Site icon Nuova Resistenza – ITALIA

Dopo la morte della regina, l’Australia discute su come correggere i torti coloniali

Oltre al dibattito in corso sul diventare una repubblica, l’Australia sta anche valutando l’inclusione di una voce indigena in Parlamento.

Di Dechlan Brennan

Dopo la recente morte della regina Elisabetta II, sono tornate alla ribalta le brutte chiacchiere sulla colonizzazione dell’Australia e sul ruolo svolto dal monarca nell’aggravare questi problemi.

Il monarca britannico più longevo ha supervisionato il referendum del 1967 che ha visto per la prima volta gli indigeni australiani ufficialmente riconosciuti nella Costituzione. Tuttavia, la regina ha continuato a guidare il Commonwealth, che soffre di spaventose disuguaglianze tra popolazioni indigene e non, in gran parte dovute alle azioni dei colonizzatori britannici.

Non è passato inosservato che la regina Elisabetta II non si è mai scusata per gli atti di genocidio commessi contro i popoli indigeni sotto il dominio britannico; solo lo stesso governo australiano lo ha fatto. Né la monarchia britannica si è scusata con le vittime della colonizzazione nei molti paesi che ha invaso con la forza, i cui popoli indigeni soffrono ancora di disuguaglianza e oppressione.

Martedì, a causa di una stranezza della costituzione, tutti i membri del parlamento vittoriano hanno dovuto giurare nuovamente fedeltà al re Carlo III in una sessione speciale del Parlamento unica per lo Stato. La leader del Partito dei Verdi, Samantha Ratnam, insieme ai suoi colleghi parlamentari di quel partito, indossava una maglietta con la scritta “always was, always will be” in riferimento al movimento per i diritti alla terra degli aborigeni degli anni ’80 nel New South Wales.

Parlando fuori dal parlamento, il leader dei Verdi ha detto che la cerimonia di giuramento è stata “assurda”.

«Nel 2022, molti vittoriani si chiedono giustamente perché ci viene chiesto di riconoscere la sovranità di un monarca britannico a migliaia di miglia di distanza quando non abbiamo riconosciuto la sovranità dei popoli indigeni proprio qui», ha aggiunto Ratnam.

Il discorso è arrivato dopo le aspre dichiarazioni di diversi parlamentari federali dei Verdi, tra cui il leader del partito Adam Bandt, che ha affermato che la morte della regina dovrebbe riaccendere il dibattito sul diventare una repubblica australiana. «Ora l’Australia deve andare avanti. Abbiamo bisogno di un trattato con i popoli indigeni e dobbiamo diventare una Repubblica», ha twittato.

La vice leader Mehreen Farooqi, una pachistana che personalmente ha dovuto fare i conti con i resti del colonialismo britannico, è andata anche oltre, dicendo che non poteva “piangere il leader di un impero razzista”.

Il movimento repubblicano è svanito negli ultimi anni e la popolarità della regina Elisabetta II è citata come parte del motivo. Il fallito referendum del 1999 è stato spesso definito un presagio piuttosto che un rifiuto finale delle idee repubblicane.

Per molti, tuttavia, gli sforzi per correggere i torti storici sono attualmente concentrati sul portare voti indigeni in Parlamento piuttosto che porre fine al governo nominale del monarca britannico.

Quando Anthony Albanese è stato eletto primo ministro a maggio, la sua orazione includeva l’impegno ad attuare la Dichiarazione di Uluru nella sua interezza. Un’importante riforma da sottoporre al dibattito pubblico in un referendum aggiungerebbe un diritto di voto costituzionalmente riconosciuto per i rappresentanti indigeni in parlamento. La Dichiarazione di Uluru è stata proposta e pubblicata da molti importanti leader indigeni nel 2017.

Come ho scritto a marzo, questi leader hanno precedentemente affermato che “siamo impegnati in riforme costituzionali per conferire potere al nostro popolo e prendere il posto che le spetta nel nostro paese”.

Nello stesso articolo, ho notato che l’allora governo liberale si opponeva costantemente alla partecipazione degli indigeni australiani al Parlamento. Tuttavia, sono i membri dei Verdi e alcuni indigeni di spicco a essere stati i critici più accesi del diritto di voto negli ultimi mesi.

La senatrice dei Verdi federali Lydia Thorpe, Jab Wurrung e Gunnay Ganditjmara si sono opposti al referendum sulla concessione del diritto di voto, definendolo una “perdita di tempo” e osservando che le risorse sarebbero spese meglio per raggiungere un accordo.

«Non abbiamo bisogno di un referendum per ottenere un trattato in questo paese, un trattato è ciò che il nostro popolo ha combattuto per decenni», ha detto al Guardian.

D’altra parte, la senatrice conservatrice del Territorio del Nord Jacinta Nampidjinpa Price ha affermato di non poter sostenere la “vaga proposta” avanzata dai laburisti.

«Non posso sostenere un’altra burocrazia finanziata dal governo federale che non ottiene più alcun risultato… abbiamo visto così tanti di questi modelli salire e scendere”, ha detto Price, che è di origine celtica-warlpiri.

Le difficoltà legate allo svolgimento di un referendum in Australia, così come i ricordi dell’aggressivo No!” intorno al plebiscito del matrimonio tra persone dello stesso sesso del 2017 sono stati citati anche i motivi per evitare di cercare di garantire il diritto di voto.

Tuttavia, il co-presidente della Prima Assemblea popolare del Victoria – Marcus Stewart – ha affermato che la voce dei popoli indigeni in parlamento è “al di sopra della politica”.

«Ora abbiamo l’opportunità di celebrare questo momento storico. Per vedere un sì votato con successo, non per tirarlo fuori con la divisione», ha detto.

Qualunque sia la decisione presa dal governo del Partito Laburista, è chiaro che il governo considera la riconciliazione attraverso l’inclusione dei voti indigeni in Parlamento più urgente di qualsiasi appello ad abbandonare la monarchia britannica. Albanese ha affermato che questa settimana è “inappropriato” parlare di cambiamenti costituzionali quando le persone piangono la regina.

Thorpe si è espresso contro quanto detto da Albanese, affermando che i nativi “hanno invocato il giorno del lutto per oltre 80 anni”.

Come ha twittato Thorpe: “Un processo per poter eleggere il nostro Capo di Stato ci riunirebbe tutti – ci costringerebbe a dire la verità sulla nostra storia e ci spingerebbe a intraprendere un’azione reale per correggere i torti iniziati con la colonizzazione“.

Indipendentemente dal futuro dell’Australia come membro del Commonwealth, l’eredità del monarca rimane una profonda macchia per molti nel paese, un fatto a cui è improbabile che venga posto rimedio con la semplice ascesa al trono di re Carlo III.

Traduzione di Alessandro Napoli

Fonte: thediplomat.com

Categorie

Senza categoria

Tag

, , ,

Exit mobile version