavoro quotidiano in vari personaggi inventati, proprio il tipo di operazioni nefaste che gli Stati Uniti denunciano quando le spie russe e cinesi fanno lo stesso. Il Congresso non ha mai tenuto un’audizione sull’argomento. Eppure l’esercito che sviluppa questa gigantesca forza clandestina sfida le leggi statunitensi, le Convenzioni di Ginevra, il codice di condotta militare e la responsabilità di base.

Molto prima di ciò, nel 1948, la CIA di Truman iniziò la sua “Operazione Mockingbird” e ne incaricò Frank Wisner a capo, che reclutò Philip Graham (Washington Post) per gestire il progetto all’interno del settore. Lo stesso Graham reclutò altri che avevano lavorato per l’intelligence militare durante la guerra. Ciò includeva James Truitt, Russell Wiggins, Phil Geyelin, John Hayes e Alan Barth. Altri come Stewart Alsop, Joseph Alsop e James Reston, furono reclutati all’interno del Georgetown Set. Secondo Deborah Davis, l’autrice di Katharine la Grande (1979): «All’inizio degli anni ’50, Wisner ‘possedeva’ membri rispettati del New York Times, Newsweek, CBS e altri veicoli di comunicazione».

A poco a poco, nel corso dei decenni, gli scandali di quelle che erano, virtualmente, “notizie” controllate dalla CIA in America, hanno portato a un presupposto generale che la CIA non dovrebbe contaminare le menti dei cittadini statunitensi con le bugie che stava diffondendo all’estero. Persino nel 1948, lo Smith-Mundt Act proibì a Radio Free Europe e ad altre organizzazioni di “informazione” gestite dal governo statunitense di consentire la riproduzione delle loro falsità nei notiziari nazionali statunitensi. Tuttavia, anche quella stretta limitazione è stata proposta per essere praticamente revocata in “The Smith-Mundt Modernization Act del 2012”, che successivamente è stato incorporato nel “National Defense Authorization Act for Fiscal Year 2013”, dove si trova a pagina 326 di tale legge di 681 pagine, come “SEC. 1078”. Ma tutto questo era una piccola patata perché presumeva falsamente che i PROPRIETARI delle principali “notizie” americane non fossero LORO STESSI connessi con l’operazione Mockingbird – cosa che erano (e sono), sin dal 1948.

E, naturalmente, l’operazione Mockingbird diffonde bugie anche all’estero. Un semplice esempio delle distruzioni che questo produce è in Etiopia. Una buona notizia in merito è stata pubblicata il 12 maggio 2021 su dehai.org e intitolata “Disinformazione in Tigray: consenso alla produzione per una guerra secessionista”. Si collegava a questo studio, che (alla sua pagina 60) ha una sezione su “Sostenere il TPLF a tutti i costi: amici potenti a Washington”, che ha identificato Susan Rice, delle amministrazioni di Obama e Biden, come la persona principale dietro questa campagna di menzogne. Un altro bell’articolo su questo argomento è stato OneWorld.Press del 25 ottobre 2021 di Andrew Korybko “L’Etiopia non sta ‘bombardando la propria gente'”.

Naturalmente, non troverete il presente articolo pubblicato o collegato a nessuno dei principali media statunitensi, sebbene venga inviato a tutti loro per la pubblicazione. Non è il tipo di notizia, o commento alle notizie, che pubblicano. Questo tipo di notizie non può essere pubblicato in maniera mainstream, in una dittatura, ma SOLO in una democrazia. Qualsiasi dittatura nasconde la verità, invece di pubblicarla. Trasmettere, al pubblico, la verità, non è all’ordine del giorno, delle persone che hanno il controllo.

Traduzione di Alessandro Napoli

Fonte: orientalreview.org

Categorie

Senza categoria

Tag

, , , ,

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: