Site icon Nuova Resistenza – ITALIA

Pashtunistan: storia e geopolitica

Da Katehon

Pashtun e Pashtunvalai: codice turaniano

Alcuni nomadi indoeuropei si dimostrano estremamente resistenti in termini di mantenimento del loro stile di vita, tradizioni e identità. Quindi nel sud dell’Afghanistan moderno, così come nel nord-ovest del Pakistan adiacente a questa regione e in diverse regioni dell’India, un grande popolo pashtun è sopravvissuto fino ad oggi, che parla la lingua iraniana orientale pashtun. Il nome “Pashtun” deriva dall’iraniano parswāna-, che significa “eroe”, e la stessa etimologia nel nome dei persiani -parsū-, “popolo di eroi”. Un altro nome per i pashtun è “afghani”, che potrebbe risalire all’antica tribù del popolo cambogiano, che un tempo abitava la regione dell’Hindu Kush. Il termine avagāṇa risale probabilmente all’indoeuropeo e, in particolare, al nome sanscrito dei cavalli – aśvaka, che semanticamente dà il nome di “popolo di allevatori di cavalli” o “popolo di nomadi”.

Con i popoli iraniani o indo-ariani di questa regione, e in particolare con i cambogiani, appartenenti ai “barbari del nord” o “kshatriya perversi”, gli indù hanno spesso condotto guerre, difendendosi dagli attacchi dei nomadi aggressivi. I cambogiani erano probabilmente una delle tribù scite e, a giudicare da una serie di segni, svolgevano “funzioni reali” tra altri popoli vicini, come gli “sciti reali” e i “re cimmeri”. Le tribù cambogiane penetravano spesso nel territorio dell’India settentrionale e vi fondarono piccoli stati. Queste migrazioni durarono per 7 secoli – dal IIsecolo a.C. al V secolo d.C. Ma una parte dei cambogiani rimase negli ex territori e, come molti secoli prima, condusse uno stile di vita nomade. I loro discendenti sono i pashtun-afgani, che hanno conservato intatte le caratteristiche classiche di Turan – uno stile di vita nomade, così come un sistema tribale,
I pashtun hanno conservato uno speciale codice di comportamento normativo – il pashtunvalai, che fissa i punti principali dell’etica contrastante, riflettendo in forma sintetica e aforistica le idee di base del diurno indoeuropeo solare. Quindi questo corpus di leggi pashtun, per molti aspetti continuando l’antico modo di vivere turano-scita, si basa sul patriarcato radicale (il divieto di qualsiasi tipo di eredità attraverso la linea femminile), la faida sanguinaria e la responsabilità collettiva di difendere l’onore del clan. Le virtù fondamentali del Pashtunvalai riproducono l’antico sistema etico comune agli antenati di iraniani e indù. In esso, la cosa principale è l’onore, la verità, la veridicità e il coraggio. Un insieme di valori indoeuropei fondamentali.


Gli 11 punti principali del Pashtunvalai possono essere presi come una classica sistematizzazione dell’originario ordine etico indoeuropeo. Ci permettono di dare uno sguardo al lontano passato della Grande Scizia, parte del quale è stato preservata dai moderni pashtun.

  • Melmastia – ospitalità.
  • Nanawatai – un rifugio che deve essere fornito a chiunque lo richieda e lo onori sacramente.
  • Nyaw aw Badal – il dovere di vendetta per ristabilire la giustizia, Lex Talionis.
  • Turah: il coraggio, la necessità di difendere il paese, il popolo, la tribù.
  • Sabat – fedeltà a Dio, clan, famiglia, dovere di rafforzare l’identità collettiva.
  • Khegaṛa / Shegaṛa — la triade classica dello zoroastrismo: buon pensiero, buona parola, buona azione — Humata, Hukhta, Hvarshta.
  • Groh – fede nel Dio Padre celeste (cattivo in pashtu, così come in farsi).
  • Pat, Wyaar aw Meṛaana – la triade di rispetto, orgoglio, coraggio.
  • Naamus – protezione delle donne.
  • Nang – sostegno ai deboli e agli svantaggiati, giustizia sociale.
  • Hewaad: il dovere di amare e proteggere la patria, le persone, il clan, la famiglia. È importante che il Pashtunvalai non sia fondamentalmente scritto, ma trasmesso oralmente per molte generazioni.


Storicamente, i pashtun iniziano a spostarsi a sud dalla loro piccola casa ancestrale dell’Hindu Kush settentrionale, insieme al movimento dei Saka e degli Yuezhi nella stessa direzione dal II secolo a.C., che li include nel processo generale di costituzione della terza entità tra Iran e India da un’altra ondata di nomadi indoeuropei di Turan, che sarebbe poi diventato l’Impero Kushan o il regno degli Eftaliti. Allo stesso tempo, i pashtun continuano a condurre uno stile di vita nomade, vivere di incursioni e rapide incursioni, svolgendo la funzione di “tribù reale” in relazione ad altre tribù iraniane e indo-iraniane. Nell’area del Pakistan moderno chiamata Waziristan, e più precisamente nei Monti Suleiman, i pashtun trovarono un nuovo centro della loro cultura, da dove si stabilirono in montagna e (più tardi dall’XI secolo) nelle valli dell’Afghanistan e Pakistan, diffondendo il loro tipo culturale a numerosi gruppi etnici. Dal XIV secolo l’espansione dei pashtun aumentò notevolmente e svilupparono i territori adiacenti a Kabul, si stabilirono nelle valli di Helmand, Arghandab, ecc.
I pashtun sono sorprendentemente diversi dagli iraniani stanziali che parlano dari e tagiko, che sono culturalmente vicini alla popolazione iraniana. I pashtun, invece, conservavano un’identità completamente separata – per molti versi puramente turanica – e ciò si rifletteva anche nel fatto che non accettarono l’Islam fino al XIV secolo, rimanendo fedeli agli antichi sistemi religiosi solari eurasiatici, così come lo zoroastrismo.
Nel XIV secolo, l’Afghanistan divenne parte dell’Impero timuride turco-mongolo (ufficialmente lo stato di Turan) e la capitale dell’Impero timuride fu trasferita all’afghana Herat. Dopo che i territori occidentali dello Stato di Turan furono sottratti ai Timuridi dall’Orda d’Oro, il creatore del nuovo Stato, l’Impero Mughal, Babur trasferì la capitale a Kabul, da dove lanciò un’offensiva vittoriosa contro l’India settentrionale. Successivamente, le terre dell’Afghanistan furono soggiogate dall’Iran safavide.
Formalmente i territori abitati dai Pashtun erano sotto il dominio dei Sassanidi e dei Samanidi, ma era praticamente impossibile controllare questi popoli bellicosi. Nelle loro guerre, usarono in parte tattiche puramente scite: si ritirarono, attirando il nemico nei loro territori (a volte in montagne o gole impenetrabili), e poi piombarono inaspettatamente su di loro.


Le tribù pashtun stanno assistendo allo scontro tra l’Iran safavide e la parte indiana dell’Impero Turan fondato da Tamerlano, mentre lo scontro passa attraverso i loro territori, una parte significativa dei quali è sotto il dominio dell’Iran. Durante questo periodo iniziarono ad apparire i primi stati pashtun. Questi sono il Khattak Khanate con capitale a Peshawar, il Ghilzei Khanate con capitale a Kandahar, Herat, ecc.
In Afghanistan, sotto l’influenza dei paesi vicini, l’Islam sunnita si stava gradualmente diffondendo, così come un’ampia rete di tarikats sufi. Questa combinazione di sunnismo e sufismo stava diventando un segno distintivo della società afgana. Nel sufismo e nelle sue dottrine mistiche, le tradizioni spirituali e religiose preislamiche in Afghanistan, come in tutti gli altri paesi, trovano rifugio e protezione affidabile dall’ortodossia islamica intollerante ed esclusivista.

Afghanistan: il terzo regno indo-iraniano dell’Asia

All’alba del XVIII secolo, nel 1709, i Ghilzai Pashtun, guidati dal loro capo Mir Wais, crearono il regno di Kandahar indipendente dall’Iran. E poi, approfittando dell’indebolimento dell’Iran, lo invasero e, raggiungendo Isfahan, proclamarono nel 1722 Mir Mahmud, figlio del sovrano di Kandahar Mir Wais, Shahanshah. I pashtun governarono formalmente l’Iran nello Stato di Shahanshah per 7 anni. Ma lo stile di vita comunitario e tribale impediva la creazione di uno Stato centralizzato e contraddiceva le capacità di gestione dell’Impero. Di conseguenza, i persiani restaurarono Shah Tahmasp al trono e di nuovo nel 1737 conquistarono l’Afghanistan, incorporandolo nell’Impero.

Tuttavia, dopo la morte di Nadir Shah, i pashtun dichiararono nuovamente l’indipendenza, ma questa volta la tribù Abdalli divenne il capo di tutte le tribù, ribattezzata Durrani, che significa “famiglia delle perle”, per sottolineare che d’ora in poi questa comunità dovrà svolgere le funzioni di “pashtun reali”. Nel 1747, i pashtun convocarono un consiglio generale (Loya Jirga) nel loro centro tradizionale – Kandahar, dove il capo della tribù Durrani Ahmad Shah Durrani (1723-1773) fu eletto re dell’Afghanistan. Il nuovo Stato fu chiamato Impero Durraniano. Ahmad Shah era un sovrano di successo. Sotto di lui, i pashtun fecero diverse campagne di successo in India, Iran, Turkestan meridionale, conquistarono Punjab, Kashmir, Sirhind, Sind, Balochistan, Seistan, Khorasan Balkh nel 1748-1757.

Nel 1758-1761 scoppiò una guerra tra l’Afghanistan e i Maratha indiani, al termine della quale Ahmad Shah inflisse una schiacciante sconfitta ai Maratha nella battaglia di Panipat. Così ancora, tra India e Iran, sorge uno Stato indipendente, abbastanza stabile e forte, guidato da nomadi indoeuropei che osservano rigorosamente il codice di Turan. Così, la linea degli Yuezhi, che crearono il regno di Kushan, i Kidariti e gli Eftaliti, fu continuata dai discendenti dei cambogiani – i bellicosi Pashtun.

Sotto il sovrano successivo, il figlio di Ahmad Shah Timur Shah (1773-1793), la capitale fu trasferita a Kabul. Gli successe Zeman Shah (1793-1801).
Al suo posto fu creato il Kabul Khanate, poi ribattezzato emirato.

Nel 1838, le truppe coloniali britanniche occuparono l’Afghanistan e i leader pashtun tornarono di nuovo sulle montagne, tornando alla tecnica della guerriglia scita. Nel 1839 iniziò la prima guerra anglo-afgana, durante la quale le truppe britanniche e indiane, a loro subordinate, presero i principali centri dell’Afghanistan, ma i pashtun si nascosero nuovamente sulle montagne e due anni dopo sollevarono una rivolta e massacrarono una significativa parte del corpo di occupazione britannico. Tuttavia, gli inglesi – non più con la forza diretta, ma corrompendo i capi delle singole tribù afghane – riuscirono a riprendere parzialmente il controllo.

Durante questo periodo, la dinastia Durrani declinò e fu sostituita dalla nuova dinastia Barakzai, anch’essa puramente pashtun. Il suo fondatore fu Dost Muhammad Khan (1793 – 1863), che fu eletto emiro.

L’Afghanistan rimase sotto il controllo britannico fino al 1878. In questo momento iniziò un’altra guerra russo-turca, in cui tradizionalmente la Russia prese il sopravvento, il che rese preoccupati gli inglesi, poiché gli inviati russi concordarono con i leader dei pashtun e “consegnarono loro le chiavi dell’India”, che a quel tempo era una colonia dell’Inghilterra e il principale avamposto della presenza britannica nel sud-est asiatico. Nel contesto del Grande Gioco tra l’Impero russo e quello britannico, l’Afghanistan era una zona chiave, il cui controllo era necessario per entrambe le parti: per gli inglesi questa era una garanzia della sicurezza dell’India e per i russi un’opportunità sfondare la strategia britannica di circondare la Russia lungo il perimetro della zona costiera e alla fine uscire, per riscaldare mari e oceani, che era il compito geopolitico più importante degli strateghi militari russi.

Ciò portò alla seconda guerra anglo-afgana, durante la quale le truppe inglesi entrarono nuovamente in Afghanistan dall’India e stabilirono il controllo diretto sul paese, frustrando i piani russi. Durante questo periodo, grazie agli sforzi degli inglesi, un certo numero di territori abitati da pashtun vengono separati dall’Afghanistan, che sono inclusi nell’India (futuro Pakistan). Ma allo stesso tempo, i pashtun stanno espandendo significativamente la loro influenza a nord, dove sotto il loro governo c’è una serie significativa di gruppi sedentari dell’Iran orientale (principalmente tagiki), così come alcune tribù turche (uzbeki) e mongole (Hazara), che in genere costituiscono circa la metà della popolazione dell’Afghanistan, mentre nella fase precedente i pashtun erano la maggioranza incontrastata. Eppure, sono i militanti pashtun che continuano a seguire l’antico codice (turaniano) pashtunvalai che rimangono i sovrani incontrastati di questo paese, conservando le proporzioni delle più antiche società indoeuropee – la prima derivata (gli stessi pashtun praticamente non passano a uno stile di vita stabile, continuando a mantenere uno stile di vita nomade, pastorale e militare, stabilito nella casa ancestrale indoeuropea in Eurasia).

Nel 1919, il sovrano afgano Amanullah Khan (1892-1960), che apparteneva alla dinastia Barakzai, proclama l’indipendenza dell’Afghanistan, che porta alla terza guerra anglo-afgana, piuttosto breve, che gli afgani vincono e gli inglesi riconoscono l’indipendenza dell’Afghanistan. Lo stesso Amanullah Khan fu proclamato per la prima volta emiro e dopo il 1926 re. Sta facendo il primo tentativo nella storia di modernizzare l’Afghanistan, concentrandosi sull’esperienza dei Giovani Turchi, sebbene le tradizioni degli afgani siano così forti che, insieme alla modernizzazione e all’occidentalizzazione, molti aspetti della vita rimangono completamente nel quadro della società tradizionale.

Per tutto il XX secolo, non ci sono stati lunghi periodi di stabilità anche relativa in Afghanistan. Questa è in gran parte una conseguenza della tradizione pashtun di uno stile di vita nomade amante della libertà, in cui non esiste un’unica istanza centralizzata di potere e la società è governata non tanto da leggi quanto da codici non scritti (come Pashtunvalai) o, più tardi, regole religiose islamiche. Pertanto, la struttura tribale della società entrava ogni volta in conflitto sia con il potere reale che con le norme moderniste della democrazia di tipo europeo o con sistemi occidentali come il comunismo. Inoltre, la struttura multietnica dell’Afghanistan e le frequenti lotte tra le stesse tribù pashtun, che sono sempre rimaste il principale soggetto politico e storico dell’Afghanistan, hanno reso la situazione ancora più instabile e fragile.

L’ultimo re Barakzai dell’Afghanistan fu Zahir Shah (1914-2007), che regnò dal 1933 al 1973.

Dalla dinastia Durrani all’ultimo sovrano della dinastia Barakzai, l’Afghanistan era uno spazio politico completamente indipendente, diverso sia dall’Iran che dall’India. I pashtun hanno mantenuto l’identità che iraniani e indù hanno perso da tempo, trasformandosi in qualcosa di molto speciale. Pertanto, la civiltà dell’Afghanistan divenne un’altra versione della società indoeuropea, che rimase allo stadio della derivata prima per un tempo estremamente lungo: il nucleo conservava uno stile di vita nomade e bellicoso, integrando le tribù agricole in un sistema politico comune ( piuttosto fragile e instabile). Allo stesso tempo, nel vicino Pakistan, dove l’influenza dell’India era molto più forte, anche le tribù pashtun, così come un altro popolo nomade indo-iraniano: i Balochi, altrettanto antichi e peculiari, rimasero portatori della stessa identità. Pertanto, possiamo aggiungere il Pakistan al “terzo regno indo-iraniano dell’Asia”, dove l’influenza delle tribù nomadi iraniane, preservando intatto lo spirito e le tradizioni dei Turan, è stata in gran parte decisiva. La vicinanza di questi due stati era così evidente che negli anni ’50 c’era un piano per unirli in una federazione comune.

L’Afghanistan moderno: dalla monarchia al socialismo e all’islamismo

Nel 1973 la monarchia in Afghanistan crolla e Zahir Shah viene rovesciato da un parente, Mohammed Daoud (1909 – 1978), che proclamò la Repubblica e ne divenne il primo presidente. Mohammed Daoud, invece, era un sostenitore dello smembramento etnico del Pakistan e della riunificazione dei territori abitati da pashtun e beluci con l’Afghanistan. In risposta, il Pakistan ha fatto affidamento sul fondamentalismo islamico, che è diventato l’ideologia dominante in questo paese e ha iniziato a formare sul suo territorio leader e gruppi di persuasione islamista radicale, come il movimento Hezb-i-Islam di un altro pashtun, Gulbetdin Hekmatyar, che in seguito ha svolto un ruolo importante nella guerra afgana politica. Ma se il Pakistan – in particolare, sotto il primo ministro Zulfikar Ali Bhuto (1928 – 1979) – era guidato dagli Stati Uniti, allora l’influenza sovietica era forte in Afghanistan. Quindi lo stesso Daoud ha incontrato il segretario generale del Comitato centrale del PCUS L. Brezhnev, discutendo questioni di partenariato strategico, nonché il grado di influenza delle forze comuniste dell’Afghanistan, direttamente sostenute dall’URSS. Così si è sviluppata la situazione quando il fondamentalismo islamico ha cominciato ad agire in Pakistan e Afghanistan come strumento di influenza statunitense (l’organizzazione Al-Qaeda di Osama bin Laden è stata creata in Afghanistan sotto il diretto patrocinio della CIA e di geopolitici americani come Zbigniew Brzezinski), e i comunisti afgani condividevano il corso filo-sovietico – come Pashtun Taraki (1917 – 1979), originario del Kashmir indiano, ma pashtun di madre, Babrak Karmal (1929 – 1996), Hafizullah Amin (1929 – 1979).


Con il sostegno del Pakistan, gli islamisti sollevano una rivolta contro Daoud, a cui partecipa anche Hematyar, che copre le province di Badakhshan (a nord), Paktia (a sud), Nangahar (a est – al confine con il Pakistan ).

Negli ultimi anni del suo regno, Daoud iniziò a prendere le distanze dall’URSS e a cercare contatti con l’Occidente, che lo portarono al rovesciamento nel 1978 da parte dei comunisti Taraki, Amin e Karmal. I comunisti uccidono Daoud e la sua famiglia. Taraki diventa il capo del nuovo Afghanistan. Il suo regno fu breve ed estremamente infruttuoso. Il proletariato in Afghanistan era completamente assente, la società tradizionale e la cultura islamica non avevano nemmeno una lontana somiglianza con le idee comuniste e semplicemente non potevano essere comprese e accettate dalle larghe fasce degli afgani. Vedendo che Taraki non sta affrontando tutto ciò, Amin uccide Taraki e prende il suo posto. Amin continua le repressioni iniziate da Taraki contro i leader islamici e altri che non sono d’accordo con i comunisti. Un regime totalitario, del tutto estraneo alla storia afgana e all’etica stessa dei pashtun, sta rapidamente emergendo nel Paese.

I leader dell’URSS, sulla base dei dati dell’intelligence sovietica, sospettarono che Amin avesse contatti con la CIA e decisero di sostituirlo con Babrak Karmal e di distruggerlo. Questo è ciò che accadde nel 1979. Allo stesso tempo, le truppe sovietiche furono portate in Afghanistan per sostenere Karmal.

Ma contro Karmal, che soddisfaceva pienamente i requisiti dell’URSS, e contro la stessa presenza sovietica, iniziò immediatamente una rivolta di massa, sostenuta da Stati Uniti e Pakistan, contando su circoli religiosi che erano stati precedentemente utilizzati per fare pressioni e possibilmente rovesciare Daoud. La sanguinosa guerra afgana iniziò.

Gli afgani non furono praticamente mai veramente conquistati da nessuno, e quindi anche il tentativo sovietico di costruire uno Stato socialista lì fallì, così come i tentativi di catturare e mantenere l’Afghanistan sotto il dominio britannico. La natura multietnica della società e lo spirito dei pashtun crearono ostacoli insormontabili per questo.

Le forze che si opponevano alla leadership comunista e alla presenza sovietica erano sparse e spesso in conflitto tra loro. In generale li chiamavano “mujaheddin”, cioè “guerrieri-martiri” nell’interpretazione islamica. Oltre a Hekmatyar, il tagiko Ahmad Shah Masud (1953-2001) e un altro tagiko Barhanuddin Rabbani (1940-2011) hanno raggiunto una grande influenza nel nord dell’Afghanistan, e tra gli uzbeki afgani il generale uzbeko Abdul-Rashid Dostum.


Nel 1986, la nuova leadership dell’URSS (M. S. Gorbaciov) decide di richiamare Karmal e sostituirlo con l’ultimo sovrano comunista dell’Afghanistan, Mohammed Najibullah (1947 – 1996). Najibullah ammorbidisce l’ideologia comunista, riconosce l’Islam come religione di Stato e proclama un percorso verso la riconciliazione nazionale. I Mujaheddin, tuttavia, si rifiutano di riconciliarsi e continuano a combattere. Nel 1989 Mosca decide di ritirare tutte le truppe dall’Afghanistan. Il governo di Najibullah non può resistere a lungo da solo e il 27 aprile 1992 distaccamenti di mujaheddin entrano a Kabul. Il potere è ufficialmente passato al leader islamico pashtun dell’opposizione, il sufi dell’ordine Naqshbandiyya, Sebgatullah Mujadidi (1925-2016). L’Afghanistan è proclamato Repubblica islamica dell’Afghanistan. Tutte le leggi contrarie alla Shariah sono abolite. Mujadidi governa per un breve periodo e nello stesso anno trasferisce il potere a Barhanuddin Rabbani. Tuttavia, ora inizia uno scontro militare tra i leader dei Mujahideen (abbastanza nello spirito delle tradizioni afghane), questa volta stanno combattendo tra di loro i distaccamenti dei comandanti sul campo Ahmad Shah Massoud, Dostum e lo stesso Rabbani, oltre a molte formazioni minori.

Così, anche liberatosi dalla presenza sovietica, l’Afghanistan non ha trovato pace, tranquillità o unità, ma come prima era una ferita sanguinante, dove i movimenti islamici dei Mujaheddin, sollevati dallo scontro degli interessi geopolitici dell’URSS e i paesi del mondo occidentale, entrarono in feroce confronto tra loro, ruoli in cui – con sospetto per l’islamismo radicale, che nega verbalmente etnie e tradizioni nazionali – erano distribuiti quasi rigorosamente secondo i confini dei vari gruppi etno-sociologici della popolazione afgana.

I talebani: tradizionalismo pashtun ed escatologia islamica

Nel 1994, in Afghanistan, completamente lacerato in enclavi separate, è sorta una nuova forza islamista radicale – il movimento talebano*, guidato dal mullah pashtun Mohammad Omar (1959 – 2013), in rappresentanza del ramo sufi – l’ordine Nakshabndi, estremamente comune nell’Islam. È importante che nella fase iniziale il movimento talebano*, come i fondatori della Fratellanza Musulmana egiziana, considerasse i propri movimenti come ordini sufi religiosi-militari. E il movimento talebano* nelle sue origini era proprio mistico-sufi, e il suo fondatore e leader era un visionario e praticava tecniche speciali di sogni lucidi, in cui prevedeva successi militari o sconfitte dei suoi compagni d’armi. Mullah Omar visse in modo estremamente modesto, preferendo rimanere nella sua semplice capanna piuttosto che a Kabul anche dopo.

Già nel 1995, avvalendosi dell’assistenza finanziaria degli Emirati Arabi Uniti, i talebani si impadronirono di una parte significativa dei territori dell’Afghanistan meridionale, facendo affidamento sui territori del Pakistan – in primis il Waziristan, popolato anche da pashtun e poco controllato dal governo del Pakistan.

Gli ex leader Rabbani e Hekmatyar fuggono da Kabul e creano centri di resistenza al di fuori del controllo del governo centrale. Rabbani, Masoud e Dostum fondarono l'”Alleanza del Nord”, costruita quasi interamente secondo linee etniche: il nord dell’Afghanistan è tradizionalmente abitato da tagiki, uzbeki e mongoli hazara stanziali, mentre le terre meridionali e centrali sono abitate da pashtun nomadi.


Dopo aver preso Kabul, i talebani cercano l’ex capo di Stato dell’Afghanistan, Najibullah, che si nascondeva nella missione delle Nazioni Unite, e lo giustiziano pubblicamente impiccandolo in piazza.

Hanno governato l’Afghanistan (più precisamente, una parte di esso) dal 1996 al 2001, dopo aver attuato una serie di riforme radicali nel paese nello spirito della Sharia. La televisione era bandita, tutte le pubblicazioni potevano rappresentare solo il punto di vista islamico. Sottolineando l’esclusività islamica, i talebani hanno fatto saltare in aria antiche statue di Buddha scolpite nella roccia. È importante notare che a nessuno dei loro antenati musulmani sia mai venuto in mente di distruggere i monumenti di altre culture indoeuropee.

Qui ci troviamo di fronte al fenomeno della Riforma islamica, maggiormente rappresentato nel wahhabismo e nel salafismo. Questo movimento innovativo nell’Islam rifiuta categoricamente le tradizioni (soprattutto quelle nazionali), i sistemi teologici di interpretazione del “Corano” e degli hadith, così come qualsiasi forma di sufismo e misticismo islamico. Il sostegno agli islamisti afgani e pakistani dell’Arabia Saudita, dove il wahhabismo è la religione ufficiale, e degli Emirati Arabi Uniti, è dovuto al desiderio di conferire al fondamentalismo islamico proprio un carattere riformista, per molti versi che ricorda il protestantesimo nella cristianità occidentale. Sia qua e là si trattava di un ritorno alle norme originarie della religione e dell’abolizione degli intermediari tra l’uomo e Dio, ma in pratica portava alla modernizzazione, all’innovazione e alla desacralizzazione della fede. Pertanto, tra i talebani, incontriamo figure come il wahhabita Osama bin Laden, il fondatore dell’organizzazione terroristica Al-Qaeda**. Ma tutto ciò che sappiamo sui pashtun, che divennero il nucleo principale del movimento talebano* e l’orientamento sufi del suo fondatore, Mullah Omar, ci mostrano una tradizione completamente diversa, dove la lealtà al codice pashtunvalai e un profondo interesse per il misticismo formano la base ideologica. Questa circostanza è estremamente importante, perché mostra che l’Islam afghano (dove altre versioni – compresi i tagiki Rabbani o Masoud – erano radicati nel sufismo), pur essendo sunnita e radicale, nascondeva qualcosa di completamente sotto la sua somiglianza esterna con il salafismo arabo. Nel caso dei talebani, l’islamismo radicale era e per molti versi rimane la facciata esterna di quel profondo spirito militante indoeuropeo, che costituiva l’essenza dell’identità pashtun e l’eredità di Turan. Probabilmente, qui si possono anche riconoscere motivi escatologici inerenti alla cultura iraniana nel suo insieme, compreso l’Islam sciita iraniano. In particolare, gli hadith escatologici menzionano lo “stendardo nero del Khorasan”, che sarà innalzato al tempo della fine dei tempi e alla vigilia della battaglia decisiva tra il Mahdi, capo dei musulmani, e l’Anticristo-Dajjal. Il territorio del Khorasan copre le terre orientali dell’Iran moderno, così come Merv in Turkmenistan e Herat in Afghanistan. Questa “bandiera nera di Khorsan” era lo stendardo ufficiale del Califfato abbaside, che gli Abbasidi fondarono con il sostegno dell’iraniano e sciita Abu Muslim, che iniziò la rivolta anti-omayyade proprio dal Khorasan.

Pertanto, i talebani* si consideravano l’inizio della rivoluzione islamica planetaria, la “battaglia finale con il Dajjal-Occidente”, al centro della quale stavano i guerrieri indoeuropei pashtun, che non avevano mai chinato il capo davanti a nessuno dai tempi dell’epoca della loro partenza dalle steppe eurasiatiche e, così, sotto l’identità esterna islamica sunnita radicale, possiamo riconoscere un’escatologia completamente diversa, forse non pienamente realizzata dagli stessi afgani.

Dopo l’attacco terroristico dell’11 settembre 2001 a New York, gli Stati Uniti hanno avanzato la versione secondo cui il suo organizzatore era lo stesso bin Laden, che allora si nascondeva in Afghanistan tra i talebani, e hanno usato questo pretesto per un’invasione militare dell’Afghanistan con il sostegno dell’Alleanza del Nord ostile ai talebani. Il 13 novembre 2001 le truppe della “Alleanza del Nord”, con l’appoggio degli americani e con il consenso di Mosca, preoccupata per gli attacchi dei talebani ai territori di confine degli stati alleati della Russia dell’Asia centrale, sono entrate a Kabul. Entro la fine dell’anno, le truppe della NATO hanno occupato l’Afghanistan, mettendo al potere non i leader dell’Alleanza del Nord, ma una figura di compromesso avanzata dalla Loya Jirga – Pashtun Hamid Karzai.

Tuttavia i talebani, che come di consueto si sono ritirati in zone montuose impervie, e in parte nel territorio del Pakistan, dove nel 2004 hanno proclamato l'”Emirato islamico del Waziristan”, divenuto roccaforte del movimento, non si sono arresi e hanno continuato la guerriglia contro le truppe della NATO e i loro collaboratori afgani.

Osama bin Laden è stato ucciso in Pakistan nel 2011 durante un’operazione. In precedenza erano circolate voci che fosse morto nel territorio del Waziristan. Bin Laden aveva precedentemente stabilito una base di al-Qaeda nella regione di Tora Bora, una “grotta nera” situata sulle montagne di Safedhoh nella provincia di Nangahar nell’Afghanistan orientale, vicino alla zona tribale nel Pakistan occidentale, dove l’influenza pashtun era dominante. Rane nelle montagne di Tora Bora era il centro del raggruppamento dei Mujaheddin sotto la guida del pashtun Yunus Khales (1919 – 2006).

I talebani rimasero una forza importante nelle province dell’Afghanistan, le province di Helmand, Kandahar, Paktia, Uruzgan, Nuristan, Kunar, Badakhshan, Zabul, Ghazni, mentre le forze NATO controllavano solo le aree di Kabul e Mazar-Sharif. Il nord del paese era sotto l’influenza dei comandanti sul campo tagiki.

Nell’estate del 2021, le truppe americane hanno lasciato l’Afghanistan. Il potere nel paese è passato completamente nelle mani dei talebani. I Territori del Nord hanno rispettato.

* Il movimento talebano è ufficialmente bandito nel territorio della Federazione Russa.

** Al-Qaeda è un’organizzazione terroristica bandita nella Federazione Russa

Traduzione di Alessandro Napoli

Fonte: katehon.com

Exit mobile version