Vai al contenuto

L’assassinio di innocenti e la geopolitica del terrorismo antirusso

Di Iurie Rosca

La nostra buona amica e compagna nella lotta ideologica, Daria Dugina-Platonova, è rimasta vittima di un atto terroristico in Russia, a seguito del quale è morta. L’auto è esplosa poco dopo la partenza della nota giornalista e attivista conservatrice.

A quanto pare, il noto pensatore tradizionalista russo Aleksandr Dugin è stato l’obiettivo di questo attacco terroristico. Aleksandr Dugin è miracolosamente sopravvissuto. Stava per salire sulla stessa macchina, ma all’ultimo momento ha rifiutato ed è salito sull’auto di un amico.

Sono amico della famiglia Dugin da molti anni, ho tradotto quattro libri e una serie di articoli di questo eccezionale filosofo in rumeno e ho curato i suoi libri in Romania e Moldova. Ero molto legato a sua figlia Darya, una brillante allieva del padre, che ha ricevuto una solida formazione filosofica in Francia, una giornalista formidabile e un’ottima organizzatrice. Darya era una giovane donna molto insolita. A differenza dei colleghi della sua generazione, che vivono spensierati e senza ideali e grandi aspirazioni, Darya era una persona completamente devota alla causa del padre, che condivideva con devozione e lealtà.

Alcuni anni fa, insieme ad Aleksandr Dugin e alla sua infaticabile e affascinante figlia Darya, ho organizzato il Chisinau Forum, una conferenza internazionale che ha riunito i massimi intellettuali del nuovo dissenso anti-atlantico europeo e dei paesi ex comunisti. Nel 2019, con la partecipazione diretta di Aleksandr e Darya, abbiamo organizzato un team internazionale di intellettuali antisistemici di diversi paesi, che ha fatto un tour in Siria, dove abbiamo tenuto una serie di incontri pubblici per esprimere solidarietà al popolo siriano nella sua lotta contro l’aggressione israelo-americana. Nella nostra delegazione, Darya è stata l’unica donna che, insieme a noi, è stata esposta a tutti i rischi durante il viaggio attraverso la Siria dilaniata dalla guerra.

L’omicidio di Darya Dugina e l’attentato al padre Aleksandr sono estremamente significativi. I nemici della Russia oggi mirano all’eliminazione fisica dei centri del pensiero strategico in questo paese, i pensatori più significativi che sono in grado di concettualizzare l’attuale scena storica e presentare un’alternativa ideologica al globalismo totalitario neoliberista.

L’assassinio di Darya Dugina rappresenta una svolta radicale non solo per la Russia ma anche per la politica internazionale. La sua morte può accelerare alcuni processi che erano in uno stato di latenza o stagnazione.

I nemici della Russia le hanno lanciato un guanto di sfida in faccia. E questo sta accadendo in un momento molto critico, non solo per questo Paese, che è nel mezzo di una guerra con l’Occidente sul territorio dell’Ucraina, ma per l’intera comunità internazionale. Mosca non può rimanere impassibile di fronte a un atto terroristico così grave. Non sappiamo ancora come reagirà il Cremlino. Tuttavia, non c’è dubbio che dopo l’omicidio di Darya Dugina, il mondo non sarà più quello di prima. Stiamo entrando in una fase molto più pericolosa.

Aleksandr ha fatto il sacrificio estremo sull’altare dei propri ideali. Darya ha anche imparato bene la lezione di suo padre che l’ideale deve essere servito fino alla fine, anche a costo della propria vita. Le persone di questa famiglia spirituale indossano volontariamente gli abiti degli attentatori suicidi. Servono Dio e il popolo, e la fedeltà a Cristo e alla Patria ci obbliga a volte ad accettare la morte come il più alto gesto di amore e determinazione nella lotta.

A Dieu, cara Darya!

Traduzione di Alessandro Napoli

Fonte: geopolitika.ru

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: