Site icon Nuova Resistenza – ITALIA

Gli americani rifiutano in gran parte la chiusura di basi in Germania, Corea del Sud e Giappone

I sondaggi per gli americani mostrano che, nonostante le preoccupazioni per il costo degli impegni militari, soprattutto dopo gli schieramenti in Iraq e Afghanistan, il pubblico sostiene ancora in gran parte il mantenimento di basi in democrazie stabili come Germania, Corea del Sud e Giappone.

Di Timothy S. Rich e Mallory Hardesty

Il mantenimento di basi all’estero è diventato più controverso non solo con il pubblico americano, ma anche nei paesi ospitanti. Mentre gli Stati Uniti beneficiano di una maggiore influenza e spesso di una politica estera in linea con gli interessi americani, i costi percepiti possono superare i guadagni percepiti dagli americani. Nel frattempo, le basi di accoglienza creano una miriade di problemi ambientali, economici e politici per il paese ospitante che influenzano e deprimono il sostegno pubblico. Il lavoro esistente mostra variazioni da paese a paese nella percezione pubblica della presenza militare statunitense, sebbene le popolazioni locali spesso riconoscano la presenza come deterrente contro gli aggressori regionali.

Spesso manca nelle discussioni sulle basi all’estero se il pubblico distingua gli impegni militari in base alla posizione. Sebbene il pubblico americano possa nutrire preoccupazioni per la spesa militare complessiva e gli schieramenti a tempo indeterminato in paesi politicamente instabili, le prove sembrano suggerire un sostegno più ampio per gli schieramenti negli alleati tradizionali. Ad esempio, un sondaggio del Consiglio di Chicago del 2021 rileva che il 63% sostiene la difesa della Corea del Sud se la Corea del Nord la invadesse ed un sondaggio del Consiglio di Chicago del 2018 che trova il 65% di sostegno per il mantenimento delle basi in Giappone e il 64% di sostegno per la difesa del Giappone da un attacco della Corea del Nord.

Sulla base del Defense Manpower Data Center del Dipartimento della Difesa , gli Stati Uniti avevano 171.477 membri in servizio all’estero nel 2021. La maggior parte delle truppe erano in Giappone (53.700), Germania (33.900) e Corea del Sud (26.400). Tuttavia, questo non comprende anche la popolazione civile delle basi. Ad esempio, la più grande delle 73 basi statunitensi in Corea del Sud, Camp Humphreys, ospita oltre 35.000 militari e civili.

Oltre alla presenza di lunga data di basi in questi tre paesi, tutti e tre sono stati oggetto delle critiche dell’amministrazione Trump nei confronti degli alleati che non pagavano la loro giusta quota. L’amministrazione ha minacciato di ridurre il numero delle truppe statunitensi in Giappone e Corea del Sud se non avessero pagato di più i costi, chiedendo un aumento di quasi il 400% della condivisione dei costi. L’amministrazione Biden ha infine negoziato un aumento del 14% dei pagamenti dalla Corea del Sud. La prevista riduzione delle truppe in Germania da parte di Trump è stata annullata sotto l’amministrazione Biden, mentre quest’ultima nel 2021 ha lanciato una revisione delle attuali basi statunitensi all’estero come mezzo potenzialmente per ristrutturare e ridimensionare gli impegni all’estero.

Per rispondere alle percezioni del pubblico, abbiamo condotto un sondaggio web nazionale originale negli Stati Uniti dal 29 giugno all’11 luglio tramite Qualtrics con campionamento delle quote per età, sesso e area geografica. Abbiamo assegnato casualmente 1.728 americani a una delle tre domande sì o no sulle basi statunitensi:

  • Gli Stati Uniti dovrebbero chiudere le loro basi militari in Germania?
  • Gli Stati Uniti dovrebbero chiudere le loro basi militari in Corea del Sud?
  • Gli Stati Uniti dovrebbero chiudere le loro basi militari in Giappone?

Nel complesso, abbiamo riscontrato che oltre il 70% degli intervistati si è opposto alla chiusura di una qualsiasi delle basi. Scomposti per partito politico, vediamo ancora un’ampia opposizione alla chiusura delle basi, anche se con alcune variazioni evidenti. I democratici erano più favorevoli alla chiusura di basi in Germania (32,14%) mentre il 33,33% dei repubblicani era favorevole alla chiusura di basi in Corea del Sud. Questi tassi riguardanti la Corea del Sud sono simili ai risultati del sondaggio del 2020 sui ritiri delle truppe.

Abbiamo anche chiesto agli intervistati di valutare tutti e tre i paesi su una scala da 1 a 10, dove 1 è molto negativo e 10 molto positivo. Tutti e tre hanno ricevuto valutazioni simili (Corea del Sud: 6,06; Giappone: 6,41; Germania 6,47). Non sorprende che coloro che hanno valutato i paesi più bassi (1) siano stati i più favorevoli alla chiusura delle basi, con tassi inferiori di almeno 15 punti percentuali tra coloro che hanno valutato ciascun paese con più alto punteggio.

Inoltre, abbiamo chiesto agli intervistati: “Quale delle seguenti affermazioni descrive meglio la tua visione del ruolo degli Stati Uniti negli affari mondiali?

  • Dovremmo prestare meno attenzione ai problemi all’estero e concentrarci sui problemi interni.

Oppure

  • È meglio che il futuro del nostro paese sia attivo negli affari mondiali?

Emerge una chiara divergenza di parte, con il 56,29% dei democratici ma solo il 32,66% dei repubblicani che sceglie di essere attivo negli affari mondiali. Come previsto, coloro che hanno affermato che gli Stati Uniti dovrebbero concentrare la loro attenzione all’interno erano più propensi a sostenere la chiusura di basi in ciascun paese rispetto a quelli che sostengono l’impegno (Germania: 34,44% contro 19,53%; Corea del Sud: 36,09% contro 17,87%; Giappone: 32,7% contro 18,73%). Ancora una volta, anche tra i più che desideravano concentrarsi sull’interno, chiare maggioranze non hanno sostenuto la chiusura delle basi.

I risultati suggeriscono che, nonostante le preoccupazioni per i costi degli impegni militari, soprattutto all’indomani degli schieramenti in Iraq e Afghanistan, l’opinione pubblica rimane ampiamente favorevole al mantenimento di basi in queste democrazie stabili. Il fatto che tutte e tre siano democrazie radicate, alleati a lungo termine e che affrontino sfide di sicurezza regionale identificabili probabilmente modella il modo in cui il pubblico americano vede i costi e i benefici dei continui impegni militari.

In un’era di crescenti tensioni globali, ha senso che molti americani possano vedere queste basi in particolare come un mezzo per rispondere rapidamente alle mutevoli condizioni di sicurezza e possono servire a scoraggiare del tutto l’aggressione. Con le continue preoccupazioni sulla sicurezza per l’invasione russa dell’Ucraina, le minacce della Cina di invadere Taiwan e i test missilistici della Corea del Nord, l’amministrazione Biden dovrebbe sottolineare l’importanza storica degli impegni militari americani. Allo stesso tempo, l’amministrazione dovrebbe affrontare le preoccupazioni interne più ampie sulle spese militari ristrutturando gli impegni all’estero per affrontare la natura mutevole delle minacce alla sicurezza in modo economicamente responsabile.

Traduzione di Alessandro Napoli

Fonte: e-ir.info

Exit mobile version