Vai al contenuto

Il bipensiero orwelliano e la Banca di Russia

Di Valentin Katasonov

Ho già pubblicato numerosi articoli sul romanzo “1984”, scritto dal famoso scrittore inglese George Orwell (1903-1950). Questa è una distopia contenente una descrizione della società “ideale”, che al momento della stesura del romanzo (1948) era, secondo il suo autore, proprio dietro l’angolo. Uno degli elementi importanti del “mondo nuovo e coraggioso” di Orwell è il doppio pensiero. Penso che la maggior parte dei lettori abbia familiarità con il romanzo e ricordino bene gli slogan tripartiti del partito del socialismo inglese (ING-SOC), che governava in un paese chiamato “Oceania”: GUERRA È PACE; LA LIBERTÀ È SCHIAVITÙ; L’IGNORANZA È POTERE.

Le pagine del romanzo spiegano in dettaglio cos’è il bipensiero e rivelano il ruolo della nuova lingua (neolingua) nell’educare i cittadini di Oceania allo spirito del doppio pensiero. In particolare, il protagonista del romanzo, Winston Smith, viene a conoscenza del bipensiero dal libro di Goldstein The Theory and Practice of Oligarchic Collectivism, bandito in Oceania. Dice:

Doublethink significa la capacità di sostenere contemporaneamente due convinzioni contraddittorie. L’intellettuale di partito sa in quale direzione cambiare i suoi ricordi; quindi, si rende conto che sta barando con la realtà; tuttavia, con l’aiuto del doppio pensiero, si assicura che la realtà sia rimasta intatta. Questo processo deve essere cosciente, altrimenti non può essere eseguito con precisione, ma deve anche essere inconscio, altrimenti ci sarà un senso di bugia e quindi senso di colpa. Il bipensiero è l’anima dell’Ingsoc, poiché il Partito usa l’inganno deliberato per mantenere una rotta ferma verso il suo obiettivo, e questo richiede completa onestà. Dire una bugia deliberata e allo stesso tempo crederci, dimenticando qualsiasi fatto diventato scomodo ed estraendolo dall’oblio non appena se ne ha nuovamente bisogno, negando l’esistenza della realtà oggettiva e tenendo conto della realtà, che si neghi, tutto questo è assolutamente necessario. Anche quando si usa la parola “Doublethink”, è necessario ricorrere al bipensiero. Perché usando questa parola ammetti che stai barando con la realtà; un altro atto di doppio pensiero e l’hai cancellato dalla tua memoria; e così via all’infinito, e la menzogna è sempre un passo avanti alla verità. In definitiva, è stato grazie al doppio pensiero che il partito è riuscito (e chissà, potrebbe riuscirci per migliaia di anni) a fermare il corso della storia“.

Insegnare a tutti i cittadini di Oceania (soprattutto quelli che appartengono al Partito del Grande Fratello) a pensare due volte è una condizione indispensabile per la stabilità e la perpetuità del potere del partito. I rappresentanti delle classi superiori (membri dei partiti esterni e interni) devono pensare correttamente, devono essere “ortodossi” e “ben intenzionati”. L’educazione del ben intenzionato dovrebbe iniziare nella prima infanzia e basarsi su concetti come “Self-stop” e “bianco e nero”. La capacità di utilizzare entrambi è un prerequisito per l'”ortodossia”.

Nel romanzo “1984” il significato di entrambi i concetti è rivelato in dettaglio. In particolare: “Self-stop significa, per così dire, la capacità istintiva di fermarsi sulla soglia di un pensiero pericoloso. Ciò include la capacità di non vedere analogie, di non notare errori logici, di interpretare male anche l’argomento più semplice se è ostile all’Ingsoc, di sentirsi annoiati e disgustati da un filo di pensiero che può portare all’eresia. In breve, Self-stop significa salvare la stupidità. Ma la stupidità non basta. Al contrario, un vero credente deve avere lo stesso controllo sui suoi processi mentali di un serpente in circolo sul suo corpo. In definitiva, il sistema si basa sulla convinzione che il Grande Fratello sia onnipotente e che il Partito sia infallibile”.

Ed ecco di più sull ‘”auto-arresto” (le riflessioni di Winston Smith nelle segrete del Ministero dell’Amore, dove il capo del partito O’Brien ha intrapreso la sua rieducazione): “Non appena appare un pensiero pericoloso, un punto cieco dovrebbe apparire nel cervello. Questo processo dovrebbe essere automatico, istintivo. Self-stop, si chiama così in neolingua“.

Ed ecco come si svela il significato di un’altra parola chiave, “bianco-nero”: “Come molte parole neolingua, ha due significati opposti. Quando applicato a un avversario, significa l’abitudine di affermare spudoratamente che il nero è bianco, contrariamente a fatti ovvi. Applicata a un membro del partito, la ben intenzionata disponibilità a chiamare il nero bianco se la disciplina del partito lo richiede. Ma non solo nominarlo: anche credere che il nero sia bianco, inoltre, sapere che il nero è bianco, e dimenticare che una volta la si pensava diversamente”.

Il doppio pensiero è una delle principali minacce alla vita umana e all’umanità. L’apostolo Giacomo ha messo in guardia su questo, in particolare, per altri duemila anni: «Un uomo con pensieri doppi non è fermo in tutte le sue vie» (Giacomo 1:6). Cristo ha parlato di questo. Ad esempio: «Nessuno può servire due padroni: o odierà l’uno e amerà l’altro; o sarà zelante per uno e trascurerà l’altro. Non puoi servire Dio e Mamon» (Matteo 6:24).

E ora passiamo dall’Oceania di George Orwell alla terra peccaminosa della Russia di oggi. Oggi stiamo assistendo a un tale doppio pensiero, che nemmeno la fantasia del geniale Orwell ha raggiunto. Ad esempio, i funzionari russi si sono abituati a fare discorsi molto patriottici. Ma allo stesso tempo, apprendiamo costantemente che all’estero questi stessi funzionari si trovano ad avere proprietà diverse: appartamenti, haciendas, conti bancari e così via. Lo apprendiamo non dalle nostre forze dell’ordine e dalle agenzie di intelligence, ma dai funzionari occidentali che annunciano a gran voce il sequestro di questa proprietà (soprattutto dopo il 24 febbraio dell’anno scorso).

Alcuni funzionari “avanzati” ci dicono che ciò che di fatto sta avvenendo in Ucraina non è un’operazione militare speciale (SVO) finalizzata alla smilitarizzazione e denazificazione del regime ucraino, ma uno scontro su larga scala tra la Russia e l’Occidente. Bene, è difficile non essere d’accordo con tali conclusioni. Ma allo stesso tempo, come se niente fosse, continuiamo a commerciare con molti paesi occidentali. E molti dei nostri concittadini arretrati, che non hanno padroneggiato l’arte del doppio pensiero, non riescono ancora a capire: siamo in guerra con l’Occidente o stiamo commerciando con l’Occidente? Nella loro coscienza arretrata, questi due principi non coesistono in alcun modo: guerra e commercio.

Inoltre, la parte arretrata della nostra società ha compreso in modo molto particolare lo slogan delle autorità sulla sostituzione delle importazioni (è stato abbandonato dopo il 24 febbraio dell’anno scorso). Molti dei nostri concittadini hanno accettato felicemente questo slogan, credendo ingenuamente che la sostituzione delle importazioni significhi sostituire le merci importate con merci di propria produzione (questa è la definizione di sostituzione delle importazioni nei libri di testo e nei dizionari). Tuttavia, continuiamo ancora a importare. I cittadini “arretrati” non hanno capito che oggi la sostituzione delle importazioni non significa altro che sostituire le importazioni dal paese X con le importazioni dal paese Y. E nessuno ripristinerà e svilupperà la produzione interna.

In Russia oggi ci sono molte forme di manifestazione e sfumature del doppio pensiero orwelliano: astuzia, ipocrisia, doppiezza, ambiguità, doppi standard, doppio pensiero, dissonanza cognitiva, scissione della ragione (schizofrenia), doppia personalità, opportunismo, conformismo, ecc. distrugge una persona come un virus, il sistema della pubblica amministrazione, l’istruzione, la cultura, la moralità, tutte le sfere della vita pubblica.

Una delle forme di bipensiero che regna nel nostro tempo è il doppio pensiero legale. La capacità di interpretare leggi e regolamenti come è conveniente. I documenti normativi sono particolarmente saturi di formulazioni come: “Non puoi perdonare l’esecuzione”. I funzionari e i dipartimenti di giustizia mettono una virgola in tale formulazione, tenendo conto dell’opportunità attuale. Tale doppio pensiero legale può manifestarsi nel quadro di una legge (ordinanza). Si manifesta anche nel fatto che le disposizioni di una legge (statuto) non “combattono” con le disposizioni di altre leggi (statuto).

Naturalmente, prima c’era un doppio pensiero legale. Ad esempio, nel dizionario pre-rivoluzionario di Dahl, troviamo il detto: “La legge è come un timone: dove ti sei girato, è andato lì”. Ma il doppio pensiero legale del passato non può essere paragonato al doppio pensiero legale della Russia “democratica” di oggi, che nel primo articolo della Costituzione della Federazione Russa si è dichiarata “uno stato di diritto federale democratico”. Ricordo le leggi sovietiche e i principi della loro creazione (ci insegnavano diritto civile all’istituto). Il principio più importante è l’inammissibilità di interpretazioni diverse, l’ambiguità della formulazione. In questo senso, l’URSS era davvero uno stato legale. Cosa non si può dire della Federazione Russa.

Soprattutto spesso devo affrontare il doppio pensiero legale che prevale in un’area come le relazioni monetarie e finanziarie (a causa dei miei interessi professionali). Prendiamo, ad esempio, l’attuale legislazione che regola le attività della Banca Centrale della Federazione Russa e la sfera delle relazioni monetarie. È impossibile capire cosa sia la Banca Centrale della Federazione Russa. Nelle parole di A. S. Pushkin, questo «non è un topo, non una rana, ma un animaletto sconosciuto». Questo “animaletto sconosciuto” controlla non solo l’intera sfera monetaria, ma praticamente l’intera economia russa, da quando dieci anni fa ha ricevuto i poteri di “mega-regolatore finanziario”. E tutti i ministeri e dipartimenti del ramo esecutivo del governo sono solo una “richiesta gratuita” per questo “piccolo animale sconosciuto”.

Darò solo alcuni esempi di doppio pensiero legale riguardo alla Banca Centrale.

  • Doppio pensiero all’interno della Costituzione della Federazione Russa. L’articolo 75 della Legge fondamentale afferma: “Proteggere e garantire la stabilità del rublo è la funzione principale della Banca Centrale della Federazione Russa, che svolge indipendentemente dalle altre autorità statali“. Ed ecco l’articolo 114, che dice: “Il governo della Federazione Russa… assicura l’attuazione di una politica finanziaria, creditizia e monetaria unificata nella Federazione Russa“. Qualsiasi economista e solo una persona istruita comprende che “proteggere e garantire la stabilità del rublo” è la cosa principale nella politica monetaria. L’articolo 114 obbliga il governo della Federazione Russa ad assumersi la responsabilità di proteggere e garantire la stabilità del rublo, e l’articolo 75 attribuisce tale responsabilità alla Banca di Russia e avverte che né il governo né altre autorità statali dovrebbero interferire in questa materia.
  • Contraddizione tra la Costituzione e la legge federale “Sulla Banca Centrale della Federazione Russa (Banca di Russia)” del 10 luglio 2002 N 86-FZ. L’articolo 75 della Costituzione della Federazione Russa di cui sopra ci consente di concludere che la Banca di Russia è un’autorità statale. Ciò è evidenziato dalla parola “altri” nel passaggio precedente. Ed ecco un frammento dell’articolo 2 della legge sulla banca centrale: “Lo Stato non è responsabile per gli obblighi della Banca di Russia e la Banca di Russia – per gli obblighi dello Stato“. Non ci sono altre opzioni, tranne una: la Banca di Russia non è lo Stato, e quindi un organo di potere statale.
  • Disposizioni mutuamente esclusive all’interno della legge sulla Banca Centrale. Iniziano letteralmente con i primi articoli della suddetta legge. L’articolo 1 afferma: “Le funzioni e i poteri previsti dalla Costituzione della Federazione Russa e dalla presente Legge federale sono esercitati dalla Banca di Russia indipendentemente dalle altre autorità statali federali, dalle autorità statali delle entità costituenti la Federazione Russa e dalle autorità locali – organi di governo“. Ancora una volta, si riconosce che la Banca Centrale è una “autorità pubblica”. E l’articolo 2 della legge sulla Banca Centrale contiene la suddetta formulazione secondo cui la Banca di Russia non è responsabile per gli obblighi dello Stato. Se la Banca di Russia è un’autorità pubblica, i suoi obblighi (in senso lato – obblighi) sono gli obblighi dello Stato. Arriviamo alla conclusione che la Banca di Russia potrebbe non essere responsabile dei suoi obblighi. Nessun’altra autorità pubblica gode di tali “indulgenze”. Qualsiasi persona fisica e giuridica nella Federazione Russa, in conformità con la legislazione russa, è responsabile dei propri obblighi. E solo la Banca di Russia ne è esente! E questo deriva dai primi due articoli della Legge sulla Banca Centrale!
  • Ed ecco un’altra assurdità legale all’interno della Legge sulla Banca Centrale. L’articolo 2 afferma: “Il capitale autorizzato e altri beni della Banca di Russia sono proprietà federale. Conformemente agli scopi e secondo le modalità stabilite dalla presente legge federale, la Banca di Russia esercita l’autorità di possedere, utilizzare e disporre dei beni della Banca di Russia, comprese le riserve auree e valutarie della Banca di Russia. Il ritiro e il gravame di detta proprietà senza il consenso della Banca di Russia non sono consentiti. In questo frammento compare il concetto di “proprietà federale“. Nell’articolo 214 del codice civile della Federazione Russa si legge: “La proprietà statale nella Federazione Russa è proprietà della Federazione Russa (proprietà federale)”. Quindi, “il capitale autorizzato e altre proprietà della Banca di Russia” sono di proprietà dello Stato. E lo stesso articolo 2 dice che la Banca Centrale non è responsabile degli obblighi dello Stato. Lo Stato non è responsabile dei suoi obblighi? – Questo è fantastico! Lo Stato ha deciso di utilizzare la Banca di Russia come una sorta di “offshore” in cui nascondere proprietà, in cui evitare di adempiere ai propri obblighi? E questo nonostante il fatto che l’articolo 1 della Legge fondamentale della Federazione Russa dichiari solennemente che la Federazione Russa è uno “Stato di diritto”!
  • Nello stesso articolo 2 della legge sulla Banca Centrale c’è un altro interessante paradosso. Il capitale autorizzato della Banca di Russia, come affermato in questo articolo, è di proprietà federale. Per riferimento: oggi il suo valore è di 3 miliardi di rubli. In senso figurato, lo Stato è l’unico “azionista” della Banca di Russia. Ma la legge sulla Banca Centrale vieta a questo “azionista” di gestire la Banca di Russia. Questa “azienda” è gestita esclusivamente da top manager. Oggi è Nabiullina e Co. È difficile immaginare che tali regole possano esistere negli affari privati. Lì, la massima dirigenza appartiene sempre a chi ne è l’azionista esclusivo o di maggioranza.

Permettetemi di ricordarvi che ci sono 99 articoli nella legge federale sulla banca centrale. I “paradossi” sono presenti in quasi tutti gli articoli di questo documento. A volte all’interno di un singolo articolo. E il numero di “incongruenze” tra i singoli articoli della legge non può essere stimato con precisione. E il numero di “incongruenze” tra gli articoli della Legge federale sulla Banca Centrale e altre leggi e regolamenti va all’infinito.

Tale “doppio pensiero legale” garantisce la completa “indipendenza” della Banca di Russia dallo Stato, con tutte le conseguenze che ne derivano. Usando il linguaggio di Orwell, si può proporre la seguente formula: “LA BANCA DI RUSSIA NON È LA RUSSIA”. Oppure: “la BANCA DI RUSSIA è l’ANTIRUSSIA”.

Traduzione a cura di Alessandro Napoli

Fonte: reosh.ru

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: