Site icon Nuova Resistenza – ITALIA

Alleanza di opposizione in Turchia: una valida alternativa a Erdogan?

Di Berk Esen

In un importante sviluppo per la politica turca, sei partiti di opposizione hanno firmato un manifesto congiunto durante una cerimonia pubblica il 28 febbraio. Il documento delinea i piani per abolire il sistema presidenziale esecutivo e ripristinare lo stato di diritto e le libertà civili in un “sistema parlamentare rafforzato”. La successiva concentrazione del potere nelle mani del presidente Recep Tayyip Erdogan ha portato a un sistema iperpresidenziale senza controlli istituzionali significativi. I partiti di opposizione sono determinati a invertire questo processo offrendo all’elettorato una piattaforma politica alternativa supportata da un unico candidato presidenziale. Se la loro cooperazione crea un’alleanza elettorale per le imminenti elezioni, il campo dell’opposizione, soprannominato il Tavolo dei Sei, ha una ragionevole possibilità di sconfiggere Erdogan e il suo blocco dominante.

Nonostante la sua egemonia politica, il sostegno elettorale del presidente Erdogan rappresentava poco più della metà dell’elettorato, anche all’apice della sua popolarità. Ad esempio, alle elezioni presidenziali del 2014 e del 2018, Erdogan ha ottenuto rispettivamente il 51,8% e il 52,6% dei voti. È l’incapacità dei suoi oppositori di lavorare insieme e offrire una valida alternativa che ha permesso a Erdogan e al suo partito di rimanere al potere dal novembre 2002, quando il Partito per la Giustizia e lo Sviluppo (AKP) ha ottenuto per la prima volta la maggioranza parlamentare. L’egemonia elettorale di Erdogan gli ha permesso di distruggere i controlli e gli equilibri istituzionali, di impossessarsi dei media e della magistratura e cambiare le regole del gioco contro l’opposizione per rimanere al potere, prima come primo ministro (2003-2014), poi come presidente (dal 2014). L’adozione di un sistema presidenziale con controlli e contrappesi deboli, orchestrato da Erdogan e dal suo alleato, il National Action Party (NAP) nel 2018, ha distrutto le ultime vestigia della democrazia elettorale in Turchia. Sebbene le elezioni si tengano regolarmente, non sono né libere né eque, poiché i partiti di opposizione sono ostacolati dallo stretto controllo statale sulla burocrazia, sulla magistratura e sui media.

Il fallimento di Erdogan alle elezioni

La crescente cooperazione all’interno del campo dell’opposizione segnala cattive notizie per il presidente Erdogan. L’attuale crisi economica ha visto l’approvazione delle politiche di Erdogan scendere di quasi tre punti in un mese, al 41,5% a luglio. Le sue promesse di stabilità e prosperità dopo il passaggio al sistema presidenziale non si sono concretizzate. Molti elettori ora vedono la transizione verso un sistema presidenziale nel 2018 come una delle ragioni principali delle loro turbolenze economiche. Il governo non è riuscito a frenare il rapido aumento dell’inflazione, che ha raggiunto quasi l’80%, e chiede invece al pubblico di essere paziente. In questo contesto, l’AKP al potere ha subito divisioni interne, soprattutto dopo che i suoi membri di spicco hanno lasciato per formare nuovi partiti, in particolare “il Partito Futuro” (GP) dell’ex Primo Ministro Ahmet Davutoglu e il Partito Democrazia e Progresso (DEVA) dell’ex Ministro degli Esteri Ali Babacan.

Per conservare il suo sostegno popolare e mantenere il controllo del parlamento, Erdogan ha formato un’alleanza popolare con l’ultranazionalista MHP turco prima delle elezioni generali del 2018. Ciò, tuttavia, ha ristretto il margine di manovra dell’AKP, alienato gli elettori curdi e limitato l’appello di Erdogan a una base etno-religiosa turca in contrazione. Al blocco dominante si oppongono i partiti di opposizione che rappresentano posizioni ideologiche in tutto lo spettro politico. Di conseguenza, questa sarà la prima campagna elettorale in cui Erdogan non è un chiaro favorito.

Precedenti tentativi di coordinare l’opposizione

In regimi autoritari competitivi come la Turchia, partiti di opposizione che formano un’alleanza elettorale hanno maggiori probabilità di sconfiggere l’incumbent [1]. Con questo in mente, i partiti di opposizione in Turchia hanno formato varie alleanze formali e informali. Il primo esempio sono state le elezioni presidenziali del 2014, quando il principale partito repubblicano del popolo (CHP) e l’MHP (allora all’opposizione) hanno sostenuto un singolo candidato con opinioni conservatrici. Sebbene Ekmeleddin Ihsanoglu non sia stato all’altezza delle aspettative con solo il 38,4% dei voti, il CHP ha continuato a cercare alleanze con altri partiti di opposizione. Durante la campagna referendaria del 2017, il CHP ha condotto una campagna coordinata “No” con i dissidenti dell’MHP che hanno rotto con il leader del loro partito Devlet Bahceli per il suo sostegno agli emendamenti proposti dall’AKP al potere per stabilire un sistema presidenziale.

Di conseguenza, alla vigilia delle elezioni generali del 2018, il CHP ha guidato la formazione dell’Alleanza della Nazione con altri tre partiti di opposizione, vale a dire il Buon Partito (İyiP) formato dai dissidenti del MHP, l’islamista Partito della Felicità (PS) e il Partito Democratico (DP) di centrodestra. L’alleanza di opposizione è riuscita a ridurre i voti dell’AKP nella misura in cui ha richiesto il sostegno dell’MHP in parlamento, ma alla fine non è riuscita a sconfiggere Erdoğan alle elezioni presidenziali. Basandosi su questa esperienza, CHP e İyiP hanno schierato candidati congiunti in ventisette province e ventidue aree urbane alle elezioni locali del 2019, sconfiggendo candidati filogovernativi in città come Istanbul, Ankara, Adana e Mersin.

Anche se gli stessi sindaci di CHP hanno ricevuto meno del 25% dei voti, attualmente governano alcuni dei più grandi comuni del paese. Questo è stato un duro colpo per l’AKP, che ha perso il controllo delle città più popolose del paese, mentre al blocco di opposizione è stata data una piattaforma per mostrare le sue politiche e combattere l’accesso sproporzionato del partito al governo alle risorse statali.

Nuova Alleanza di Opposizione: “Tavolo dei Sei”

Il principale artefice di questa alleanza di opposizione è Kemal Kılıçdaroğlu, leader del principale partito di opposizione, il CHP. Il CHP è stato fondato dal primo presidente della Turchia nel 1923 ed è il partito più antico del paese. Dagli anni ’90, tuttavia, il CHP di centrosinistra ha vissuto una stagnazione elettorale a causa della sua incapacità di raggiungere elettori sunniti a basso reddito e della sua insistenza nel dare la priorità alla difesa del modello tradizionale di stato-nazione (contro i crescenti movimenti curdi e islamisti) quando si trattava di pressanti questioni sociali ed economiche. Sotto la guida di Deniz Baikal (1992–1999, 2001–2010), il CHP si è allontanato dai principi socialdemocratici, ha concentrato il suo sostegno tra gli elettori laici urbani e alawiti e ha collaborato con figure extraparlamentari come i militari per contrastare l’AKP. Questa strategia ha portato il CHP a una serie di sconfitte elettorali dal 2002 e ha accelerato l’acquisizione dell’apparato statale da parte della leadership dell’AKP all’inizio degli anni 2010.

Dopo essere diventato leader del CHP nel 2010, Kılıçdaroğlu ha cambiato la strategia del partito reclutando nuovi candidati e ammorbidendo la posizione intollerante del partito sulla questione curda e sul divieto del velo. Tuttavia, questo nuovo dinamismo non è stato sufficiente per ottenere un successo elettorale immediato, quindi Kılıçdaroğlu ha cercato sempre più una cooperazione più stretta con altri partiti politici. Le sue mosse hanno iniziato a dare i loro frutti dopo che le alleanze elettorali sono state consentite nel sistema elettorale del paese nel 2018.

I leader politici dei sei partiti di opposizione si sono incontrati per la prima volta nell’ottobre 2021 per preparare un manifesto congiunto per avviare la transizione a un sistema parlamentare dopo le elezioni previste per giugno 2023. Oltre ai quattro partiti dell’Alleanza delle Nazioni, i sei includono due partiti separatisti che si sono recentemente separati dall’AKP, il Partito Futuro di Davutoglu e il DEVA di Babacan. Davutoglu e Babacan sono stati entrambi retrocessi da Erdogan negli ultimi anni e ciascuno ha deciso di formare il proprio partito quando è diventato chiaro che l’AKP non tollerava l’opposizione. La loro uscita dall’AKP inizialmente ha suscitato molto interesse, dato che le defezioni delle élite potrebbero indebolire significativamente un regime autoritario, ma secondo i sondaggi di opinione, ciò non ha ancora portato a un sostegno elettorale significativo per nessuno dei partiti.

Il Partito Democratico del Popolo (HDP) filo-curdo non partecipa ai colloqui tra i partiti a causa delle accuse del governo dell’AKP di essere affiliato al bandito Partito dei Lavoratori del Kurdistan (PKK), che l’Unione Europea elenca come organizzazione terroristica. Anche ai piccoli partiti di sinistra, al neo-kemalista Partito della Patria (MP) e al populista Partito della Vittoria (VP) di estrema destra non è stato offerto un posto al tavolo dei negoziati. La loro esclusione può portare alla formazione di coalizioni pre-elettorali di opposizione alternativa. L’elevata soglia elettorale (recentemente abbassata dal 10% al 7%) dà ai piccoli partiti un forte incentivo a formare alleanze elettorali. L’HDP filo-curdo sta attualmente negoziando con una serie di partiti di estrema sinistra come il Partito dei Lavoratori della Turchia (TİP).

I rappresentanti dei sei partiti di opposizione si sono incontrati per diversi mesi per concordare una piattaforma politica comune per un “sistema parlamentare rafforzato”. Il loro manifesto pubblicato, firmato da tutti e sei i leader, rappresenta la piattaforma più completa dell’opposizione dalla transizione della Turchia verso una democrazia multipartitica nel 1950. In esso, sei partiti di opposizione (Tavolo dei Sei) promettono riforme democratiche e spingono per il ritorno a un sistema parlamentare dopo le prossime elezioni parlamentari previste per giugno 2023.

I sei leader si sono già incontrati sei volte da marzo 2022, e ogni riunione si è svolta presso la sede nazionale di una delle parti. In questi incontri mensili, senza precedenti nella storia della repubblica, i leader hanno esaminato le loro proposte di riforma, scambiato opinioni sui recenti sviluppi politici e discusso la possibilità di trasformare la loro cooperazione in un’alleanza formale. Hanno deciso di istituire una serie di commissioni per gettare le basi per un’alleanza elettorale che potrebbe potenzialmente continuare dopo le elezioni. La Commissione per la sicurezza elettorale coordinerà gli sforzi per garantire elezioni libere ed eque, mentre le commissioni “Riforme legali costituzionali” e “Riforme istituzionali” completeranno la tabella di marcia per il periodo post-elettorale. Un’altra commissione supervisionerà la strategia di comunicazione congiunta.

Candidato presidenziale congiunto

Il compito più difficile sarà la selezione di un singolo candidato presidenziale. Il mancato raggiungimento di un consenso su questo tema può anche mettere in dubbio l’intera alleanza elettorale. Di conseguenza, il processo di selezione è stato ritardato, con i leader dell’opposizione che hanno ripetutamente affermato la loro intenzione di non selezionare un candidato fino a quando Erdogan non avrà fissato una data per le elezioni. Invece, hanno semplicemente definito una serie di criteri per la selezione di un candidato. Alcuni temono che l’annuncio prematuro di un singolo candidato dia semplicemente più tempo ai media filogovernativi per screditarlo.

Tuttavia, potrebbero esserci altri motivi per il ritardo. Dato che il presidente esercita un enorme potere nel sistema turco, scegliere un solo candidato sarà estremamente difficile. In particolare, i partiti minori dell’alleanza temono di essere messi da parte dopo le prossime elezioni. Sono comprensibilmente riluttanti a cedere così tanto potere a un individuo e preferirebbero invece creare una struttura di leadership collettiva all’interno del governo. Questi leader tendono a concentrarsi più sull’alleanza che sul candidato.

Tuttavia, devono affrontare un dilemma. Il campo dell’opposizione combatterà contro Erdogan, che rimane un leader popolare e carismatico. La mancata selezione di un candidato con la possibilità di eguagliare Erdogan nella campagna potrebbe limitare la capacità dell’opposizione di attirare gli elettori dell’AKP. D’altra parte, un candidato popolare che sconfigge Erdogan può rifiutarsi di limitare i poteri presidenziali o ottenere una rapida transizione a un regime parlamentare. Pertanto, i sei leader devono trovare un candidato che possa vincere le elezioni presidenziali e accettare di restituire la maggior parte dei loro poteri al parlamento.

Il candidato più probabile è Kemal Kılıçdaroğlu per via del suo ruolo nella creazione del Tavolo dei Sei, che gli dà la posizione migliore per mantenere intatta l’alleanza dell’opposizione. Come leader del principale partito di opposizione, Kılıçdaroğlu gode del forte sostegno dei quadri del CHP che temono che la scelta di un altro candidato dal proprio partito possa portare a grandi cambiamenti nei loro ranghi. Altri vedono la sua personalità armoniosa come la chiave del successo e si concentrano sull’unità, in netto contrasto con lo stile di leadership di Erdogan, come un vantaggio di una transizione democratica.

Inoltre, la popolarità limitata di Kılıçdaroğlu al di fuori del CHP riduce le sue possibilità di consolidare il suo potere all’interno dell’attuale sistema presidenziale. Altri leader dell’opposizione ritengono che Kılıçdaroğlu avrà bisogno del loro sostegno per gestire efficacemente il paese. Infine, Kılıçdaroğlu ha più volte dichiarato la sua intenzione di restituire il potere al parlamento. La presidenza sarà probabilmente l’ultimo incarico politico per Kılıçdaroğlu, che presto avrà settantacinque anni.

Tuttavia, molti elettori nutrono forti dubbi sulla candidatura di Kılıçdaroğlu. Le qualità che rendono Kılıçdaroğlu preferibile ad altri leader dell’opposizione indeboliscono anche le sue prospettive elettorali contro Erdoğan. In qualità di leader del CHP dal 2010, Kılıçdaroğlu ha portato il suo partito a sconfitte alle elezioni parlamentari del 2011, 2015 e 2018, nonché alle elezioni presidenziali del 2014 e 2018. Molti elettori temono che la sua candidatura riduca le possibilità di successo dell’opposizione alle prossime elezioni. Secondo i sondaggi dell’opinione pubblica, Kılıçdaroğlu è inferiore ai sindaci popolari di Ankara e Istanbul e persino al leader dell’İYİ Meral Akşener. Dopo dodici anni alla guida del principale partito di opposizione, Kılıçdaroğlu fatica a conquistare gli elettori.

Le radici alawite di Kılıçdaroğlu potrebbero anche diminuire la sua capacità di raggiungere i devoti elettori sunniti che rimangono la fedele spina dorsale di Erdoğan. In passato, Erdogan ha utilizzato il background religioso di Kılıçdaroğlu per rivoltare gli elettori conservatori contro il CHP. Inoltre, Kılıçdaroğlu non ha mai ricoperto una carica di governo, non è riuscito a sviluppare un programma politico completo o a costruire una squadra politica forte e non ha conoscenze di economia, politica estera e diritto, che saranno fondamentali per i piani antiterrorismo dell’opposizione e la trasformazione del sistema politico.

Alcuni analisti vedono ancora il leader di İYİ Meral Akşener come un possibile candidato, anche se lei stessa ha escluso tale scenario nel settembre 2021. Invece di prendere la presidenza, che il blocco di opposizione promette di trasformare in una posizione simbolica in pochi anni, Akşener ha annunciato la sua intenzione di diventare primo ministro dopo il passaggio a un sistema parlamentare. Potrebbe essere una mossa strategica da parte sua. Dato che İYİ è in ritardo rispetto al CHP nei sondaggi d’opinione, sarebbe comunque difficile per l’elettorato del principale partito di opposizione accettare la sua candidatura. Rifiutando questo premio, Akşener potrebbe diventare la kingmaker e forse anche vincere il seggio alla vicepresidenza. Kılıçdaroglu dovrà ottenere l’approvazione di Akşener per la sua candidatura.

Altri due potenziali candidati erano i popolari sindaci del CHP a Istanbul e Ankara, Ekrem Imamoglu e Mansur Yavas. Entrambi sono politici moderati che hanno sconfitto i candidati filogovernativi alle elezioni locali del 2019 grazie a una retorica inclusiva e promesse di assistenza sociale. A differenza di altri politici del CHP, hanno avuto un enorme successo nell’appellarsi agli elettori conservatori. E hanno rapidamente ampliato la loro popolarità dalla loro elezione, soprattutto attraverso la gestione efficiente dei servizi municipali durante la pandemia.

Mentre entrambi i candidati suscitano entusiasmo tra gli elettori dell’opposizione, stanno perseguendo strategie politiche diverse per catturare l’attenzione dell’elettorato. Yavash per la maggior parte si è astenuto dal commentare questioni controverse e si è tenuto fuori dalla mischia politica. In quanto ex membro dell’ultranazionalista HDP, gode di un forte sostegno tra gli elettori nazionalisti turchi e, ovviamente, mantiene le distanze dall’HDP filo-curdo. Nonostante la natura partigiana della burocrazia dell’AKP, che ostacola regolarmente la fornitura di servizi da parte dei comuni controllati dall’opposizione, Yavash si astiene dall’adottare un approccio conflittuale.

Sebbene questi aspetti abbiano attratto i suoi elettori di destra, inclusi alcuni sostenitori dell’AKP e dell’MHP, la leadership dell’HDP ha annunciato che non lo avrebbe sostenuto se fosse stato selezionato come unico candidato dell’opposizione. Secondo i sondaggi, Yavash rimane più popolare di Imamoglu. Ma ciò potrebbe cambiare dopo l’inizio della campagna, quando Yavash dovrebbe annunciare la sua posizione su questioni importanti.

Molti vedono Imamoglu come il candidato più probabile per sconfiggere Erdogan. Come Erdogan, viene dalla regione del Mar Nero e si è fatto strada nella politica nazionale come sindaco di Istanbul. Prima della sua elezione nel 2019, era sindaco del vasto distretto di Beylikduzu alla periferia della città, ma quasi sconosciuto a livello nazionale. Istanbul, con una popolazione di quasi 20 milioni di abitanti, è la provincia economicamente più sviluppata e popolosa con un elettorato diversificato. Erdogan una volta ha affermato che “chi vince a Istanbul vincerà in Turchia”.

In qualità di candidato unificato dell’Alleanza Nazionale alle elezioni locali del 2019, Imamoglu ha sconfitto due volte il candidato filogovernativo, l’ex primo ministro Binali Yildirim. Al primo turno, İmamoğlu ha vinto con uno stretto margine, ma ha portato quella cifra a quasi il 55% dei voti quando le elezioni si sono svolte nuovamente a seguito di una decisione discutibile dell’Alto Tribunale elettorale.

A differenza di Yavash, Imamoglu si presenta come un sindaco socialdemocratico moderato, molto popolare tra gli elettori turchi e curdi, nonché tra tutte le fasce d’età e di entrambi i sessi. Sotto İmamoğlu, nonostante i tentativi del governo nazionale di bloccare i suoi finanziamenti, le autorità municipali di Istanbul hanno aumentato drasticamente i finanziamenti per i trasporti pubblici e i progetti infrastrutturali (sono in corso dieci progetti di metropolitana), hanno aperto biblioteche pubbliche e asili nido e hanno dato priorità alle pratiche meritocratiche e all’uguaglianza di genere nell’ammissione a opera.

Tuttavia, Imamoglu non evita le critiche. Alcuni vedono le sue ambizioni personali come una minaccia ai piani dell’opposizione di tornare a un sistema parlamentare. Sostengono che, se eletto, Imamoglu potrebbe scegliere di utilizzare gli ampi poteri del presidente. Mentre Imamoglu è considerato da molti il candidato con le migliori possibilità di essere eletto, le sue possibilità di essere eletto dai sei leader dell’opposizione sono scarse. Con il suo immenso carisma e giovinezza, la candidatura di Imamoglu infliggerebbe un duro colpo allo status quo, per non parlare delle aspirazioni presidenziali di Kılıçdaroğlu.

Sfide per l’Alleanza di opposizione

Sebbene il Tavolo dei Sei abbia già compiuto progressi significativi, le sei parti devono ancora affrontare sfide significative. In primo luogo, la composizione finale dell’alleanza e la sua forza non sono ancora chiare. Quattro dei sei partiti erano già membri dell’Alleanza Nazionale e probabilmente lavoreranno insieme alle prossime elezioni. Tuttavia, c’è ancora una certa incertezza sul fatto che i partiti separatisti, vale a dire il Partito Futuro e DEVA, si uniranno all’Alleanza Nazionale o a qualche altro gruppo. I vertici del Partito Futuro e del Partito della Felicità, entrambi di origine islamista, avanzano l’idea di formare un’alleanza di partiti conservatori per partecipare alle elezioni parlamentari con un’unica lista, pur restando parte delle sei -alleanza di opposizione di partito.

In secondo luogo, sono in discussione anche altri scenari per le elezioni parlamentari. I partiti minori nel “Tavolo dei Sei” cercano una rappresentanza parlamentare e potrebbero prendere in considerazione la possibilità di partecipare alle prossime elezioni parlamentari sui due partiti principali dell’alleanza, vale a dire CHP e İYİ. I vertici del partito, inoltre, non hanno specificato se intendono continuare l’alleanza anche dopo le prossime elezioni. Alcuni dei partiti conservatori potrebbero decidere di negoziare con l’AKP dopo la probabile sconfitta di Erdogan alle prossime elezioni.

In terzo luogo, un’altra potenziale scissione è legata ai diversi livelli di sostegno elettorale per i sei partiti e alla loro relativa influenza nell’alleanza. Pur cooperando contro l’alleanza dominante, competono anche tra loro per il sostegno e l’influenza popolare. Il CHP si rivolge principalmente agli elettori laici e di sinistra e beneficia di un’alleanza con cinque partiti di destra che gli consente di raggiungere nuovi elettorati. Essendo il più grande partito di destra dell’alleanza, İYİ teme che dare ai partiti di destra minori un’influenza sproporzionata e una copertura mediatica possa avvenire a proprie spese. In particolare, sembra esserci tensione tra İYI e DEVA, che competono per gli elettori di destra moderata ma non sono d’accordo su questioni importanti come i migranti siriani e la questione curda.

Date le forti divisioni ideologiche, l’alleanza partigiana rappresenta un delicato equilibrio politico. Resta da vedere se le sei parti saranno in grado di concordare un programma politico globale per l’era post-Erdogan. Il compromesso su qualsiasi questione importante richiederà ai leader non solo di risolvere le divergenze tra i loro partiti, ma anche di convincere i loro elettori. Ci si può aspettare che elettori ideologicamente impegnati resisteranno ad accettare le concessioni fatte dai loro leader di partito. Per limitare i problemi interni, i leader hanno esteso il loro controllo sui quadri del partito e cacciato gli oppositori interni. Ad esempio, il leader del Partito della Felicità, Temel Karamollaoglu, ha respinto una sfida di Oguzhan Asylturk, un membro di alto livello del partito che ha sostenuto legami ideologici più stretti con il presidente Erdogan. Nel frattempo, Muharrem Ince, il candidato del CHP alle elezioni presidenziali del 2018 che è stato espulso dopo la campagna elettorale, si è dimesso per creare un altro partito scissionista. Allo stesso modo, Umit Özdag, che era un rivale del leader İYİ Akşener e si opponeva a una più stretta integrazione con il CHP, si è dimesso per formare il proprio partito con una forte piattaforma anti-immigrati.

In quarto luogo, l’opposizione ha bisogno del sostegno dell’HDP filo-curdo per vincere le elezioni presidenziali e realizzare le riforme democratiche in parlamento. La decisione dell’HDP di sostenere i candidati CHP nelle principali aree metropolitane nelle elezioni locali del 2019 è stata un fattore importante nella loro vittoria elettorale. I nazionalisti İYİ finora si sono rifiutati di stabilire qualsiasi contatto con l’HDP. In risposta, l’HDP ha dichiarato che il suo sostegno all’alleanza non era incondizionato. In effetti, la leadership dell’HDP si rifiuta di sostenere Yavas o Akşener per la presidenza e insiste affinché qualsiasi colloquio con i partiti di opposizione si tenga in pubblico. Quest’ultimo requisito complicherà gli sforzi del CHP per comunicare con l’HDP senza alienare gli elettori İYİ.

La questione potrebbe diventare una delle principali preoccupazioni per il campo dell’opposizione nei prossimi mesi quando la Corte costituzionale ha approvato un atto d’accusa per vietare l’HDP per i suoi presunti legami con il Partito dei Lavoratori del Kurdistan (PKK), che è nell’elenco dell’UE di individui, gruppi e organizzazioni coinvolte in attività terroristiche. Se l’HDP viene bandito dalla Corte costituzionale, il sostegno (anche implicito) di İYİ a una tale decisione potrebbe dividere il campo dell’opposizione e alienare gli elettori curdi. Erdogan potrebbe anche lanciare un’altra operazione militare nel nord della Siria per espandere la sfera di influenza della Turchia e rimpatriare i profughi siriani. Un’operazione militare di successo alla vigilia delle elezioni presidenziali potrebbe portare un enorme successo elettorale a Erdogan, che potrebbe anche aumentare la sua popolarità risolvendo la crisi migratoria.

Cauto ottimismo per l’UE

Per l’Unione Europea, la formazione di un’alleanza di opposizione contro il blocco al potere guidato da Erdogan dovrebbe essere una buona notizia, in quanto indica la vitalità delle forze democratiche in Turchia. La crisi migratoria e il conflitto della Russia con l’Ucraina hanno lasciato l’UE con un potere limitato su Erdogan, che non è stato in grado di resistere al processo di autocratizzazione sotto il suo governo. Molti analisti internazionali sono pessimisti sulla possibilità di un ritorno al governo democratico in Turchia. Nonostante il terreno di gioco irregolare, i partiti di opposizione hanno una ragionevole possibilità di sconfiggere Erdogan alle elezioni generali del 2023 e possono contribuire a promuovere una transizione democratica attraverso il voto.

Una Turchia democratica post-Erdogan sarebbe un partner più costruttivo per i suoi alleati occidentali. Se l’opposizione vincerà alle elezioni del 2023, molto probabilmente il nuovo governo di Ankara cercherà di ristabilire le relazioni della Turchia con l’UE. Chiaramente, l’UE dovrebbe astenersi dal dare l’impressione di una collusione con i partiti di opposizione. Ma deve essere pronto a ristabilire i rapporti con la Turchia in caso di cambio di governo dopo le elezioni generali del 2023. A causa della diversità dell’alleanza di opposizione, è troppo presto per prevedere la posizione del nuovo governo sulle principali questioni di politica estera. Tuttavia, l’introduzione di un’alleanza di opposizione fornirà all’UE migliori informazioni e un maggiore accesso nella nuova era.

Note:

[1] In economia, azienda ex monopolista che continua a occupare una posizione dominante nel mercato liberalizzato, spec. nel settore dei media e delle telecomunicazioni [N.d.T.].

Traduzione di Alessandro Napoli

Fonte: katehon.com

Exit mobile version