Site icon Nuova Resistenza – ITALIA

I giochi di ruolo fantasy stanno danneggiando l’America

Come il culto dell’eroismo immaginario sta facendo crollare le istituzioni della nostra nazione.

Di Russell Moore

Da bambino, negli anni Ottanta, i miei anziani evangelici mi mettevano in guardia dal gioco di ruolo fantasy Dungeons and Dragons. Ci dicevano che era un punto d’appoggio dell’occulto.

Anche se non ho mai giocato a D&D, non ho preso sul serio questi ammonimenti, perché pensavo che la stessa logica potesse essere applicata al Signore degli Anelli di Tolkien o alle Cronache di Narnia di Lewis.

Ora, nel 2020, mi chiedo se i miei anziani evangelici non avessero in parte ragione sul modo in cui i giochi di ruolo fantasy possono paganizzare una cultura – anche se non nel modo in cui si aspettavano.

Nell’Atlantic di questo mese, Jennifer Senior esplora un pensiero simile in relazione allo stratega politico nazionalista/personaggio mediatico di destra Steve Bannon, attualmente incriminato con l’accusa di oltraggio al Congresso per il suo presunto ruolo nell’insurrezione del 6 gennaio.

Mettendo da parte ciò che penso di Bannon stesso, mi ha colpito una sezione dell’articolo che spiega molto di ciò che sta accadendo in America in questo momento.

La Senior fa riferimento a un documentario del 2018 in cui Bannon spiega ad un regista come, lavorando nell’industria dei giochi su Internet, sia rimasto sorpreso nell’apprendere quante persone si dedichino ai giochi online multiplayer. Bannon interpreta questa intensità attraverso la griglia di un ipotetico uomo, un Dave della contabilità, nei giorni successivi alla sua morte.

“Un predicatore di una chiesa o un tizio di un’impresa di pompe funebri che non l’ha mai conosciuto fa un elogio funebre di 10 minuti, dice qualche preghiera. E questo è Dave”, dice Bannon. Bannon contrappone a questo noioso e reale Dave della contabilità al personaggio di Dave dei giochi online: Ajax. Ajax è un duro e un guerriero. Quando muore nella fantasia, c’è una pira funeraria e migliaia di persone vengono a piangere Ajax il guerriero.

Ora, chi è più reale?”, si chiede Bannon. Dave della contabilità? O Ajax?”, scrive la Senior. Bannon si rende conto che “alcune persone, in particolare uomini disaffezionati, preferiscono e si identificano meglio con le versioni online di sé stessi”.

Bannon ha colto questo aspetto, riferisce la Senior, quando ha acquisito Breitbart News e si è reso conto che la sezione dei commenti poteva diventare una comunità per certi individui arrabbiati e solitari più che “la città in cui vivono, la vecchia lega di bowling”.

Ed ha notato che la sezione dei commenti “potrebbe essere usata come arma a un certo punto della storia. Le voci arrabbiate, opportunamente indirizzate, hanno un potere politico latente”.

La Senior ha chiesto se Bannon considera ciò che ha fatto nel propagare i media politici e nell’eccitare i movimenti nazionalisti populisti come “la gamification [ludificazione] della politica”. Ha risposto che è esattamente quello che sta facendo: “Voglio che il Dave della contabilità sia l’Ajax della sua vita”.

Jennifer Senior sostiene che il 6 gennaio è il distillato di questa fantasia da gioco di ruolo: “Le orde arrabbiate e ululanti sono arrivate come avatar della vita reale, vestendo i panni dei ribelli con il viso dipinto e la pelliccia. Hanno preso d’assalto il Campidoglio mentre un esercito nemico cercava di respingerli”.

Questa non è una novità e non è limitata a un solo punto dello spettro ideologico. Quasi tutti i “bambini dal pannolino rosso” testimoniano su ciò che ha attirato i loro genitori o nonni americani verso il Partito Comunista durante la Depressione o nel periodo successivo alla Seconda Guerra Mondiale ed includono qualcosa di simile a come David Horowitz ha descritto le riunioni della cellula del Partito Comunista di quartiere dei suoi genitori nel loro scantinato:

Era in questa attività sotterranea che il romanticismo della loro giovinezza poteva finalmente esprimersi. Qui vivevano al di fuori delle norme degli altri mortali, respiravano l’aria inebriante di una rivoluzione mondiale e tramavano i loro sogni impossibili. Nella cellula si davano nomi segreti per il giorno in cui il Partito sarebbe entrato in clandestinità e sarebbe iniziata l’attività illegale della rivoluzione, come tutti credevano.”

In queste riunioni, questi comunisti non erano insegnanti o scaricatori di porto, elettricisti o avvocati. Erano, nella loro mente, combattenti clandestini per un’utopia socialista a venire. E, naturalmente, mentre questi comunisti americani si atteggiavano a James Bond sovietici, l’Unione Sovietica uccideva e affamava a morte il proprio popolo.

Secondo la Senior, la strategia di Bannon per trasformare la cultura di Dave-il-contabile in una cultura di Ajax è “seminare dubbi su ogni istituzione”. Basandosi sulla tesi della quarta svolta di Neil Howe e William Strauss, Bannon ritiene che per ringiovanire sia necessario un disfacimento. “Il piano è di lasciare un cratere fumante al posto delle nostre istituzioni”, scrive la Senior.

Le istituzioni stanno effettivamente bruciando e crollando. I sondaggi mostrano un numero sorprendentemente alto di americani che contemplano seriamente la secessione o la violenza politica. Innumerevoli chiese e denominazioni si stanno spaccando o si sono già spaccate. E nella maggior parte di queste istituzioni in crisi, le sezioni dei commenti si animano per abitare in mezzo a noi. Quando le persone più arrabbiate e distruttive non ottengono il loro consenso, esercitano comunque il loro potere stabilendo l’agenda della conversazione.

Ma dimentichiamo, per un momento, le istituzioni in sé – che si tratti della repubblica, della congregazione o di qualsiasi altra cosa. Consideriamo gli individui stessi. Se passate un po’ di tempo con la persona che si scatena sui social media o al microfono della riunione di lavoro della chiesa, troverete spesso la stessa dinamica identificata da Bannon: Dave della contabilità vuole essere Ajax.

Questo può accadere all’interno di vari movimenti politici populisti, che sono l’interesse principale di Bannon, ma accade anche quasi ovunque. Le persone cercano un senso, un significato e una storia più grande a cui appartenere, e li trovano proprio nelle cose che stanno facendo crollare un’istituzione dopo l’altra.

È emerso che il gioco di ruolo fantasy – che si tratti di Dungeons and Dragons in una casa sull’albero anni fa o di videogiochi multiplayer su uno schermo oggi – è, per la maggior parte delle persone, un divertimento innocuo.

Ma forse gli anziani della chiesa avevano ragione; forse c’è un’altra forma di gioco di ruolo fantasy che potrebbe essere occulta e pagana nel senso più vero di queste parole.

Il paganesimo, dopo tutto, richiede un tipo di significato eroico, in cui le proprie virtù di forza e potere sono celebrate in storie e canzoni. Joseph Campbell ha reso famosa l’idea di Jung del “viaggio dell’eroe” mezzo secolo fa, ma la ricerca di un eroismo immaginario è ancora più forte oggi e spesso molto, molto più oscura.

Parte del problema dell’appellativo “Dave della contabilità” risiede nella descrizione del luogo in cui lavora.

In un’epoca in cui il valore di una persona è spesso inconsciamente attribuito al suo reddito, alla sua istruzione, alla sua posizione o al suo “capitale sociale”, possiamo davvero sorprenderci che Dave cerchi un modo per farsi conoscere, amare e vedere? E se non riesce a farlo come Dave, c’è da sorprendersi che cerchi di essere qualcun altro?

C. S. Lewis pensava che il paganesimo fosse un punto di partenza migliore per proclamare il significato rispetto all’arido secolarismo e sotttolineò che i miti del paganesimo almeno riconoscono una realtà al di là della materia. Ma cosa succede quando scopriamo un tipo di sincretismo che mescola un senso pagano di significato con una perdita secolare di speranza, pensando al contempo di essere cristiano?

Eppure la via di Gesù è molto diversa. La visione cristiana del paradiso non è il Valhalla con il vino (o il succo d’uva) al posto dell’idromele. Il Valhalla – e quasi tutte le altre visioni pagane dell’aldilà – guarda all’indietro. È l’eco e la celebrazione del successo del guerriero nella vita che fu.

Il Regno di Dio non trova un senso in questo luogo. Il regno di Dio non trova senso lì, ma unendo le nostre storie con una narrazione completamente diversa: la storia di Gesù. La sua vita è la nostra vita. La sua gloria è la nostra gloria. E Gesù ridefinisce cosa siano davvero la saggezza e il potere abbracciando l’oggetto più sconcertante per i Romani e gli altri pagani del suo tempo: la croce.

Quando cominceremo a capire e a incarnare davvero questo concetto nelle nostre chiese, forse un numero minore di Dave troverà la propria identità nella contabilità o in un Ajax online. Forse molti di loro vedranno che c’è gloria nell’ordinario, nel dare via la propria vita per le persone che si amano.

Forse più persone vedranno che c’è davvero una nuvola di testimoni intorno a noi, ma che non abbiamo bisogno che facciano il tifo per noi. Dobbiamo solo testimoniare, accanto a loro, su colui che “ha sopportato la croce, disprezzandone l’onta, e si è seduto alla destra del trono di Dio” (Eb 12,1-2).

E per questo motivo, troviamo un significato anche nelle storie di fedeli senza nome che hanno terminato la loro vita in quella che sembrava un’umiliante sconfitta (Eb 11,36-39). Troviamo un significato non come Ulisse che cerca un nome negli annali della storia, ma come il ladrone sulla croce – il cui nome è sconosciuto – che chiese a colui che era crocifisso accanto a lui: “Ricordati di me quando entrerai nel tuo regno” (Lc 23,42).

La nostra cultura del gioco di ruolo fantastico ci sta portando in luoghi pericolosi. Purtroppo, spesso la riproduciamo anche all’interno della Chiesa. Ci sono davvero dei draghi, sia all’interno che all’esterno. Tuttavia, a volte il drago non è quello che stiamo uccidendo nelle nostre fantasie, ma quello che ci offre l’illusione di appartenenza, gloria e significato – proprio quello che ci incatena in un’altra prigione.

Il mondo ha bisogno di una storia diversa e i cristiani ne hanno una. Ricordiamola. Cantiamola. Raccontiamola. E, per grazia di Dio, viviamola.

Traduzione di Costantino Ceoldo

Fonte: christianitytoday.com

Exit mobile version