Site icon Nuova Resistenza – ITALIA

Lotta per il Caucaso. Parte VI. La destabilizzazione della Circassia e il Mahajirismo

Dipinto di Pyotr Nikolayevich Gruzinsky (1872) raffigurante i Circassi che abbandonano i territori del Caucaso.

L’articolo svela vari aspetti del confronto geopolitico tra l’Impero russo e le principali potenze europee nella lotta per il Caucaso. L’autore mostra come la Gran Bretagna, la Turchia e la Francia abbiano cercato di prendere il controllo di questa regione montuosa nel XIX secolo, quali meccanismi e trucchi sono stati usati dai nostri concorrenti nel Caucaso e come gli abitanti degli altipiani sono diventati ostaggi di un grande gioco geopolitico. Esempi storici specifici mostrano la tecnica del “caos controllato”, utilizzata dall’Occidente per contenere e contrastare la Russia. L’articolo prosegue il ciclo di ricerca dell’autore sullo studio delle tecniche per la destabilizzazione politica della società.

Di Maxim Vasiliev

L’ulteriore confronto tra l’Occidente e la Russia nel Caucaso è anche strettamente connesso con una serie di importanti eventi politici che si svolgono lontano da questa regione montuosa. Tracciamo una catena di relazioni interessanti. Nel 1861 nel Caucaso nord-occidentale fu istituito un organo di governo nazionale, il Mejlis, chiamato Grande Assemblea Libera. Questa organizzazione, secondo il suo scopo, svolgeva le funzioni di parlamento, proclamava l’integrità amministrativo-territoriale del Caucaso e chiedeva il consolidamento degli altipiani nella lotta contro i russi. Sotto di essa furono istituiti tribunali, circoli di preghiera e comunità. È interessante notare che, a differenza di tutte le precedenti organizzazioni nazionali degli abitanti degli altipiani, questo Mejlis si è dichiarato pronto ad agire come soggetto nelle relazioni legali internazionali. L’illuminismo e la civiltà degli altipiani erano posizionate in ogni modo possibile [1]. Indubbiamente, l’idea di creare un tale corpo di potere nel Caucaso non appartiene agli highlander, ma ai loro curatori europei. All’inizio degli anni ’60 dell’Ottocento, gli agenti delle potenze occidentali decisero di svolgere un’altra combinazione di separazione territoriale del Caucaso dalla Russia, e per questo era necessario avere una sorta di organizzazione politica nella regione. Oltre ad annunciare la mobilitazione degli abkhazi e invocare una “guerra santa”, i Mejlis decisero di inviare ambasciate a Istanbul, Parigi e Londra con una richiesta di sostegno per la lotta a tutto campo contro i russi. Inoltre, vennero inviate proposte al comando russo nel Caucaso sullo sviluppo di relazioni politiche congiunte, che escludevano qualsiasi interferenza russa negli affari del Caucaso. In questo esempio, vediamo come un’organizzazione è stata creata artificialmente, posizionandosi come la guida di uno stato sovrano. E le azioni di questa organizzazione autoproclamata furono sufficientemente organizzate, accurate e verificate dal punto di vista del diritto internazionale. E questo nonostante fino al 1860 le tribù sparse del Caucaso occidentale per decenni non potessero essere d’accordo tra loro nemmeno su operazioni militari congiunte. Basta ricordare solo il loro rifiuto di collaborare con l’esercito dell’Imam Shamil.

L’anno successivo, 1862, uno sconosciuto rappresentante del Mejlis Izmail-Barakai-Ina-Dziash apparve a Parigi, Londra e in numerose altre capitali d’Europa, definendosi il rappresentante dell’intera “Circassia”. Fin dall’inizio, quest’uomo si è arrogato il ruolo esclusivo di diplomatico e il diritto di parlare con l’Europa a nome di tutti gli abitanti degli altipiani. È interessante notare che le attività della deputazione degli altipiani furono attivamente accompagnate e supervisionate da emigranti polacchi, tra cui T. Lapinsky [2]. A nome di tutti i popoli caucasici, questa delegazione si rivolse alla regina d’Inghilterra con la disponibilità a “unirsi alla famiglia delle nazioni costituzionali”. Il risultato degli incontri della squadra circasso-polacca con i politici europei è stata l’emergere dei cosiddetti “comitati circassi”. Rendendosi conto che l’intera storia della statualità e della deputazione caucasica era uno scenario ben organizzato del grande gioco geopolitico dell’Occidente, non c’è da stupirsi che le potenze occidentali abbiano mostrato il massimo favore a un’organizzazione dubbia dal punto di vista del diritto internazionale. Al ritorno nel Caucaso, Izmail-Barakai-Ina-Dziash ha dichiarato che “l’Europa è disposta ad aiutarci” e ha influenzato con successo l’immaginazione degli altipiani con varie lettere con molti sigilli e riferimenti a nomi di personaggi famosi delle potenze europee. Molto probabilmente, membri del Mejlis circasso, istigati da agenti occidentali, credevano sinceramente che l’Occidente avrebbe sostenuto la loro causa e non si rendevano nemmeno conto che erano solo un ingranaggio in un grande gioco. Inoltre, i loro curatori occidentali hanno fornito ogni sorta di segno di attenzione e approvazione, senza attenersi alle promesse tradizionali. Immediatamente dopo l’arrivo di una delegazione sconosciuta dal Caucaso, si sono tenute a Londra affollate manifestazioni a sostegno della Circassia. I giornali tradizionalmente coprivano questo evento con vivaci colori russofobici. Si stava dispiegando un’altra importante combinazione geopolitica. Sotto il “Comitato circassico” di Istanbul è stato organizzato il Consiglio nazionale supremo, che ha assunto il coordinamento dell’intera lotta degli altipiani del Caucaso nord-occidentale. Dal 1862 vi si trasferirono i principali capi dell’Adyghe Mejlis, dopo che le truppe russe sconfissero questo centro di resistenza nel Caucaso credevano sinceramente nel sostegno della loro causa da parte dell’Occidente e non si rendevano nemmeno conto di essere solo un ingranaggio in un grande gioco. Inoltre, i loro curatori occidentali hanno fornito ogni sorta di segno di attenzione e approvazione, senza attenersi alle promesse tradizionali. Immediatamente dopo l’arrivo di una delegazione sconosciuta dal Caucaso, si sono tenute a Londra affollate manifestazioni a sostegno della Circassia. I giornali tradizionalmente coprivano questo evento con vivaci colori russofobici. Si stava dispiegando un’altra importante combinazione geopolitica. Sotto il “Comitato circassiano” di Istanbul è stato organizzato il Consiglio nazionale supremo, che ha assunto il coordinamento dell’intera lotta degli altipiani del Caucaso nord-occidentale. Dal 1862 vi si trasferirono i principali capi dell’Adyghe Mejlis, dopo che le truppe russe sconfissero questo centro di resistenza nel Caucaso credevano sinceramente nel sostegno della loro causa da parte dell’Occidente e non si rendevano nemmeno conto di essere solo un ingranaggio in un grande gioco. Inoltre, i loro curatori occidentali hanno fornito ogni sorta di segno di attenzione e approvazione, senza attenersi alle promesse tradizionali. Immediatamente dopo l’arrivo di una delegazione sconosciuta dal Caucaso, si sono tenute a Londra affollate manifestazioni a sostegno della Circassia. I giornali tradizionalmente coprivano questo evento con vivaci colori russofobici. Si stava dispiegando un’altra importante combinazione geopolitica. Sotto il “Comitato circassiano” di Istanbul è stato organizzato il Consiglio nazionale supremo, che ha assunto il coordinamento dell’intera lotta degli altipiani del Caucaso nord-occidentale. Dal 1862 vi si trasferirono i principali capi dell’Adyghe Mejlis, dopo che le truppe russe sconfissero questo centro di resistenza nel Caucaso Inoltre, i loro curatori occidentali hanno fornito ogni sorta di segno di attenzione e approvazione, senza attenersi alle promesse tradizionali. Immediatamente dopo l’arrivo di una delegazione sconosciuta dal Caucaso, si sono tenute a Londra affollate manifestazioni a sostegno della Circassia. I giornali tradizionalmente coprivano questo evento con vivaci colori russofobici. Si stava dispiegando un’altra importante combinazione geopolitica. Sotto il “Comitato circassiano” di Istanbul è stato organizzato il Consiglio nazionale supremo, che ha assunto il coordinamento dell’intera lotta degli altipiani del Caucaso nord-occidentale. Dal 1862 vi si trasferirono i principali capi dell’Adyghe Mejlis, dopo che le truppe russe sconfissero questo centro di resistenza nel Caucaso [3]. I “comitati circassi” in Inghilterra e Turchia erano strettamente collegati al centro parigino dell’emigrazione nobile-monarchica polacca, ma erano principalmente supervisionati da ufficiali britannici. Ad esempio, il comitato di Istanbul era guidato dal colonnello inglese Jordan. Fu la capitale turca, per la sua vicinanza territoriale al Caucaso, a diventare in questi anni il principale punto di partenza per rifornire di armi e munizioni gli abitanti delle montagne. L’inviato russo, in un rapporto al governatore del Caucaso, ha scritto che Istanbul … è un luogo di ritrovo per gli anziani delle tribù di montagna recalcitranti che ci sono ostili, nonché un punto di deposito di armi, rifornimenti militari e altri rifornimenti assegnati dai nostri nemici per la partenza verso le coste caucasiche del Nero Mare. Qui, sotto l’influenza degli intrighi degli emigranti polacchi, la questione caucasica attira sempre più l’attenzione pubblica europea e diventa strumento di propaganda politica ostile [4].

I membri del “Comitato circassiano” di Londra svilupparono diversi progetti a sostegno degli abitanti delle montagne. È stato proposto di inviare la flotta mercantile d’Inghilterra per dimostrare i suoi diritti al libero scambio con la Circassia, o di inviare navi da guerra sotto la “bandiera circassica” sulle coste del Caucaso. Il terzo piano prevedeva il tradizionale rifornimento di armi per i montanari e l’invio di legionari nel Caucaso, costituiti principalmente da fanatici polacchi. A Londra, hanno optato con cautela sull’ultima versione del progetto. La nave inglese “Chesapeake” con armi e legionari polacchi arrivò a Istanbul, e poi si diresse verso la costa circassa. Inizialmente, ai capi degli altipiani locali fu promesso un intero esercito, che, ovviamente, non apparve mai. Inoltre, i polacchi hanno utilizzato parte delle armi e delle munizioni portate per se stessi. Le ambasciate francese e britannica a Istanbul e i consolati a Trebisonda, dove si formò un altro “comitato circasso”, furono direttamente coinvolti nell’organizzazione di questa spedizione. La consegna delle armi e lo sbarco delle truppe sulla costa circassa doveva essere guidata dal capitano francese Magnan.

Il lavoro competente con i popoli del Caucaso occidentale ha dato i suoi frutti. Molti circassi credevano nella volontà e nel desiderio delle potenze straniere di aiutare nella lotta contro la Russia. In soli sei mesi riuscirono a radunare una milizia di 4mila persone nel Caucaso e nel 1863 si opposero alle truppe russe. Erano supportati da distaccamenti di volontari polacchi che avrebbero combattuto attivamente nelle gole della montagna fino alla fine della guerra del Caucaso. Se guardiamo alla data della rivolta attiva degli highlander – 1863 e ricordiamo che fu in quest’anno che un’altra rivolta armata ebbe luogo in Polonia, la logica e la sequenza delle azioni della Gran Bretagna appaiono chiare. Ancora una volta si stava svolgendo il classico scenario del “caos controllato”, divampando contemporaneamente in diverse parti della Russia. Tuttavia, come negli anni ’30 dell’Ottocento, l’Occidente non riuscì a realizzare lo smembramento territoriale della Russia. La rivolta polacca, così come la resistenza dei circassi, furono rapidamente represse dalle truppe russe. Immediatamente dopo, l’interesse dell’Occidente per gli affari e i problemi della Circassia scomparve all’istante. I popoli del Caucaso ancora una volta hanno svolto il loro ruolo nell’interesse dell’Occidente, dopo di che semplicemente non erano necessari. In questo caso, è molto significativo che subito dopo la repressione della rivolta polacca, i “deputati” circassi siano stati rimandati a casa da Londra, avendo ricevuto dal tesoro britannico solo un’indennità in denaro per il viaggio di ritorno [5]. Verso la metà degli anni ’60 dell’Ottocento, l’Inghilterra, come altre potenze occidentali, fu costretta di fatto a riconoscere il Caucaso come una zona di influenza dell’Impero Russo. L’anno 1864 in Russia fu proclamato la data ufficiale per la fine della guerra del Caucaso, sebbene il suo stesso territorio rimanesse ancora una zona di costante tensione sociale, e quindi non scomparve per i nostri “partner occidentali”.

Dall’inizio degli anni ’60 dell’Ottocento iniziò una migrazione di massa di montanari dal territorio del Caucaso alle pianure del Kuban. E nei territori liberati furono attivamente creati insediamenti cosacchi. In totale, dal 1861 al 1865, nel Caucaso nord-occidentale apparvero 81 nuovi villaggi, in cui vivevano 3.405 famiglie cosacche. Dopo i cosacchi, i coloni si recarono nelle terre del Caucaso settentrionale adatte all’agricoltura, non solo contadini russi dell’entroterra, ma anche greci e armeni che lasciarono la Turchia, tedeschi della Germania meridionale e altri coloni [6]. I processi di migrazione sociale si sono notevolmente intensificati. Un appello è stato rivolto a tutti gli ex servi della gleba che erano precedentemente fuggiti sulle montagne e agli ex prigionieri di guerra con un appello a tornare nella posizione delle truppe russe con la garanzia di concedere loro libertà e un alloggio favorevole lontano dal Caucaso. Le truppe russe, essendo aumentate numericamente nel Caucaso, furono in grado di circondare quasi completamente le ultime sacche di resistenza dei circassi, bloccando i loro canali di rifornimento per ciò di cui avevano bisogno. Tutte queste misure sono state attuate con l’obiettivo di porre fine definitivamente alla resistenza armata e stabilizzare la vita nel Caucaso. Il governo russo ha cercato di privare i circassi dei loro rifugi naturali nelle montagne, strapparli ai predicatori islamici radicali e ai provocatori occidentali e mettere le popolazioni locali sotto il controllo dell’amministrazione zarista. Nel settembre 1861, l’imperatore Alessandro II arrivò nel Caucaso e tenne un incontro con gli anziani e le persone rispettate delle tribù di montagna. C’erano anche rappresentanti del Mejlis circasso a questo incontro. In una conversazione con gli highlander, l’imperatore russo si offrì di scegliere se trasferirsi in pianura o lasciare il territorio della Russia. Il principe Mamat-Girey Loov ha successivamente citato il sovrano, che ha detto: «Voglio che i vostri popoli sopravvivano, affinché non lascino i loro luoghi natii, affinché accettino di vivere con noi in amicizia e pace. Dovete riconoscere la cittadinanza dello zar russo. La fine è già ben visibile: il Caucaso sarà russo. Se fermate la guerra distruttiva, la vostra gente sopravviverà e sarà più facile per voi vivere. Se le mie condizioni sono respinte da voi, sarò costretto a ordinare ai miei generali di porre fine alla guerra nei prossimi anni, ma questo vi porterà guai incalcolabili e lo sterminio del popolo. Do un periodo di un mese – gli Abadzekh devono decidere se vogliono trasferirsi nei luoghi da loro indicati nel Kuban o trasferirsi in Turchia» [7]. Dopodiché, iniziò una migrazione di massa di residenti dal Caucaso verso i vicini stati islamici, principalmente la Turchia, poiché la maggioranza non voleva vivere pacificamente nei territori pianeggianti, adiacenti ai russi. Solo un quarto di tutti i circassi ha accettato di rimanere nell’impero russo. Secondo il generale R.A. Fadeev, durante il principale flusso migratorio nel 1864, 211 mila circassi si trasferirono in Turchia e nel 1865 altre 40 mila persone. Secondo alcuni storici moderni, questa cifra è significativamente più alta. Questo processo migratorio acquisì per molti montanari un carattere sacro con spiccate sfumature religiose e fu chiamato mahajirismo.

La migrazione di massa degli abitanti del Caucaso verso il territorio della Turchia non poteva passare inosservata agli inglesi, che sfruttavano magistralmente a proprio vantaggio ogni tensione sociale, cercando di trarne vari benefici. Il mahajirismo non ha fatto eccezione. Non appena masse di coloni si trasferirono dalla costa occidentale del Caucaso, l’Inghilterra annunciò ufficialmente la necessità di un sostegno a tutto tondo per i circassi sfortunati e sofferenti. L’ambasciatore britannico a Istanbul dichiarò: «Abbiamo perso la Circassia, e se c’è ancora qualcuno da salvare, sono gli stessi Circassi» [8]. I rappresentanti britannici hanno esortato le autorità turche non solo a non interferire con i coloni, ma anche a fornire loro vari aiuti. Pertanto, è stato proposto di insediare i migranti tra famiglie turche con l’aspettativa di una famiglia montanara per ogni quattro turche, il che ha portato inevitabilmente alla disunione della diaspora e alla rapida perdita della sua identità nazionale. Inoltre, gli inglesi raccomandarono fortemente che la maggior parte dei coloni fosse collocata vicino ai confini russi, creando una sorta di barriera protettiva che potesse essere utilizzata in futuri conflitti con i russi. I consulenti occidentali non hanno dimenticato i loro interessi puramente economici. Pertanto, si proponeva di collocare i coloni circassi lungo la linea Trebisonda – Erzurum, dove era prevista la costruzione della ferrovia. La manodopera a basso costo o quasi gratuita dei circassi sarebbe stata perfetta per complessi lavori di costruzione. Gli interessi commerciali degli inglesi in questa regione sono stati discussi in precedenza. Come si vede, i difensori degli interessi dei popoli della montagna di ieri, che per decenni hanno fomentato la russofobia sulla stampa europea, hanno accolto con calma il mahajirismo degli higlander. Non vediamo né proteste contro la disumanità né critiche a ciò che sta accadendo negli anni ’60 dell’Ottocento. Ciò è dovuto al fatto che l’emigrazione di massa dei popoli del Caucaso corrispondeva pienamente agli interessi degli anglosassoni e, di conseguenza, tutti i discorsi sulla tragedia dei destini umani, dei valori liberali e dell’umanesimo sono immediatamente svaniti sullo sfondo e hanno perso la loro rilevanza. L’ambasciatore inglese in Russia, Lord F. Napier, ha scritto in un rapporto a Russell che “… se il governo turco, da un lato, ha sostenuto spese significative, dall’altro ha acquisito un significativo rifornimento della popolazione musulmana dell’impero, che sarà di notevole valore per l’esercito turco” [9]. La Turchia era ancora vista dagli inglesi come un deterrente contro la Russia.

Obbedendo alla volontà dei loro curatori occidentali e vedendo reali benefici per se stessi, il governo turco ha lanciato un’attiva agitazione e propaganda tra gli abitanti delle montagne per il reinsediamento in Turchia. Un gran numero di agenti turchi fu inviato nel Caucaso e si rivolsero ai circassi sotto forma di appelli religiosi. “Non puoi vivere in uno stato straniero e obbedire al governo sbagliato – o moriremo nella lotta, o ci trasferiremo in un paese musulmano”; “Il reinsediamento è il nostro destino. Se è gradito ad Allah, è nostro dovere accettarlo”; “Chi muore all’estero va all’inferno”; “Passiamo a uno Stato musulmano, raccogliamo le nostre forze, torniamo in patria e riconquistiamola” [10]. Questi sono solo alcuni degli slogan che risuonavano nel Caucaso in quel momento. La Turchia è stata presentata nella mente dei circassi come un paradiso in cui è necessario allontanarsi dall’oppressione delle autorità russe. Allo stesso tempo, un certo numero di altri agenti hanno fatto circolare la seguente chiamata, scritta in arabo. Hanno detto: “Musulmani! Se volete devastare le vostre terre, spostatevi in Turchia; se volete essere sottomessi agli infedeli, passate a loro (cioè russi – M.V.). Ma se non volete né l’uno né l’altro, allora aspettate. Verremo presto da voi, a Dio piacendo. È già stato deciso: 1) che i Russi si mantengano entro i loro antichi confini e lascino ai Circassi i luoghi da loro occupati; 2) che i Circassi diventino parte dei sudditi dello Stato turco; 3) che tutte le potenze siano nemiche dei russi. Se i russi vengono da voi con un esercito, allontanatevi da loro ulteriormente nelle gole e sulle cime delle montagne. Vi giuriamo che la vostra terra rimarrà con voi” [11]. I rapporti degli ufficiali russi hanno ripetutamente notato la penetrazione di stranieri, chiedendo la continuazione della lotta antirussa. Quindi, in uno dei documenti è stato notato che un ufficiale straniero sceso dalla nave partecipò a una riunione degli Ubykh, dove affermò di essere stato inviato dal suo governo. Convinse gli abitanti degli altipiani a mantenere rapporti ostili contro i russi e che in brevissimo tempo tutti gli highlander che avevano lasciato le loro terre si sarebbero visti nei loro luoghi precedenti, che gli eserciti alleati li avrebbero aiutati a restituire, dando loro un esercito e tutto il necessario per aver fatto la guerra ai russi. Al ritorno dalla Turchia, l’effendium del popolo Natukhai ha promesso una fornitura anticipata di armi e munizioni. Secondo le sue dichiarazioni, il sultano turco ha già stanziato “polvere da sparo per gli highlander, 160 scatole, che ha accettato e immagazzinato a Trebisonda e che presto saranno consegnate in montagna” [12]. Pertanto, gli agenti occidentali ancora una volta hanno disinformato gli abitanti delle montagne, dando loro speranze infondate per il sostegno della comunità mondiale nella lotta contro i russi. L’unico scopo di questa disinformazione era quello di interrompere la normale procedura per il reinsediamento degli abitanti degli altipiani e la violazione dei piani delle autorità russe nel Caucaso. Naturalmente, tali appelli costrinsero i montanari più recalcitranti a riprendere le armi, ad addentrarsi nelle gole profonde e a combattere le truppe russe, conducendo una guerriglia. Così, nel 1866, scoppiò una grande rivolta dei circassi nel villaggio di Lykhny, che si estese a Sukhum. Naturalmente, la soppressione della partigianeria caucasica fu associata alla manifestazione di dure misure di rappresaglia da parte delle truppe russe, seguite dal disarmo di massa dei caucasici. E questo ha provocato una nuova ondata di mahajirismo di protesta in Turchia.

Questo esempio può dimostrare chiaramente che le potenze europee, nonostante le belle dichiarazioni, non hanno fornito alcun aiuto agli emigranti dal Caucaso, inoltre, con le loro azioni provocatorie, hanno solo aggravato la situazione, rendendola ancora più tragica. Lo storico russo A.P. Berger ha giustamente osservato che “l’intervento della diplomazia turca ed europea negli affari degli altipiani non ha portato e non ha potuto portare loro altro che male, poiché non è avvenuto nel loro interesse o con alcuno scopo umano e morale, ma è apparso come un significa rastrellare il calore con le mani di qualcun altro. Gli highlander, sia agli occhi dei turchi che agli occhi dell’Europa, rappresentavano solo un mezzo per contrastare la Russia, e né l’Europa né la Turchia hanno avuto pietà nell’usare questo mezzo [13].

Quando l’intero territorio del Caucaso occidentale fu preso sotto il controllo delle forze russe e fu completata la fase principale del reinsediamento degli highlander, l’interesse dell’Occidente per i problemi degli emigranti cessò bruscamente. La questione di qualsiasi tipo di assistenza ai popoli del Caucaso non era più discussa dall’opinione pubblica europea. L’unica cosa di cui il governo britannico era preoccupato era che il deflusso inverso di circassi verso la Russia non sarebbe iniziato. Per contrastare la riemigrazione, già nel 1864 furono emanate norme che vietavano l’imbarco su navi degli emigranti caucasici che rientravano in patria. Il progetto occidentale di supervisione del mahajirismo degli abitanti del Caucaso è stato completato. Un rapporto dettagliato sul fatto compiuto di una grande migrazione della popolazione è stato fornito al governo britannico, i materiali sono stati trasferiti all’archivio.

Continua...

Bibliografia:

  • Bgazhba O. K., Lakoba S.Z. Storia dell’Abkhazia dai tempi antichi ai giorni nostri. M., 2007.
  • Berger A.P. Sfratto degli higlander dal Caucaso // antichità russa. 1882. N. 1.
  • Berzage N. Espulsioni dei Circassi (cause e conseguenze). Maikop, 1996, pagina 64.
  • Vasiliev M. V. Lotta per il Caucaso. Parte I. Inizio del conflitto // Arconte. 2020. N. 3. P. 64 – 76
  • Vasiliev M. V. Gran gioco. Le lezioni di geopolitica. SPb., 2019.
  • Vasiliev M. V. Lotta per il Caucaso. Parte II. Confronto degli anni ’30 dell’Ottocento // Arconte. 2020. N. 4. P. 4 – 19.
  • Vasiliev M. V. Lotta per il Caucaso. Parte III. Imamat Shamil // Arconte. 2021. N. 1. P. 79 – 89.
  • Vasiliev M. V. Lotta per il Caucaso. Parte IV. Confronto del 1860 // Arconte. 2021. N. 2. P. 17 – 24.
  • Vasiliev M. V. Lotta per il Caucaso. Parte V. Formazioni nazionali della guerra caucasica // Arconte. 2021. N. 6. P. 21 – 28.
  • Vasiliev M. V. Geopolitica dell’Impero russo XIX – inizio XX secolo. M., 2020.
  • Damenia O. N. L’Abkhazia a cavallo del secolo (l’esperienza dell’analisi concettuale). SPb., 2011.
  • Dzidzaria G. A. Mahajirismo e problemi della storia dell’Abkhazia nel XIX secolo. ed. 2. Sukhumi, 1982, pp. 172-173.
  • Dukhovsky S. D. Materiali per descrivere la guerra nel Caucaso occidentale. Distaccamento di Dakhov sul versante meridionale delle montagne nel 1864 // Collezione militare. 1864. N. 11.
  • Storia dei popoli del Caucaso settentrionale (fine XVIII – 1917). M., 1988.
  • Popov V. V. L’imperatore Alessandro II: “…la causa della completa conquista del Caucaso è prossima al completamento” // Giornale di storia militare. 1995. N. 6. SS 71 – 76.
  • Sichkar A. V. Sulla storia della rivalità tra gli imperi russo, ottomano e britannico per il Caucaso settentrionale // Bollettino del Centro scientifico Vladikavkaz. 2006. V. 6. N. 4. SS 23 – 26.
  • Cheucheva A. K. L’atteggiamento del governo inglese nei confronti dell’emigrazione circassa dopo la fine della guerra caucasica // Bollettino dell’Università statale di Adyghe. Serie 1: Studi regionali: filosofia, storia, sociologia, giurisprudenza, scienze politiche, studi culturali. 2008. n. 2. SS 27 – 29.
  • Chuntyzheva R. V. Mejlis di Sochi: l’esperienza della creatività socio-politica dei circassi nell’Ottocento // Bollettino dell’Università tecnologica statale di Maikop. 2014. n. 4. SS 15 – 19.
  • Esadze S. Conquista del Caucaso occidentale e fine della guerra caucasica. Tiflis, 1914.

Note:

[1] Chuntyzheva R. V. Mejlis di Sochi: l’esperienza della creatività socio-politica dei circassi nell’Ottocento // Bollettino dell’Università tecnologica statale di Maikop. 2014. n. 4. SS 15 – 19.

[2] Bgazhba O. K., Lakoba S. Z. Storia dell’Abkhazia dai tempi antichi ai giorni nostri. M., 2007.

[3] Esadze S. Conquista del Caucaso occidentale e fine della guerra caucasica. Tiflis, 1914.

[4] Storia dei popoli del Caucaso settentrionale (fine XVIII – 1917). M., 1988.

[5] Dzidzaria G. A. Mahajirismo e problemi della storia dell’Abkhazia nel XIX secolo. ed. 2. Sukhumi, 1982, pp. 172-173.

[6] Popov V. V. L’imperatore Alessandro II: “…la causa della completa conquista del Caucaso è prossima al completamento” // Giornale di storia militare. 1995. N. 6. SS 71 – 76.

[7] Damenia O. N. L’Abkhazia a cavallo del secolo (l’esperienza dell’analisi concettuale). SPb., 2011.

[8] Berzage N. Espulsioni dei Circassi (cause e conseguenze). Maikop, 1996, pagina 64.

[9] Cheucheva A. K. L’atteggiamento del governo inglese nei confronti dell’emigrazione circassa dopo la fine della guerra del Caucaso // Bollettino dell’Università statale di Adyghe. Serie 1: Studi regionali: filosofia, storia, sociologia, giurisprudenza, scienze politiche, studi culturali. 2008. n. 2. S. 27-29

[10] Sichkar A. V. Sulla storia della rivalità tra gli imperi russo, ottomano e britannico per il Caucaso settentrionale // Bollettino del Centro scientifico Vladikavkaz. 2006. V. 6. N. 4. SS 23 – 26.

[11] Dukhovsky S. D. Materiali per descrivere la guerra nel Caucaso occidentale. Distaccamento di Dakhov sul versante meridionale delle montagne nel 1864 // Collezione militare. 1864. N. 11.

[12] Ibid.

[13] Berger A. P. Sfratto degli highlander dal Caucaso // antichità russa. 1882. N. 1.

Traduzione di Alessandro Napoli

Fonte: geopolitika.ru

Exit mobile version